QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quanta plastica c'è sul fondo degli oceani?  Gli scienziati stanno trovando il primo

Quanta plastica c'è sul fondo degli oceani? Gli scienziati stanno trovando il primo

Per la prima volta gli scienziati hanno stimato la quantità di plastica presente sui fondali oceanici. Secondo gli scienziati, questo potrebbe essere cento volte maggiore di quello attualmente visibile in superficie.

Sappiamo da tempo che negli oceani galleggia molta plastica. Recentemente è stato pubblicato uno studio su quante microplastiche si trovano sui fondali oceanici. Tuttavia, non è mai stata condotta alcuna ricerca su quanti oggetti di grandi dimensioni inquinano il fondale oceanico. Ora la situazione è cambiata: gli scienziati hanno effettuato una stima preliminare in uno studio su larga scala. La scienziata Denise Hardesty ha contribuito alla ricerca. “Sappiamo che ogni anno milioni di tonnellate di rifiuti di plastica finiscono negli oceani”, spiega. Tuttavia, ciò che non sapevamo prima era quanto di esso finisse sul fondo del mare. Nel corso di questa ricerca abbiamo scoperto che i fondali marini sono diventati un serbatoio per la stragrande maggioranza dell’inquinamento. Ad esempio, stimiamo che attualmente nelle profondità dell’oceano si nascondano dai 3 agli 11 milioni di tonnellate di plastica. Questa ricerca è la prima parte di un progetto di ricerca più ampio volto a mappare meglio l’inquinamento degli oceani. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Ricerca in acque profonde Parte I: documenti di ricerca oceanografica.

Modelli di previsione
Gli scienziati hanno costruito due modelli per prevedere la ricerca. Il primo modello di previsione si basa sui dati di Veicoli telecomandati (ROV), come i droni sottomarini che hanno individuato la plastica durante un sondaggio. Il secondo modello di previsione si basa su dati focalizzati sulla plastica estratta dalle reti a strascico. Alla fine, il primo modello di previsione basato sui ROV si è rivelato particolarmente interessante: ha dimostrato che circa il 46% di tutta la plastica presente negli oceani si trova a una profondità inferiore a 200 metri. È vero anche il contrario: il 54% di tutta la plastica negli oceani si trova a una profondità superiore a 200 metri. Questa zona raggiunge il fondo dell'oceano. Infine, gli scienziati hanno fatto anche un’ultima scoperta scioccante: secondo i modelli di previsione, i mari interni e quelli costieri insieme potrebbero contenere quasi la stessa quantità di plastica di tutti gli altri oceani messi insieme.

READ  Una nuova vulnerabilità negli smartphone | Associazione Consumatori

Divario di conoscenza
I risultati dello studio sono importanti perché tentano per la prima volta di far luce sull'inquinamento del fondale marino stesso. Anche il collega scienziato e membro del team Xia Zhou ha contribuito allo studio. “I nostri risultati aiutano a colmare il divario di conoscenze riguardo al comportamento della plastica nel mare”, afferma. “È molto importante capire come esattamente la plastica viene trasportata e accumulata nelle profondità dell'oceano. La superficie dell'oceano è in realtà un deposito temporaneo di plastica”. La nostra ricerca mostra che la plastica alla fine affonderà sul fondo, dove rimarrà in giro. Hardesty afferma che questi rifiuti si decomporranno in parti più piccole nel tempo. Queste parti più piccole possono mescolarsi più facilmente con i sedimenti del fondale marino, il che porterà anche a l’inquinamento più rapidamente.

I ricercatori sottolineano che ogni minuto circa un camion carico di rifiuti di plastica finisce negli oceani. Eppure non tutto è perduto. Gli scienziati, ad esempio, hanno scritto nel loro articolo che c’è un motivo importante per cui le stime sono così alte: attualmente non esistono progetti volti a pulire la plastica dal fondo marino. Pertanto, gli scienziati coinvolti nello studio chiedono un migliore monitoraggio dei fondali marini. “Ci aspettiamo che ci sia un modo per ridurre la quantità di plastica sui fondali marini – conclude Zhou – Questo metodo consiste essenzialmente nell’impedire che i rifiuti di plastica raggiungano il mare”.