QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Putin vuole anche chiudere il rubinetto dell’olio. Avvertimento?

La Russia non vuole più fornire petrolio all’Occidente. Come ci sentiremo al riguardo alla pompa? Forse non così tanto, non ora comunque. la mattina Spiegare.

Jeroen van Hornbeek

1. Cosa ha deciso la Russia?

Dopo il rubinetto del gas, verrà chiuso (parzialmente) anche il rubinetto dell’olio. Martedì, il presidente russo Vladimir Putin ha vietato la vendita di petrolio e dei suoi prodotti come benzina e diesel a tutti i paesi che hanno imposto limiti di prezzo al petrolio russo. Il divieto vale anche per tutti i commercianti che collaborano con il prezzo massimo imposto dall’Occidente da questo mese.

Il divieto del petrolio greggio entrerà in vigore il 1° febbraio e rimarrà in vigore almeno fino a luglio. Per i prodotti petroliferi come benzina o diesel, la Russia non ha ancora stabilito quando entrerà in vigore il divieto. In ogni caso, Putin ha costruito una via di fuga: il suo nuovo decreto prevede una clausola che gli dà la possibilità di fare ciò che vuole in “casi speciali”.

2. Perché la Russia sta facendo questo?

Insomma, è la tanto attesa risposta di Putin alle sanzioni petrolifere occidentali.

Dopo ardue trattative, l’Unione Europea, i Paesi del Gruppo dei Sette Occidentali e l’Australia hanno fissato ufficialmente il prezzo massimo per il petrolio russo dall’inizio di dicembre. Questo prezzo massimo dovrebbe impedire al Cremlino di riempire le sue casse con l’aiuto dei proventi del petrolio. La Russia attualmente guadagna circa 15 miliardi di euro al mese dalle esportazioni di petrolio.

In termini concreti, il nuovo prezzo massimo significa che può essere fornito solo petrolio che vende a 60 dollari al barile o meno. Se il petrolio russo viene scambiato a un prezzo più alto, le compagnie occidentali come le compagnie di navigazione e le compagnie di assicurazione non sono autorizzate a partecipare al suo trasporto. Di conseguenza, il prezzo massimo ha ramificazioni globali, anche in paesi come la Cina e l’India. Il mercato petrolifero è quasi interamente sostenuto da assicuratori occidentali.

Putin ha affermato da tempo che la Russia smetterà di fare affari con chiunque imponga o imponga “stupide” sanzioni petrolifere. In vista dell’introduzione del price cap, la Russia – secondo quanto riportato, tra gli altri, dal British Business Journal Financial Times – Stabilito la propria “flotta ombra” di oltre 100 petroliere. Una flotta che può essere utilizzata per l’esportazione.

3. In che modo ciò influirà sul prezzo del petrolio?

La Russia è il secondo più grande esportatore di petrolio al mondo. Solo l’Arabia Saudita è la migliore. In linea di principio, ogni decisione che Putin prende in materia di petrolio. Tuttavia, le conseguenze del suo divieto di vendita saranno inferiori alle attese, secondo le stime degli esperti di energia. Il motivo è che non può sostenere le sue parole e chiudere il rubinetto del petrolio una volta entrato in vigore il limite di prezzo. (Per tutto il mese, il prezzo del petrolio russo è stato inferiore a 60 euro al barile.)

“Putin ha tutto l’interesse a mantenere in vita la sua attività petrolifera”, afferma l’olandese Giles van den Bokel, ora specialista in energia presso il Centro per gli studi strategici dell’Aia, dopo aver lavorato alla Shell. Mentre l’Occidente riduce il suo commercio con la Russia, paesi come Cina, India e Turchia continuano ad acquistare con entusiasmo. India e Turchia hanno più che raddoppiato le loro importazioni negli ultimi mesi. E Putin ha un disperato bisogno di queste entrate per pagare la sua guerra in Ucraina”.

Forse per questo il decreto sul divieto di vendita contiene già una “clausola speciale”. Questo sembra essere progettato per la Cina e l’India, tra gli altri paesi. E finché il petrolio russo scorre in Asia, questa è una buona notizia anche per noi occidentali. L’Asia ha bisogno di meno barili di petrolio rispetto al Medio Oriente. Fusti di petrolio che potrebbero poi andare in Occidente. A differenza del mercato del gas che dipende dall’esistenza di oleodotti, il mercato del petrolio è un mercato internazionale. Il petrolio può essere trasportato rapidamente ed “a buon mercato” attraverso gli oceani del mondo.

In un articolo di opinione sull’American Business Journal Il giornale di Wall Street “Attualmente stiamo vedendo il mercato petrolifero globale – emerso dopo la caduta del comunismo – diviso in due blocchi geopolitici”, afferma il noto esperto di energia Daniel Yergin (Standard & Poor’s Global).

A proposito: anche se lo volesse, non ci sono ancora le condizioni per Putin per mettere il mondo intero davanti al “blocco del petrolio”. C’è un po’ di tensione intorno a questa domanda. A causa dell’imminente recessione globale e della crisi del coronavirus in Cina, l’appetito globale per il petrolio è limitato.

Le condizioni attuali dovrebbero persistere fino alla metà del 2023. Solo allora il prezzo salirà, spinto dalla prevista ripresa economica della Cina”, afferma van den Bokel.

4. Come ti sentirai alla pompa?

Poiché i prezzi della benzina e del diesel seguono ampiamente il prezzo globale del petrolio, un forte aumento non sembra imminente. Dopo il picco storico di questa primavera, quando i prezzi alla pompa hanno superato i 2 euro al litro di carburante, ora la pressione è un po’ fuori dalla caldaia. I prezzi attuali sono alti, ma non sono più straordinariamente alti.

“Ciò che l’Europa deciderà in seguito, a febbraio, sarà importante per i prezzi del carburante”, afferma van den Bokel. In linea di principio, al diesel russo si applicherà un divieto di importazione dall’Unione europea. L’Europa continuerà a farlo? Ad esempio, riguarderà solo il diesel russo o il diesel che è stato raffinato con l’aiuto del petrolio russo in India? Sarebbe divertente. In un caso, molto petrolio russo finirà in Europa attraverso una deviazione. D’altra parte, la pressione potrebbe aumentare sul nostro mercato”.

READ  L'aumento dei prezzi dell'energia ha anche portato profitti record alle principali compagnie petrolifere statunitensi ExxonMobil e Chevron | All'estero