QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Passo ore a pulire secondo le regole che ho creato.”

“Passo ore a pulire secondo le regole che ho creato.”

Già presentato da bambino Allen La sua stanza è pulita fino all'ultimo millimetro, ma è solo quando cresce che si rende conto di soffrire di disturbo ossessivo-compulsivo. “Devo ammettere onestamente che a volte allagavo la casa fino alle tre del mattino.”

Incapacità di rilassarsi

“A volte altre donne si siedono in silenzio con una tazza di tè. Semplicemente per rilassarsi. Non riesco nemmeno a ricordare l'ultima volta che l'ho fatto. Non ho tempo per farlo. La pulizia richiede troppo tempo. Se non pulisco casa mia, mi pulisco. Nei periodi brutti riesco tranquillamente a lavarmi le mani 50 volte al giorno, ma sono ancora 30 quando sono più in forma. Basta toccare qualcosa altrimenti si sporca di nuovo. lo stesso vale per molte cose – e persone – che arrivano da fuori.

Per qualcuno con disturbo ossessivo compulsivo, non esiste una zona grigia in cui puoi fare qualche contrabbando di tanto in tanto. Purifico tramite comando, con rituale. Non è possibile pulire la superficie di lavoro una sola volta. Questo deve essere fatto almeno due volte. Inoltre, esiste un solo buon modo per risciacquare le salviette detergenti. La cosa fastidiosa è che se vengo interrotto nelle mie azioni, posso ricominciare da capo, perché poi penso di non aver fatto un lavoro abbastanza buono. Devo onestamente ammettere che a volte lavavo la casa fino alle tre del mattino.

Pulizie per ore

Quando ero bambino ero davvero strano. Un nuovo paio di pantaloni è rimasto nel mio armadio per settimane. Solo se avessi delle scarpe nuove penserei che sono giuste e me le lascerei indossare. Ho pulito la mia stanza fino all'ultimo millimetro. Si potrebbe dire che i miei genitori abbiano notato qualcosa, ma ricordo soprattutto che mia madre mi faceva i complimenti per la mia eleganza, cosa che inavvertitamente mi incoraggiava. Eri così gentile da essere intimidatorio. Peccato, perché il bambino ha semplicemente bisogno di essere libero e sfrenato.

Durante la mia adolescenza, mi sono reso conto di essere diverso dagli altri. Se le mie cose venivano toccate, era motivo di chiamarle sporche. Questo è stato applicato alla mia stanza e a tutto ciò che contiene, ma ho anche avuto difficoltà a gestire le cose all'esterno che non sono proprio facili da pulire. I trasporti pubblici, ad esempio, e i bagni pubblici. Cercavo di nascondere il mio disgusto e quasi sempre riuscivo a evitare di toccare le maniglie delle porte: lasciavo che lo facesse qualcun altro oppure usavo i piedi.

READ  Lindsay ha perso sua figlia Maeve (1) a causa della meningite. "Non aveva alcuna possibilità"

Vivere da solo non migliorava la coercizione. Passavo ore a pulire secondo le regole che avevo ideato e non potevo andare in bagno da nessun'altra parte, tranne che a casa. Al lavoro non potevo evitarlo ogni tanto. Per me era molto importante lavarmi le mani prima di andare in bagno. Poiché non volevo che gli altri lo vedessero, potevo andarci solo se non c'erano colleghi. Tuttavia, scrutavo costantemente l'ambiente circostante per vedere se il mio comportamento risaltava. Nascondere le mie compulsioni è diventata sempre più una seconda natura.

Non ho voglia di aiutare

Il mio ragazzo, con cui ora vivevo con il mio amore d'infanzia, non se ne era nemmeno accorto. Ero molto bravo a nascondere le mie compulsioni. Mi puliva anche molto. Ad un certo punto le cose tra noi sono peggiorate. C'erano anche problemi con il mio lavoro. Allo stesso tempo, le mie compulsioni diventavano più gravi e passavo ore al giorno a praticarle. Non riesco più a tenere tutte le palle in aria. Sono crollato e sono finito dal medico di famiglia su consiglio di mia madre. Adesso ho notato che sto pulendo molto.

Non passò molto tempo nello studio prima che venisse menzionata la parola “disturbo ossessivo-compulsivo”. Non mi sono riconosciuto affatto in quello che è stato detto. La pulizia non era affatto causata dalla paura della malattia, come alcuni altri. Non avevo assolutamente voglia di chiedere aiuto. Avevo un capo e la mia relazione è finita, ma tutto ha funzionato bene. Non volevo il disturbo ossessivo compulsivo. Volevo essere una brava donna nel fiore degli anni. Tuttavia ho chiesto aiuto. Sono stati esaminati vari professionisti. Tutti hanno scatenato i loro protocolli contro di me. Mi hanno dato anche degli antidepressivi. Dopo un po' le cose migliorarono. Anche se penso che abbia più a che fare con un nuovo fantastico lavoro e un nuovo amico simpatico che con la terapia. Ho mollato. La compulsione è meno grave quando sono sano e peggiore quando non mi sento bene. Guardando indietro, penso che sia un peccato aver gestito la cosa in questo modo. Non mi sentivo a casa con nessuna badante. Ma ciò era in gran parte dovuto alla mia ignoranza e al fatto che non prendevo abbastanza sul serio il mio disturbo.

