QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Purtroppo il coronavirus non è ancora l’influenza: i vaccini restano uno strumento importante

Purtroppo il coronavirus non è ancora l’influenza: i vaccini restano uno strumento importante

Ciò emerge chiaramente dalle ricerche condotte da epidemiologi americani. Il coronavirus resta più mortale dell’influenza e grava sull’assistenza sanitaria.

Dall’inizio della pandemia di Corona ci sono persone che considerano il virus Corona un’influenza innocua. Sebbene i sintomi siano in parte simili e non tutti contraggano la malattia allo stesso modo, divenne presto chiaro che il confronto non era valido. Questa idea cominciò a cambiare man mano che sempre più persone venivano vaccinate e convivevano con l’infezione, diventando così meglio protette contro il virus. Soprattutto quando le nuove varianti dominanti (che si diffondono più velocemente) erano meno patogene.

Quando le ultime misure anti-Coronavirus furono annullate nei Paesi Bassi nel marzo 2023, il ministro Kuipers annunciò che d'ora in poi il Corona sarebbe stato trattato allo stesso modo delle altre infezioni respiratorie. Kuipers: “Ora si può davvero chiamarla una specie di influenza”. Tuttavia, secondo una ricerca condotta da Van Heet, questo non è vero Centro di Epidemiologia Clinica da Sistema sanitario della Virginia St. Louis. Il rischio relativo di morte per COVID-19 è ancora del 35% maggiore di quello dell’influenza.

Guarda quello che vuoi vedere
Ziad Al-Ali, direttore del centro, ha dichiarato: “C’è la chiara impressione che il Covid-19 non rappresenti più una grave minaccia per la salute umana”. Centro di Epidemiologia Clinica. “Penso che sia in gran parte guidato dalle opinioni e dal desiderio emotivo di andare avanti dopo la pandemia, di lasciarci tutto alle spalle. Vogliamo credere che sia come l’influenza, e lo abbiamo fatto, finché non abbiamo visto i dati”.

Preparazione
I ricercatori americani hanno esaminato i dati di registrazione dall’autunno e dall’inverno del 2023 all’inizio del 2024 in tutti gli stati degli Stati Uniti. Si sono concentrati su pazienti ricoverati in ospedale con febbre, mancanza di respiro o altri sintomi dovuti a COVID-19 o influenza. Dopo gli aggiustamenti per età (i pazienti COVID-19 erano in media leggermente più anziani dei pazienti influenzali: 73,9 contro 70,2 anni) e fumo, risulta che il 5,7% dei pazienti COVID-19 è morto a causa della malattia, rispetto al 4,2%. Dei pazienti influenzali. Il rischio relativo di morte nei pazienti Covid è quindi superiore del 35% rispetto ai pazienti influenzali.

READ  Gli studenti combattono la fatica degli esami con i beta-bloccanti

2020
Peter Chen Hong, specialista in malattie infettive dell'ospedale Università della California San FranciscoRiconosce i numeri del suo ospedale. “Il coronavirus sta ancora facendo ammalare gravemente alcune persone nella nostra comunità e uccidendone alcune, anche nel 2024. Anche se la maggior parte non si ammalerà gravemente a causa del coronavirus, per alcune persone sarà come se fosse di nuovo il 2020 “. Ciò è particolarmente vero per gli anziani e le persone che non hanno ricevuto l’ultima dose di richiamo raccomandata per il COVID-19, poiché oltre il 95% degli adulti che hanno contratto il COVID-19 lo scorso autunno e inverno sono stati ricoverati in ospedale. In confronto, quest’anno il 48% degli adulti statunitensi ha ricevuto un vaccino antinfluenzale, rispetto solo al 21% degli adulti per quanto riguarda i vaccini COVID-19. Dice che il disaccordo frustra l'Altissimo. I ricercatori britannici hanno anche concluso all’inizio di quest’anno che i vaccini contro il coronavirus rimangono un modo particolarmente efficace per prevenire malattie gravi.

Ma c’è un altro fattore che rende il coronavirus più pericoloso dell’influenza, dicono i ricercatori: provoca più ricoveri ospedalieri. Secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie Tra il 1° ottobre 2023 e la fine di marzo di quest’anno, 75,5 americani su 100.000 sono stati ricoverati in ospedale con l’influenza. Ciò rispetto a 122,9 ogni 100.000 americani a causa del virus Corona. “Quindi il coronavirus comporta ancora un rischio maggiore di ricovero ospedaliero”, ha detto Al Ali. “E tra le persone ricoverate in ospedale, un numero maggiore muore di conseguenza.”

I vaccini per la prossima pandemia sono già pronti
La domanda sembra non essere se la prossima pandemia avverrà, ma quando. Su questo gli scienziati generalmente concordano. Ma questa volta saremo molto più preparati, secondo i virologi di Cambridge e Oxford. Hanno sviluppato un nuovo vaccino basato sulla nanotecnologia che fornisce protezione nei topi contro un gran numero di varianti del coronavirus, anche versioni del virus che non sono ancora emerse.

READ  GGD Groningen inizia la vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie | Attualmente