QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nuove regole sperimentali per la salute del cuore non causate dai vaccini

Nuove regole sperimentali per la salute del cuore non causate dai vaccini

Nuove regole FAA per la salute del cuore Nessuna iniezione causata da COVID-19

Notizie false: il Amministrazione federale dell’aviazione La FAA avrebbe allentato i requisiti che i piloti di linea devono soddisfare per quanto riguarda la salute del cuore perché molti di loro hanno subito danni cardiaci da COVID-19 Vaccini.

i fatti: A ottobre, la FAA ha ampliato i criteri accettati che utilizza durante lo screening dei piloti per una specifica condizione cardiaca chiamata blocco cardiaco o blocco AV.

Questa modifica è stata apportata in risposta a nuove prove scientifiche su questa condizione da cardiologi consulenti, non a causa di reazioni avverse ai vaccini COVID-19.

il aggiornare Ha alimentato la speculazione, con alcuni che affermavano falsamente che fosse collegato ai vaccini.

Il blocco atrioventricolare può rendere difficile per il cuore pompare il sangue in modo efficace rallentando o bloccando il segnale elettrico che controlla la frequenza cardiaca. È classificato come grado I, II o III e viene spesso diagnosticato mediante un elettrocardiogramma, chiamato anche ECG o ECG, che misura l’attività elettrica del cuore.

Un normale risultato ECG è solitamente definito come un intervallo PR – il tempo impiegato dal segnale elettrico per viaggiare dalla parte superiore del cuore verso il basso – da 120 a 200 millisecondi. Un PR superiore a 200 ms di solito indica un blocco AV. Tuttavia, un blocco AV di primo grado rallenta solo il segnale elettrico, anziché bloccarlo, e spesso non ha conseguenze evidenti.

ha detto. Roland Asi, cardiochirurgo e assistente professore alla Yale University.

In precedenza, i piloti con un blocco AV di primo grado dovevano fornire una documentazione attestante che non avevano “alcuna prova di funzionalità scheletrica o malattia coronarica” ​​prima di poter ottenere una licenza di pilota.

READ  Quello che sappiamo sull'infezione da epatite osservata nel Regno Unito

di recente aggiornare Le linee guida della FAA affermano che i piloti con un blocco AV di primo grado e un intervallo PR inferiore a 300 ms possono essere certificati senza documentazione aggiuntiva se sono asintomatici e il medico legale non ha obiezioni. Questa decisione non è stata presa perché i piloti hanno sviluppato problemi cardiaci a seguito dei vaccini COVID-19.

“Quando si apportano modifiche ai requisiti e alle linee guida mediche, la FAA segue processi standard basati su dati e scienza”, afferma la FAA. AP In una dichiarazione inviata via e-mail. “I nostri consulenti di cardiologia hanno fornito informazioni sul fatto che qualsiasi cosa al di sotto dei 300 millisecondi non richiede ulteriori test e non presenta alcun rischio di ostruzione improvvisa o lieve”.

Se un pilota ha un blocco AV di primo grado con un intervallo PR di 300 ms o più, ulteriori dati devono essere inviati alla FAA prima che possa essere presa una decisione definitiva sulla sua certificazione.

Secondo Rossi avere un certificato di pilota con blocco AV di prima classe non comporta rischi reali finché non ci sono altri problemi.

Medico. Richard Kovacs, Ufficiale medico capo a partire dal Collegio americano di cardiologiaconcorda sul fatto che le nuove linee guida della FAA non sono motivo di preoccupazione.

“Gli standard FAA aggiornati per l’estensione dei parametri ECG relativi al blocco AV sono ragionevoli e coerenti con le raccomandazioni delle linee guida ACC”, ha scritto in una e-mail all’AP.

Le reazioni gravi ai vaccini COVID-19, come i danni cardiaci, sono rare, secondo il CDC.

Rossi e Adler spiegano che le prove scientifiche non indicano un legame tra il blocco atrioventricolare e il vaccino COVID-19.

READ  Trattamento di ricostruzione mammaria mini-invasiva dopo lo studio UMC+ di Maastricht

La FAA afferma anche nella sua dichiarazione che “non ha prove di incidenti aerei o disabilità causate da piloti che hanno avuto complicazioni mediche legate ai vaccini COVID-19”.

Il pesticida tossico DDT non ha nulla a che fare con la poliomielite

Notizie false: La poliomielite ha smesso di diffondersi quando il DDT è stato gradualmente eliminato, non quando sono stati introdotti i vaccini contro il virus.

i fatti: Diversi esperti medici hanno confermato all’AP che è stato ampiamente dimostrato che la poliomielite ei suoi effetti collaterali, inclusa la paralisi, sono causati dal poliovirus, non da un pesticida.

Gli utenti dei social media travisano la causa della malattia virale, suggerendo che un pesticida agricolo tossico sia collegato alla malattia.

Ma gli esperti medici che studiano la malattia affermano che l’affermazione non è vera. ha detto. Olakunle Alonge, professore presso il Dipartimento di Salute Internazionale della Johns Hopkins University Bloomberg Scuola di Sanità Pubblica.

La malattia virale, che colpisce soprattutto i bambini, era una delle malattie più temute nel Paese. Mentre alcune persone sviluppano sintomi simil-influenzali o nessun sintomo, i casi più gravi possono causare la paralisi.

I vaccini sono disponibili dal 1955 e una campagna di vaccinazione nazionale ha ridotto il numero annuale di casi negli Stati Uniti a meno di 10 negli anni ’70, secondo gli Stati Uniti. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Nel 1979 divenne poliomielite dichiarata eradicata negli Stati Uniti. Questo grazie alla diffusa somministrazione di vaccini per combattere la malattia, ha affermato Rosemary Rochford, professoressa di immunologia e microbiologia e co-direttrice del Climate and Health Program presso la University of Colorado School of Medicine.

READ  Dopotutto, l'MRSA non è stato creato dall'uomo

“Il vaccino antipolio è stato direttamente responsabile dell’eradicazione della polio negli Stati Uniti”, ha scritto in una e-mail all’AP.

T, nel frattempo, è un insetticida agricolo ampiamente utilizzato a metà del XX secolo. Era nel 1972 da American Agenzia per la protezione ambientale È stato vietato a causa delle preoccupazioni per il suo impatto dannoso sull’ambiente e la sua continuazione nella catena alimentare. È anche considerato un probabile cancerogeno dal CDC.

Mentre i resoconti storici mostrano che in alcuni casi il DDT è stato spruzzato nelle città in un maldestro tentativo di contenere la diffusione del poliovirus, questa campagna non è stata efficace.

“La polio è causata dal virus della polio”, ha scritto Rochford in una e-mail all’Associated Press.

“Il DDT è un pesticida, quindi non mi è chiaro come un pesticida possa causare un’infezione virale. Non esiste alcun meccanismo che io sappia che un pesticida potrebbe causare un’epidemia di poliomielite”.

Alonge afferma che la “disinformazione” potrebbe essere correlata alla ricerca che mostra che il DDT può essere associato a effetti neurologici, inclusa la paralisi delle gambe, nelle persone esposte cronicamente a livelli elevati della tossina.

Tuttavia, Alonge spiega che la paralisi causata dalla poliomielite e forse la paralisi causata dagli insetticidi sono diverse e derivano da meccanismi diversi.

Alonge sottolinea che anche coloro che sono rimasti paralizzati dall’esposizione cronica al DDT non corrispondevano alla popolazione più colpita dalla poliomielite. Aggiunge che le complicazioni del DDT colpiscono principalmente i lavoratori agricoli, non i bambini nella popolazione generale.