QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pastore italiano liberato dopo 33 anni di ingiusta reclusione

Pastore italiano liberato dopo 33 anni di ingiusta reclusione

Novità del NOS

In Italia, un ex pastore è stato rilasciato dal carcere dopo 33 anni, dove era stato ingiustamente scontato per tre capi d'accusa di omicidio, riferisce l'italiano. Agenzia di stampa Ansa.

La corte d'appello di Roma ha annullato la condanna all'ergastolo, affermando che “il pastore non ha commesso il delitto”. “Per me è la fine di un sogno”, ha detto Beniamino Juncetu, 58 anni, dopo il caso.

L'uomo era in carcere dal 1991 per aver ucciso a colpi di arma da fuoco un allevatore di pecore, suo figlio e un altro pastore sulle montagne della Sardegna. Una quarta persona è rimasta gravemente ferita.

Si dice che prima di ciò esistesse una lunga faida tra due famiglie che allevavano e curavano capre. Bovini e cani furono uccisi.

Zuncheddu fu allora condannato sulla base della testimonianza del ferito. Il sospettato ha immediatamente affermato la sua innocenza al momento dell'arresto.

Il testimone ha subito detto di non aver riconosciuto il sospettato perché si era infilato i calzini in testa. Sotto la pressione della polizia, ha cambiato la sua dichiarazione e ha incolpato Junsettu dell'omicidio. La polizia ha mostrato all'uomo una foto di Jusetu e ha detto che era lui l'assassino.

READ  L'Italia indaga sul rapimento di un bambino di 6 anni sopravvissuto a un incidente in funivia