QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Paul Herijers ritiene che Wout van Aart abbia fatto un grande passo avanti a Benidorm: “Potrebbe vivere di questo per mesi”

Paul Herijers ritiene che Wout van Aart abbia fatto un grande passo avanti a Benidorm: “Potrebbe vivere di questo per mesi”

La scena di Benidorm offre molti spunti di discussione. Wout van Aert ha concluso la sua traversata invernale con una soddisfacente vittoria sul suo eterno rivale. “Il fatto che lo faccia adesso è molto doloroso”, dice Paul Herrigers, che elogia anche i campioni del mondo Mathieu van der Poel e Thibaut Nese.

Robin: C'è molto a cui pensare, ma quale è stato il tuo momento in gara: Van der Poel che accelera o Van Aert che cade?

Paul: L'accelerazione di Mathieu van der Poel. Il risultato era troppo grande per la fan art, ma non lo prendo in considerazione. Non avevo mai visto il modo in cui superava il gruppo. Forse c'era qualcosa a riguardo. Deve essersi fatto davvero male alle gambe lì. Non è un peccato che sia scesa un po' nel finale.

Robin: Abbiamo guardato la Coppa del Mondo in Spagna?

Paul: E' permesso. Non ho mai sentito un Brabanson così bello. Wilhelmus divenne un po' monotono. È incredibile come Van der Poel domini la stagione.

Robin: Benidorm è stato il cross più bello di questa stagione?

Paul: Manca poco, ma c'è stata molta sfortuna. Anche il dolore, la sofferenza e la miseria divennero parte della croce. Se non riesci a pubblicare la fan art, dovrai farlo da qualche altra parte. Forse è qui che le cose sono andate male per Van der Poel.

Robin: I fan dei crossover potrebbero trovarlo un po' troppo simile a una corsa su strada, ma d'altra parte è uno spettacolo grandioso.

Paul: Sono d'accordo con tutto il cuore. Contro ogni logica, ragazzi come Wout van Aert vengono rilasciati per continuare a correre. Gli toccano di nuovo il sedere per dire: Ecco qua, ragazzo. Con tutti i rischi connessi.

READ  Ricostruzione del "pazzo" piano generale di Remco Evenepoel, acquisito dalla Vuelta | Vuelta

Robin: Benidorm è una risorsa per il calendario in questo senso.

Paul: L'organizzazione è andata oltre. La folla era lì, il tempo era perfetto e i motociclisti volavano come leoni.

Robin: Allora, per quanto riguarda la fan art. Dove pende la bilancia? Ha avuto un inverno positivo?

Paul: Perfetto, come previsto. È uscito dall'inverno senza problemi. Non crederai a questa esibizione oggi. Se mai avessi dovuto vincere uno spettacolo per torturarti mentalmente durante la stagione su strada, questo era il giorno. Lo farebbe comunque, di sicuro.

Robin: Un giorno d'oro in un momento d'oro.

Paul: Non potrebbe essere più appropriato. I sostenitori di Fan Art possono respirare di nuovo e non devono più piangere.

Robin: Quanto è importante, dottor?Van Aart non si è spezzato quando ha lanciato Van der Poel contro il faggio?

Paolo: Molto importante. Fortunatamente per lui, questo è successo oggi. Questo è stato il miglior incrocio dell'anno di Van Art.

Robin: È una versione migliorata della fanart di due settimane fa?

Paul: È più dell'1%, giusto? Lo vedi immediatamente. Nessuno può riportare indietro Van der Poel nemmeno oggi.

Robin: Aveva bisogno di questa vittoria per acquisire fiducia in vista della primavera?

Paul: Il fatto che lo stia facendo adesso, negli ultimi secondi del suo cross finale, è molto doloroso. E penso che anche lui ne avesse bisogno. Potrebbe vivere di questo per mesi.

Robin: Abbiamo imparato qualcosa riguardo la Coppa del Mondo?

Paul: Penso che tutti siano pronti. Un'altra storia da ricordare: Tebaut Ness ha conquistato il terzo posto oggi dopo essersi dovuto reinventare. È sul podio ed è molto forte. Ovviamente non dovremmo nemmeno renderlo nervoso.

READ  Grand Opener Europeo: Dominant Red Panthers segna 6 volte contro l'Italia dopo un ribaltamento nel finale | hockey

Robin: Può sorprenderti in una bella giornata?

Paul: Lo vedo come qualcuno che sa guidare sulla neve. Ancora oggi non si vergogna di camminare su un sentiero acciottolato che nessuno conosce.

Robben: Chi sarebbe una minaccia più vicina a Van der Poel di Tabor?

Paolo: Non c'è nessuno qualificato per seguirlo. È solo che non si scherza con il tempo. Questo piccoletto può essere fastidioso. Immagina solo che siano coinvolti neve e ghiaccio. Allora alcuni cavalieri potrebbero strisciare fuori dalle loro tombe. A Benidorm vedi che Van der Poel è semplicemente un essere umano. Sulla neve e sul ghiaccio deve limitarsi e non riesce a dare il massimo.

Robin: Un altro nome: Tom Pidcock, inverno di successo o no?

Paolo: Per me sì. Non puoi mai escluderlo, perché è un grande giocatore che può attaccare in qualsiasi momento. Tom Pidcock si concentra sui classici valloni e sarà presente. In realtà l'ho visto sconfiggere Van Aert nel Brabantse Beagle, e non è un Puffo normale…

Imparentato: