QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Poiché gli scienziati rimangono in silenzio, la gravità della crisi climatica rimane poco chiara”.

“Poiché gli scienziati rimangono in silenzio, la gravità della crisi climatica rimane poco chiara”.

Novità | Editori




13 maggio 2024 | Uno scienziato che sa che la Terra è in pericolo e poi beve con calma il caffè non sembra credibile. L’ecologo Niels Debon lo ha detto recentemente in un discorso su Radio 1 su scienza e attivismo. KNAW Il presidente Marilyn Dogterum ha capito l'attivismo di Debon. Ha sottolineato l'importanza di separare i fatti del mondo dalle opinioni dei cittadini.





L'ecologo Niels Demonen su Radio 1.


“Come scienziato ambientale, posso concludere quasi ogni articolo con la stessa conclusione: prima di poter lavorare su una soluzione, dobbiamo prima fare qualcosa per l’industria fossile e l’industria alimentare”. L'ecologo Niels Debon, fino a poco tempo fa assistente professore alla VU e uno dei leader del gruppo di lavoro Scientist Rebellion, ha recentemente affermato: Radio1 Della sua decisione di lavorare per Milieudefensie. Anche la presidente di KNAW, Marilyn Dogterum, si è unita alla conversazione su studiosi e attivismo.

Debon ha spiegato che i fatti scientifici sulla crisi climatica non sembrano essere sufficienti per spingere i politici ad agire. Durante la campagna Stop Fossil Subsidies, Scientist Rebellion si è unita al blocco dell’A12 per sottolineare le basi scientifiche di questa richiesta. “L’istituto per cui lavoro, l’Institute for Environmental Issues, ha scritto nel 1997 che il governo dovrebbe porre fine rapidamente ai sussidi ai combustibili fossili, ma non è mai stata intrapresa alcuna azione in merito. Si può vedere quello che stiamo facendo come un modo innovativo di comunicare la scienza .”

Gli scienziati devono far sentire la loro voce sulla base dell’esperienza

La presidente di KNAW Marlene Dugtroum, anche lei docente di scienze biologiche alla TU Delft, è stata ospite della trasmissione e ha mostrato grande comprensione delle considerazioni di Debon. Anche se in questo momento non ha sentito il bisogno di scendere sulle barricate, scienza e attivismo non si escludono a vicenda, secondo Dogterum. “È importante spiegare chiaramente dove finisce una cosa e ne inizia un’altra.”

READ  Capcom vuole rendere il PC la piattaforma principale nei prossimi anni

Il Presidente di KNAW ha affermato che gli scienziati devono innanzitutto far sentire la loro voce in modo molto chiaro attraverso la loro competenza alla comunità per identificare gli scenari futuri emergenti e le prospettive di azione che offrono. In definitiva, i policy maker e i politici devono valutare questa conoscenza rispetto ad altri interessi e fare delle scelte. “Puoi trovare qualcosa al riguardo come cittadino approfittando dei tuoi diritti democratici. Allo stesso tempo, come scienziato, desideri che le informazioni fornite siano prese in considerazione correttamente e sulla base dei fatti.

Mancanza di comunicazione da parte degli scienziati che restano in silenzio

In effetti, il mondo fornisce principalmente informazioni, concorda Depont. “Ma per decenni non siamo riusciti ad esprimere l’urgenza di questo problema, penso che ciò sia in parte dovuto al fatto che noi scienziati restiamo in silenzio”, afferma l’ecologista fiammingo.

Debon ha spiegato di aver visto il film “Don't Look Up”, in cui uno scienziato scopre che la Terra sarà distrutta da una cometa, e poi fa tutto ciò che è in suo potere per allertare il paese sulla gravità della situazione. “Non sarebbe ragionevole per uno scienziato del genere dire: ‘Ascolta, la Terra morirà’. Che tu ci creda o no, vado a prendere un caffè. “È chiaro che dobbiamo fare di più per comunicarlo”.

