QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Orban si inginocchia per risparmiare i soldi dell’UE dopo la “notte umiliante”

L’Ungheria rinuncia al potere di veto su un prestito di 18 miliardi di euro all’Ucraina e sull’introduzione di tasse minime per le multinazionali. La “pressione finanziaria” europea su Orban ha funzionato.

Con la sua opposizione su due dossier cruciali dell’UE, il primo ministro ungherese Viktor Orban sperava di esercitare pressioni sugli altri Stati membri affinché fossero più indulgenti della Commissione nel congelare i fondi europei al suo paese.

Alla fine di novembre, la Commissione ha proposto di approvare in linea di principio il piano ungherese per la ripresa dal coronavirus – del valore di 5,8 miliardi di euro -, ma di collegare il pagamento dei fondi all’attuazione di una serie di “traguardi”. Inoltre, ha affermato che 7,5 miliardi di euro di fondi di coesione per l’Ungheria dovrebbero essere congelati fino a quando il governo di Orban non attuerà una serie di 17 impegni per ripristinare lo stato di diritto e combattere la corruzione. Quest’ultima proposta rientra nel nuovo meccanismo dello stato di diritto, che mira a prevenire gli abusi con i fondi europei.

Inversione di ruolo

Ma la Repubblica Ceca ha deciso di mettere tutto in un unico pacchetto e ha ribaltato la situazione. Se Orban non rinuncia al suo potere di veto, altri Stati membri hanno minacciato di non approvare il piano di rilancio prima della fine di quest’anno. In questo caso, la maggior parte di quei 5,8 miliardi è stata persa definitivamente.

Inoltre, gli altri 26 Stati membri hanno sviluppato uno schema di prestito alternativo per l’Ucraina, utilizzando i bilanci nazionali come garanzia. Analogo approccio è stato previsto per l’imposta minima, approvandola a livello di Stati membri. Ciò ha indebolito la posizione di Orban. Ha anche un disperato bisogno di denaro europeo, ora che l’economia del suo paese sta iniziando a cedere e l’inflazione è salita al 22% a novembre.

READ  Kim Jong Un impedisce ai giovani nordcoreani di parlare lo slang sudcoreano | all'estero

Congelati miliardi in meno

Nella tarda serata di lunedì, l’Ungheria si è messa in ginocchio durante una riunione di ambasciatori. Ha approvato un prestito di 18 miliardi di dollari all’Ucraina in dieci anni per coprire le spese correnti nel 2023, con il bilancio europeo come garante e gli Stati membri che pagano gli interessi. Orban ha anche ritirato il veto sull’imposta minima per le multinazionali, che era stata concordata all’interno dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

In cambio, il premier ungherese ha ottenuto una riduzione dell’ammontare dei fondi di coesione congelati da 7,5 miliardi a 6,3 miliardi di euro. Ma né quel denaro, né i 5,8 miliardi di dollari del recovery fund, saranno erogati fino a quando l’Ungheria non attuerà 27 “impegni trascendentali” per ridurre la corruzione e riparare l’erosione dello stato di diritto.

Sollievo per Michelle

Inversione Politica Un diplomatico l’ha definita “una notte offensiva per Orban”. Ha dovuto ingoiare il suo veto e ha ottenuto per poco una riduzione in base al meccanismo dello stato di diritto. E tutto questo per salvare il recovery plan e calmare un po’ i mercati.

L’accordo, che sarà formalmente approvato domani da 27 paesi senza cambiamenti inattesi, è un sollievo anche per Charles Michel, presidente del Consiglio europeo. Si temeva che giovedì il vertice europeo sarebbe stato tenuto in ostaggio per ore per discutere del problema ungherese.