QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Prendi in mano la situazione: Francia e Italia non hanno sussidi per i veicoli elettrici cinesi

Prendi in mano la situazione: Francia e Italia non hanno sussidi per i veicoli elettrici cinesi

Mentre l’Unione Europea pianifica Dovrebbe essere avviata un’indagine Alcuni paesi dell’UE stanno prendendo in mano la situazione, citando la “concorrenza sleale” dei marchi automobilistici cinesi. Sia l’Italia che la Francia vogliono scoraggiare gli acquisti cinesi di veicoli elettrici eliminando i sussidi.

In nome del clima

Sebbene questa linea di pensiero sia una parte forte del protezionismo (a favore di marchi come Peugeot, Renault, Fiat, Lancia), la linea di pensiero non è del tutto irragionevole. Francia e Italia offrono sussidi significativi per i veicoli elettrici (fino a 7.500 euro), ma si rendono conto che un veicolo elettrico non è equivalente a un altro. Di conseguenza, dal 15 dicembre, la Francia sovvenzionerà solo i veicoli elettrici che scendono al di sotto di una determinata soglia di CO2 dalla produzione alla distribuzione. Di conseguenza, i veicoli elettrici extraeuropei sono stati praticamente abbandonati.

Anche l’Italia è interessata all’iniziativa e sta valutando l’attuazione di questa disposizione. Sebbene gli stati membri dell’UE non siano autorizzati per legge a sostenere le aziende locali (libero scambio, sai?), sono autorizzati a citare ragioni legate al clima per giustificare le decisioni.

Incoraggiare la produzione locale

A prima vista la mossa potrebbe sembrare uno schiaffo in faccia ai marchi cinesi, ma potrebbe avere l’effetto opposto. Sia BYD che MG stanno attualmente valutando dove stabilire una base produttiva europea. Un processo che acquista slancio solo con tali misure.

READ  Il treno italiano si precipita verso destinazione europea a livello nazionale ...