QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Ferrari in trattative con l'Italia per un piano di diritti di voto rafforzati, dicono le fonti -26 gennaio 2024 17:57

La Ferrari in trattative con l'Italia per un piano di diritti di voto rafforzati, dicono le fonti -26 gennaio 2024 17:57

* Proposta di legge del governo per migliorare i diritti di voto per le società quotate

* Vuole aiutare le aziende a trasferire le proprie sedi in Italia

* Il Parlamento dovrebbe approvare la legislazione il mese prossimo

* La Ferrari ha trasferito la propria sede nei Paesi Bassi nel 2015

*La casa automobilistica ha sempre mantenuto la base imponibile in Italia

ROMA/MILANO, 26 gennaio (Reuters) – La Ferrari è in trattative con il governo italiano per modificare le misure nella legge sui mercati dei capitali di Roma che permetterebbero al produttore di auto sportive di lusso di spostare la propria sede dai Paesi Bassi all'Italia, ha riferito Reuters venerdì.

La legge, che dovrà essere approvata dal parlamento a febbraio, consente alle società quotate di emettere azioni per aumentare la leva finanziaria sugli investitori a lungo termine.

Fonti a conoscenza della questione, che hanno parlato a condizione di anonimato, hanno detto che Exar, la società che possiede la famiglia Agnelli come suo maggiore azionista, ha spinto per un accordo speciale che consentirebbe alla Ferrari di mantenere i diritti di voto di cui gode secondo la legge olandese. Se la casa automobilistica sposta la sede in Italia.

La Ferrari non ha commentato.

Ferrari, uno dei marchi italiani più famosi, ha trasferito la sua sede nei Paesi Bassi nel 2015 dopo che la casa automobilistica si è separata dall'ex società madre Fiat Chrysler e le ha assegnato una quotazione in borsa separata all'inizio del 2016.

Ha sempre avuto la sua base finanziaria in Italia, con Milano come borsa principale.

La Ferrari è uno dei principali conglomerati italiani che nel corso degli anni ha aperto sedi nei Paesi Bassi per trarre vantaggio dalle leggi favorevoli sulle quote fedeltà del paese, che consentono ai principali azionisti di mantenere uno stretto controllo sulle società.

READ  Tre grandi talenti dal Lelystad agli Europei di flag football in Italia

Tra questi figurano Exor, Mediaset della famiglia Berlusconi e Campari, mentre il produttore di freni Brembo dovrebbe completare il processo in aprile.

Quando ha annunciato il disegno di legge lo scorso anno, il Ministero delle Finanze italiano ha proposto che i miglioramenti dei diritti di voto si applicassero solo alle società che pianificano una IPO, per incoraggiare gli imprenditori a quotarsi senza preoccuparsi di perdere il controllo della società.

Tuttavia, il governo e i partiti al potere hanno adottato un approccio più radicale ed hanno esteso la possibilità di emettere azioni fino a 10 volte i loro diritti di voto alle società già quotate in borsa, il cosiddetto “Loyalty Share Scheme”.

Secondo la normativa italiana vigente in materia di azioni privilegiate, gli investitori che detengono le proprie azioni per almeno 24 mesi godono del doppio diritto di voto. Nell'ambito del nuovo disegno di legge, i diritti di voto potranno essere aumentati a 10 per azione dopo un intervallo di 12 mesi successivi al periodo iniziale di 24 mesi.

La proposta di legge consente agli investitori di considerare il tempo in cui la società ha detenuto azioni mentre era legalmente costituita all'estero, nel calcolo del periodo totale necessario per accedere al diritto di voto maggiorato in Italia.

Tale accordo consentirebbe agli azionisti di Ferrari e di altre società di usufruire immediatamente di maggiori diritti di voto qualora decidessero di trasferire le proprie attività in Italia.

Exor possiede una partecipazione del 24,4% in Ferrari, con oltre il 36% dei diritti di voto della società. (Segnalazione aggiuntiva di Giuseppe Fonda a Roma, Giulio Piovaccari a Milano, Alvis Armellini; Montaggio di Emilia Sithole-Madaris)

READ  L'Italia inasprisce le operazioni corona e introduce il corona pass per la tavola di ristoranti e bar: cosa cambierà, perché?