QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

‘Ordina il tuo pane o torta in anticipo, altrimenti non ce la faremo’: il panettiere del Limburgo spera di produrre in modo più specifico con una chiamata | Energia e denaro Limburgo

HelsternLa cottura del pane o della torta deve essere più efficiente che mai a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia. Far funzionare un forno mezzo pieno è difficilmente fattibile dal punto di vista finanziario e buttare via il pane richiede un pedaggio. “Le persone hanno imparato a ordinare pane e torte durante Corona, potrebbe essere la soluzione ora”, afferma il caldo fornaio Kenny van Heusen, 33 anni, di Hellsteren, e l’uomo ha dovuto licenziare il personale la scorsa settimana e rimuoverlo dal suo spettacolo.

Leggi di più su tutte le storie sull’energia del Limburgo qui.

L’acqua è sulla bocca di molti liberi professionisti e questo è sicuramente il caso dei fornai che consumano molta energia. Kenny van Heusen gestisce Het Bakerspunt a Hilchteren da sette anni e la scorsa settimana ha dovuto licenziare il suo collega abituale dopo quasi sette anni. “Non riuscivo a trovare un’altra opzione, mi sento davvero come se stessi salutando un membro della famiglia. Ma mi è costato rapidamente 50.000 euro all’anno e con l’attuale crisi non lo sopporto”, dice Kenny.

Perché per il fornaio le materie prime generali sono aumentate vertiginosamente e allo stesso tempo i costi energetici sono aumentati notevolmente. Ho pagato 4 euro per un chilo di burro sei mesi fa. Oggi circa 11 euro. Anche il prezzo del fiore è raddoppiato. I prezzi dell’energia da elettricità e gas sono aumentati di dieci volte tra molti tizi, fornai di 30 anni che stanno gettando la spugna o hanno paura di ritirarsi solo fino a Natale. Ho ancora un contratto a tempo indeterminato, ma trattengo il respiro dopo l’accordo”.

READ  In meno di un anno, 273 incidenti negli Stati Uniti causati dal pilota automatico Tesla | tagliare

(Leggi di più sotto la foto)

Kenny sente costantemente come i colleghi che esistono da 30 anni stanno gettando la spugna. © Caroline Quinn

Ecco perché Van Heusen vuole anticiparlo ora. “I giorni in cui stimavo quanti pani metterò sugli scaffali oggi sono lontani. Meno butti via alla fine della giornata, meglio è. Più vendi, ovviamente. Mandando via le persone perché io non l’ho fatto Anche non conservare abbastanza pane non è un problema. In un forno ottengo circa 140 pagnotte di pane a pagamento. In passato, ho fornito mezzo forno con pane extra dopo la produzione, ma far funzionare un forno mezzo vuoto mi sta uccidendo .”

La soluzione secondo Kenny: chiedi in anticipo. Dopo la crisi del Corona, questo può essere fatto online in molti luoghi, ma ovviamente anche tramite Messenger su Facebook o per telefono. Durante Corona la gente lo faceva in massa, la domenica l’intera vetrina del negozio era piena di ordini. Ora è di nuovo dimezzato, ma aiuterà davvero il piccolo fornaio in modo che possa lavorare in modo più mirato”.


citazioni

Ad Albert Heijn ho visto come si possono ottenere due pani di tigre gratis con un vasetto di cioccolata. Quanto è ingiusto?

Calda pasticceria Kenny Van Heusen

Perché non vendere l’eccedenza a un prezzo inferiore alla fine della giornata, potresti pensare? “La gente me lo suggerisce, ma poi ottieni un gruppo che aspetta intenzionalmente un giorno, e poi vendo in perdita. È così che si rompe anche la storia. I supermercati possono farlo, come ho visto su Albert Heijn come puoi ottenere due pani di tigre gratis con un vasetto di cioccolata Quanto è ingiusto?”

Un’altra soluzione, secondo Kenny, è quella di fissare un prezzo minimo generale per il pane. The Bakers’ Union ci consiglia di addebitare € 2,94 per una pagnotta. Per ora lo terrei a 2,70 euro, ma in realtà tutti, supermercati compresi, devono chiedere 3 euro, per essere onesto. Nel frattempo, ho dovuto anche omettere e servire altri cinque tipi di pane speciali a meno. Altrimenti rimarranno solo bianchi, grigi, multicereali, integrali, segale, farro e Kenny’s Dark”.

Esplosione dei prezzi delle materie prime e colli di energia per Kip & Co a Ostmal (+)

Complessi saune che lamentano costi energetici elevati: “Ma abbassare il livello di riscaldamento non è un’opzione” (+)

Qual è il modo migliore per risparmiare? “Inizia dalla spesa: siamo noi stessi a influenzarla più facilmente” (+)