QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Per ottenere un vaccino, devi essere in moschea

In precedenza aveva un appuntamento per la vaccinazione, ma l’ha annullato perché era troppo nervosa. Ora il punto è lì. Fatma Celik (62), camicetta marrone e jeans, seduta nell’atrio della Moschea di Kocatepe a Rotterdam, circondata da una borsa della spesa. Ha appena ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer. “Sospettavo da molto tempo che molte persone dicevano che l’iniezione avrebbe avuto effetti collaterali negativi. Ma sono andato comunque. Mio figlio ha detto: ‘Mamma, fallo e basta’ e i miei amici mi hanno incoraggiato. ”

La Moschea Afrikaanderwijk si trova nel quartiere Feijenoord in un vecchio edificio scolastico. Questo pomeriggio, la casa di culto è stata temporaneamente trasformata in un luogo per l’inoculazione. È impegnato con piacere, e ci sono risate. I volontari che indossano giacche blu con il logo della moschea indirizzano tutti nella giusta direzione.

Il quarto sabato in cui la moschea viene perforata, centinaia di persone ogni settimana ricevono una vaccinazione. La campagna del jab non si limita alla moschea stessa: nel mercato africano – a due passi – i medici chiedono ai passanti se sono già stati vaccinati e forniscono loro informazioni. Chi vuole può andare direttamente alla moschea per farsi una pallottola. GGD, l’Erasmus Medical Centre, i medici generici e il Mosque Board stanno lavorando insieme per aumentare il tasso di vaccinazione ad Afrikaanderwijk. Molte persone di origine immigrata vivono nella zona, gran parte delle quali sono turchi e olandesi marocchini. Non è sempre ovvio che ricevano un’aura. Meno del 50 percento degli adulti nel Feyenoord ha avuto almeno un’iniezione, e in altre parti di Rotterdam è il 70 percento.

READ  Bas Kosters disegna una ghirlanda di festa per Aidsfonds

Barriera linguistica come soglia di vaccinazione

Ismael Jović, il capo della moschea, afferma che la bassa copertura vaccinale è dovuta alle persone che affrontano una serie di barriere. Cammina paternamente nel suo palazzo. “A volte le persone non possono fissare un appuntamento online perché non sono brave con i computer. Anche la barriera linguistica gioca un ruolo, le persone che parlano un olandese povero a volte non capiscono le informazioni mediche. Spesso hanno domande, ma non lo sanno dove chiedere loro.”

Secondo Jovich, tutti i tipi di storie circolano anche attraverso i social media. “Ad esempio, potresti diventare sterile dal vaccino o ci sarà un chip”. La barriera linguistica aggrava questo problema. “A volte le persone prendono le notizie dai social media solo nella loro lingua, quindi è facile fuorviarle”.

Nel frattempo, il formicolio continua costantemente. Chi entra per primo nella moschea trova un tavolo con due medici chiaramente identificabili dai loro camici bianchi. Accolgono i visitatori e rispondono alle loro domande.

Dopo lo scatto, chiacchiera con una tazza di tè

Poco dopo, in una vecchia aula, il personale di GGD controlla le carte e le siringhe sono posizionate dietro schermi bianchi pieghevoli. I residenti possono scegliere: Pfizer o Janssen. Dopo l’iniezione, c’è spesso qualche discussione con una tazza di tè.

La moschea turca di Kocatepe è una delle più grandi moschee dei Paesi Bassi, prima della crisi di Corona, circa un migliaio di persone venivano per la preghiera del venerdì ogni settimana. Conducendo la vaccinazione nella moschea, gli organizzatori sperano di impressionare i riluttanti residenti locali. “Abbiamo mostrato la nostra moschea perché avevamo un lavoro nel quartiere centrale”, dice Jovich. “La gente qui si sente al sicuro.”

Ciò che aiuta è anche che i medici che forniscono le informazioni parlino la lingua del gruppo target, spesso turco o marocchino. Inoltre, c’è un effetto di gruppo: una volta che vedi che la vaccinazione è sicura e affidabile negli altri, è più probabile che tu decida di farti un’iniezione.

Gran parte di quelli vaccinati oggi sono musulmani, che vanno alla moschea qui o altrove in città. Il presidente Jovik afferma che la fede islamica non dovrebbe essere un ostacolo alla vaccinazione. “La vaccinazione è in realtà un incoraggiamento nella fede. Come essere umano, ti assumi la responsabilità di te stesso e del tuo ambiente nella lotta alle malattie. Abbiamo costantemente sottolineato che questo è fondamentale dalla moschea nelle nostre comunicazioni”.

Prima registrati, poi fai un ordine.Statua di Otto Snook

Il calo della voglia di vaccinare tra le minoranze è oggetto di studio, anche a livello internazionale. Daniel Jansen dell’University Medical Center Groningen sta partecipando a uno studio su larga scala sui modi per aumentare la preparazione ai vaccini.

“Per convincere le persone a prendere una dose, devi organizzare meglio il sistema sanitario, il che rende più facile la vaccinazione. Devi connetterti con il mondo delle persone, devi prenderti il ​​tempo per liberarti delle loro paure”.

Quindi Jansen applaude semplicemente per la vaccinazione nella moschea. “È molto bello. I medici possono fare molto per soddisfare questo gruppo target. Ad esempio, è probabile che i pazienti in futuro si trovino in una moschea per molte questioni mediche”.

Paura del vaccino

Aksumun Duisak (58 anni), un vestito nero velato, ha dovuto superare la sua paura prima di osare farsi vaccinare. È nel corridoio in attesa del suo primo colpo. “Avevo paura del vaccino, e non voglio prendere una malattia terribile, perché devo prendermi cura di mio figlio. Ma di Corona puoi anche ammalarti molto e morire, motivo per cui l’ho fatto comunque. Lo sto facendo davvero per mio figlio”.

Duysak vive nei Paesi Bassi da diversi anni e suo figlio si sta allenando qui. Suo marito vive ancora in Turchia e ora si sono temporaneamente separati. Duisak ha sentito dalla moschea nel distretto di Charlo che la moschea di Kocatepe era stata perforata. “È molto positivo che la moschea sia utilizzata per questo scopo, dovrebbe essere più di una semplice sala di preghiera”.

Il presidente Jovich è orgoglioso del fatto che molte persone vengano ancora a scattare le loro foto. “Possiamo svolgere un ruolo positivo come moschea”, dice con una risata. “È una modalità beat.”

Leggi anche:

Una nuova fase della campagna: raggiungere gli scettici sul vaccino

Ora che la maggior parte delle persone di età superiore ai 60 anni è stata testata, la sanità pubblica sta cercando di raggiungere anche altre popolazioni. Gli imam, i sacerdoti e la squadra nazionale olandese dovrebbero aiutare in questo.