QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Paura di un disastro ambientale nello Yemen: 200 milioni di litri di petrolio della petroliera potrebbero sfociare nel Mar Rosso | all’estero

La vecchia petroliera Safer nello Yemen, con 200 milioni di litri di petrolio a bordo, è una delle maggiori preoccupazioni delle Nazioni Unite. Questo non è stato conservato per anni, il che potrebbe portare a un grave disastro ambientale.




“È una bomba a orologeria”, ha detto Peter Derek Hof, l’ambasciatore olandese in Yemen. “Non sappiamo esattamente quanto tempo abbiamo.” La nave cisterna si trova di fronte al porto di Hodeidah. Con lo scoppio della guerra civile in Yemen anni fa, poca attenzione è stata prestata alla manutenzione della petroliera. “Più a lungo aspetti, maggiori sono le possibilità di perdita, esplosione o affondamento di una nave”, afferma Hof.

Un disastro ambientale e umanitario

La sala macchine della petroliera è stata allagata l’anno scorso, dopodiché è quasi peggiorata. Se qualcosa va storto, quasi 200 milioni di litri di petrolio confluiranno nel Mar Rosso. Sarà un disastro ambientale e umanitario, ma colpirà anche importanti rotte marittime internazionali. Le Nazioni Unite stimano che 30 milioni di persone nei paesi lungo il Mar Rosso saranno colpite dalla fuoriuscita di petrolio.

Hof si unì agli ambasciatori di altri paesi europei. Vuole fornire una soluzione temporanea il più rapidamente possibile. Intanto il nostro Paese ha stanziato 1,5 milioni di euro per la missione d’ispezione delle Nazioni Unite, che costerà oltre 13 milioni di euro. La missione deve rivelare i punti deboli della petroliera. Inoltre, devono essere condotte eventuali operazioni urgenti di emergenza. L’obiettivo finale è determinare come risolvere il problema a lungo termine.

Gli Houthi

Huff vede alcuni orsi sulla strada. “Il problema è chiaramente con gli Houthi”, si riferisce al gruppo ribelle. L’ONU e gli Houthi devono raggiungere un accordo sul lavoro da svolgere e gli Houthi hanno un potere di veto. La nave si trova nell’area che controllano. ”In origine, la petroliera era di proprietà della Yemeni Oil and Gas Corporation di proprietà statale.

READ  Il Consiglio militare ciadiano si rifiuta di negoziare con la Repubblica del Ciad ...

Tuttavia, quando la guerra è iniziata nel 2015, è caduta nelle mani degli Houthi. Da allora, questa popolazione sciita ha combattuto una sanguinosa guerra con la maggioranza sunnita del paese. I combattimenti sono stati ulteriormente innescati dall’intervento diretto di Arabia Saudita e Iran, entrambi i quali sostengono pienamente i loro compagni che credono nel conflitto. L’Arabia Saudita sostiene i sunniti con una guerra aerea e l’Iran fornisce armi agli Houthi.