QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Panico in Italia: minaccia un supervulcano dormiente da secoli

Panico in Italia: minaccia un supervulcano dormiente da secoli

Il supervulcano italiano dei Campi Flegrei, rimasto dormiente per centinaia di anni, ha sempre più probabilità di eruttare. I sismologi sostengono che un’esplosione del genere sarebbe abbastanza potente da innescare una “mini era glaciale” per una parte del pianeta. Inoltre, le eruzioni sottomarine possono causare tsunami alti fino a 30 metri. Pozzuoli e Sorrento, le zone costiere per clima e popolazione, saranno le più colpite, hanno detto gli scienziati.

Tutti sanno che il Vesuvio eruttò nel 79 d.C. Distrutto vicino a Pompei. Ma pochi sanno che a un'ora di macchina da quella famosa montagna sputafuoco esiste un alto rischio di eruzione.

È un vulcano così grande e potente che fa sembrare l'eruzione del Vesuvio un buffo falò.

Nome italiano del vulcano Campy Fleury, Ma a noi piace ancora di più il nome inglese: Campi PlegreianiSignifica “campi in fiamme” o “campi di fuoco”.

Poche persone sanno di questo gigante addormentato, del fatto che giace sottoterra. Ma questo non lo rende meno pericoloso.
Un nuovo studio dell'Istituto italiano di geofisica e vulcanologia (INGV) e dell'University College di Londra (UCL) conclude che i Campi Flecri sono sempre più “indeboliti” e “più soggetti a crepe e fratture”.

È stato registrato anche un aumento dell'attività sismica; Un segno di accumulo di gas e magma. In un mese, gli scienziati hanno registrato più di 600 terremoti nella zona.
Questi sono tutti segnali di un aumento dell’attività (e quindi della probabilità di un’eruzione).

Pericolo immediato

Solo abbonati
Accedi a questo articolo.

Per ottenere accesso illimitato agli articoli Plus su pnws.be,
Devi accedere come abbonato o iscriverti.

Seleziona il tuo abbonamento

fatti


Vuoi leggere questo articolo gratuitamente?

Inserisci il tuo indirizzo email, non è necessario essere abbonati.

Organizzato in meno di 1 minuto!





Ciò è preoccupante, anche perché si tratta di una zona costiera densamente popolata.

Ad esempio c'è la città di Pozzuoli. Con i suoi 80.000 abitanti, si trova tra il Mar Mediterraneo e Camby Fleury, e si trova nella “zona rossa”, quella più a rischio di essere colpita da letali nubi di gas vulcanico.

Mauro Antonio Di Vito dell'Ingv ha già sottolineato che le strette vie della città renderanno più difficoltosa una rapida evacuazione. “Queste aree sono state urbanizzate senza tenere conto della loro vulnerabilità”, ha detto Di Vito.

Non è l’unica città in pericolo. In totale, meno di 500.000 persone vivono in quella “zona rossa” e un altro milione affronta altri rischi.

Guarda Napoli. La città di oltre 900.000 abitanti potrebbe aver evitato la distruzione immediata, ma ha raggiunto una nuvola di cenere vulcanica tossica.

Supervulcano

Sebbene i Campi Flegrei siano spesso chiamati supervulcano, in realtà non è del tutto esatto. I supervulcani hanno un elevato volume di eruzioni: 8 su 'Indice di eruzione vulcanica'.
Ciò richiede l’evacuazione di oltre 1.000 chilometri cubi di materiale.

Tuttavia, la più grande eruzione che possiamo identificare finora è quella dei Campi Flegrei con soli 285 chilometri cubi. Un'esplosione lo colloca nella categoria 7.

Ma attenzione: anche un'eruzione di “Tipo 7” può avere conseguenze devastanti. La vastità dei Campi Flegrei, se eruttassero, potrebbero far entrare parti del mondo in una mini era glaciale e cambiare il clima per decenni.

Se il vulcano ripetesse la sua massiccia eruzione, le conseguenze sarebbero assolutamente catastrofiche. Molta roccia fusa e gas vulcanici verrebbero espulsi nella stratosfera, sarebbero possibili tsunami improvvisi alti più di 100 piedi e lo zolfo e le ceneri tossiche potrebbero far precipitare la Terra in una sorta di pseudo-inverno per anni.
La cenere blocca la luce solare, provocando un abbassamento della temperatura globale e la morte delle piante.

Non è solo un inverno innaturale, è un disastro per la natura. Anche molti elementi chimici rilasciati nella nuvola di una tale esplosione sono molto pericolosi. Ad esempio, elevate concentrazioni di fluoro possono uccidere le piante e causare malattie (come la fluorosi) negli animali.

funzione

Ma quanto è davvero “sveglio” Sempi Flegre? Si tratta di un caso di “chissà, potrebbe succedere un giorno” o dovremmo davvero preoccuparci?
Ebbene, purtroppo la verità è più vicina alla seconda domanda che alla prima.

Il vulcano è attivo dalla metà del XX secolo, con un leggero aumento di attività negli anni '50, '70 e '80.

Durante questo periodo, come accennato, il terreno sotto la cittadina vulcanica di Pozzuoli si è alzato di 10 centimetri ogni anno. Si tratta di un aumento di ben 4 metri rispetto agli anni '50.
Questo mostra quanta attività c'è nel sottosuolo in quella zona.

La regione è inoltre regolarmente soggetta a terremoti minori. Nel mese di aprile sono stati rilevati più di 600 (!) terremoti: il più grande terremoto in un mese mai registrato nella regione.
Nell'ultima settimana sono stati segnalati anche dozzine di terremoti.

Questi molteplici shock sismici provocano fratture nel terreno, che indeboliscono la struttura del vulcano e quindi aumentano la probabilità di un'eruzione.
“Se il movimento verso l'alto continua in questo modo, la crosta risultante alla fine collasserà In qualche luogo rompere. Non può andare avanti per sempre”, ha detto il professor Christopher Kilburn, che ha condotto lo studio.

Quindi il rischio è sicuramente reale. Ma per concludere, un messaggio positivo: la possibile eruzione dei Sempi Flegrei non significa una catastrofe grave.

Kilburn ha aggiunto un po’ di speranza alle sue notizie apocalittiche: “Se ci sarà un’eruzione in futuro, è più probabile che sarà piccola. Potrebbe esserci un tumulo serio, ma non prevediamo che l'eruzione sarà grande quanto quella del XVI secolo.

READ  Pazzi per l'Italia? Quindi vai a Is Mores per una cena a più portate