Un altro rapporto non farà la differenza

Debon ha sottolineato che il problema non risiede nella mancanza di conoscenza. Si tratta di potere. “Certamente un altro rapporto dell'IPCC non garantirà che i politici diranno: 'Ora siamo convinti'. Ora si tratta di comunicare in modo chiaro, e questo a volte è una questione di innovazione: i rapporti e le pubblicazioni chiaramente non funzionano, forse dovremmo abbassarci. “Solo per le strade.”

READ  [Connect & Learn] Daria Krivonos (CIFS): Come pensi di affrontare un futuro irraggiungibile?

Per un breve periodo è ancora possibile ricevere gratuitamente la newsletter settimanale. Puoi trovare i termini qui.

All’interno della Victoria University, le azioni di Debon e dei suoi sostenitori hanno portato l’università a smettere di collaborare con le aziende di combustibili fossili che non stanno facendo abbastanza per raggiungere gli obiettivi climatici di Parigi. Ciò è stato ottenuto principalmente avviando un dialogo – “un dialogo che alcune persone potrebbero non aver voluto”. Questo dialogo si è svolto attraverso azioni moderate come una maratona di lettura del rapporto dell'IPCC nella sala centrale. “Siamo riusciti a coinvolgere anche l'intera università. Ora è importante che anche le altre università e KNAW facciano lo stesso.”

Per Dogterum, guardare criticamente a tali collaborazioni non è attivismo, ha detto quando le è stato chiesto. “Dovresti essere sempre critico nei confronti di ogni collaborazione che hai e di ogni flusso di fondi che accetti per poter condurre ricerche indipendenti, come dovrebbe essere se tu come università hai determinati obiettivi, ad esempio contribuire alla riduzione della CO2. è meglio esaminare le vostre collaborazioni esistenti. Mi sembra del tutto giustificato che voi, come università, critichiate i flussi finanziari per questo o per altri motivi.

La conoscenza scientifica non è un’opinione

Il creatore del programma Filemon Vesselink ha affermato che tra i teorici della cospirazione, la scienza è spesso vista come un'opinione. Quanto maggiore è la separazione tra scienza e campagna elettorale, ha affermato, tanto meno ossigeno ottiene l’opinione pubblica. “Il fatto oggettivo è che la biodiversità sta scomparendo, che questo sia un male o meno, le persone devono decidere da sole”.

READ  La BMW i5 elettrica decolla durante i test estivi come auto sportiva M60 xDrive

Allora non è abbastanza chiaro quale sia la posta in gioco e Debon ripete la sua conclusione precedente. “Non credo che molte persone sceglierebbero sensatamente un sistema climatico fuori controllo”. L'ambientalista si è anche chiesto ad alta voce se fosse davvero la sua opinione a spingere i teorici della cospirazione, ad esempio, a tapparsi le orecchie o se stessero “sentendo qualcosa che forse non avrebbero voluto sentire”.

Non è nemmeno vero che la conoscenza scientifica sia opinione, ha sottolineato Dugterum. “Devi spiegare costantemente che i fatti che hai, ad esempio sulle conseguenze che qualcosa avrà in futuro, non sono opinioni. Anche se sai qualcosa con una certezza del novanta per cento basata su informazioni scientifiche, puoi anche attuare una politica al riguardo. Come cittadino, puoi avere un’opinione su come bilanciarlo con altri interessi.

Se un messaggio contenente conoscenze scientifiche costruite collettivamente viene liquidato come opinione, allora abbiamo un problema, ha sottolineato Dogterum. “Se hai una conoscenza solida e stabilisci le conseguenze per il futuro, dovresti essere in grado di dirlo senza che ciò venga visto come un'opinione.”

Durante la crisi del coronavirus, la separazione tra fatti e considerazioni è stata talvolta confusa

Durante la crisi del Corona virus, il capo del RIVM, Jaap van Dissel, è stato chiamato a nome dello Stato a difendere le misure del coprifuoco in tribunale. In quel periodo è talvolta mancata una buona separazione tra le conoscenze scientifiche da un lato e le considerazioni politiche dall'altro, dice Dogterum, presidente della KNAW. “Spiegare questa disconnessione a volte è complicato, ma spetta a noi continuare a farlo.