READ  Il trattamento di fertilità IVM è efficace quanto la fecondazione in vitro classica per le donne con PCOS

Germi nei giovani

Ho parlato al mio amico della coercizione all'inizio della nostra relazione. Dopo un po' ho chiesto nuovamente aiuto; Primo contatto con gli altri pazienti e poi trattamento. La differenza era che ora avevo una visione approfondita del mio quadro clinico e quindi ero in grado di affrontare meglio la coercizione. Ho imparato molto sul disturbo ossessivo compulsivo e mi sono chiesto da dove provenissero le mie compulsioni. Un consulente ha detto: è importante? In altre parole, ha senso chiedersi come liberarsene. Ho pensato che fosse una buona idea. Se dovessi provarci, penso che i semi siano stati piantati nella mia giovinezza. I miei genitori divorziarono quando ero molto giovane. Anche se avevo solo tre anni al massimo, ne avevo ancora le immagini in testa. Penso che, in parte a causa del loro divorzio, lei avesse paura di entrare in una relazione. Tutto fuori è una minaccia, ma tutto dentro è sicuro. Penso che sia per questo che faccio tutto il possibile a casa per tenere lontane le influenze sporche provenienti dall'esterno.

Pantofole speciali

Recentemente il mio amico mi ha chiesto come siamo arrivati ​​a questa merda. Il fatto che all'inizio gli avessi parlato del mio disturbo ossessivo compulsivo non significava che entrambi sapessimo cosa avrebbe comportato. Essendo simpatico e comprensivo, ha accettato le cose che gli avevo chiesto. Quando non vivevamo ancora insieme, voleva dormire con me. Non mi era permesso farlo a meno che non si facesse la doccia prima di andare a letto. Tra la doccia e il letto non gli era permesso andare da nessun'altra parte. Per lui avevo anche delle pantofole speciali per il tratto tra il bagno e la camera da letto. Ha fatto tutto, e lo fa ancora. Si chiede spesso in cosa ci siamo cacciati e lo capisco.

Era molto ben intenzionato a volermi aiutare, ma in realtà il mio amico avrebbe dovuto infrangere le mie regole fin dall'inizio. Ha di più. Voglio anche che si lavi le mani quando entra da fuori, che non rimetta i vestiti usati nell'armadio, e in realtà preferisco che non si sieda sul water in nessun posto diverso dalla casa. Posso avere visite al piano di sotto, ma di certo non voglio che le persone vengano portate di sopra.

READ  Test di 'mini-orgaan' geeft mensen met taaislijmziekte prognose

Gli amici sono finiti

Ora abbiamo una figlia di sei anni. Io e il mio ragazzo abbiamo parlato molto prima di decidere effettivamente di avere un bambino. Lo volevo davvero, ma avevo posto la condizione rigorosa che si dovesse agire immediatamente se la mia coercizione avesse causato un danno diretto a nostro figlio. Secondo me questo non accade e sto molto attento a garantire che ci sia un equilibrio tra le mie motivazioni e ciò che è bene per lei. Ma le sono state date le regole. Ad esempio, le faccio la doccia tutti i giorni prima di andare a letto e pensa che sia una buona cosa. Inoltre non le è permesso entrare nella lavanderia. Ho un metodo specifico per rimuovere la biancheria pulita dalla lavatrice: con molta attenzione, in modo da non toccare il bordo esterno. Non voglio pensare che altre persone entrino nella lavanderia. Non voglio nemmeno il mio amico lì

Quando vengono gli amici di nostra figlia, faccio il test. Ciò che mi rassicura è l'accordo tra me e la mia amica per realizzare un'estensione dove potrà giocare con i suoi amici. Questo è divertente per lei e conveniente per me in termini di pulizia. Spesso è intenso, ma penso che la compulsione sia leggermente migliorata da quando abbiamo avuto un bambino. Ovviamente devo farlo anch'io. Non so come andranno le cose quando sarai grande. Ora continua a lavarsi fedelmente le mani quando torna a casa, anche se gli altri bambini non sono obbligati a farlo. Ma arriva un momento in cui entri in conflitto con questo. “Sono molto curioso di sapere come gestirai la cosa.”

Questo articolo è apparso in precedenza sulla rivista Marie Claire nel marzo 2018.

Testo: Marjolein Stratmann | Immagine: Adobe Stock