QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quante mucche negli Stati Uniti sono inconsapevolmente infette dall'influenza aviaria?  I virologi criticano l’approccio lassista del governo

Quante mucche negli Stati Uniti sono inconsapevolmente infette dall'influenza aviaria? I virologi criticano l’approccio lassista del governo

L'influenza aviaria si è diffusa nelle mucche negli Stati Uniti alla vigilia di Capodanno, mentre la prima mucca malata è stata testata solo a marzo. Non è ancora chiaro quanto sarà grande l’epidemia. Il governo americano sta facendo abbastanza per prevenire la diffusione della malattia? C’è sufficiente visibilità del virus?

Martedì l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito che esiste il rischio che il virus H5N1 possa raggiungere anche il bestiame al di fuori degli Stati Uniti. Quando gli uccelli migratori prendono il virus dalle mucche, questo si diffonde più ampiamente Anche le mucche di altri paesi possono essere infettateLo ha affermato Wen Qingzhang, capo del programma influenza dell'Oms.

Il virus dell’influenza aviaria H5N1, altamente patogeno, sta ora uccidendo uccelli selvatici e mammiferi anche in Antartide. Il virus è apparso per la prima volta nei ruminanti alla fine di marzo nelle fattorie del Texas, Kansas e New Mexico. Un mistero, secondo i virologi, e i casi potrebbero essere sfuggiti altrove? Da allora è diventato disponibile il ceppo virale 2.3.4.4b 36 aziende in nove stati degli Stati Uniti Un dipendente di un caseificio in Texas è stato trovato portatore del virus. Quella persona, risultata positiva, ha avuto solo gli occhi rossi.

I virologi sono preoccupati per l’approccio poco brillante del governo americano. Per comprendere appieno come il virus si diffonde tra i ruminanti, è necessario monitorarlo attentamente negli animali, nell’uomo, nella carne, nel latte e nelle acque reflue. Ma finora ci sono pochi dati sperimentali e ciò che viene pubblicato è solo incrementale. Anche la ricerca della fonte è difficile perché l’accesso alle fattorie è spesso ostacolato, scrive il virologo americano Rick Bright questa settimana su X. “Finché non sapremo dove e come è iniziato il virus, ben poco potrà impedire che si ripeta”. Lo ha detto prima nel presente Senza latte Bere.

Le autorità statunitensi iniziarono lentamente a indagare Dimensioni Per rovinare tutto. Da lunedì le mucche da latte non possono più essere trasportate in altri Stati senza un test negativo, a meno che non vengano macellate lì. Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) afferma che tutte le carcasse vengono ispezionate prima di essere processate, anche se ciò non significa che siano tutte testate per l'influenza aviaria.

Negli stati in cui le mucche sono risultate positive, la ricerca è stata ora ampliata per includere la carne macinata: quando le mucche da latte vanno al macello, di solito finiscono con carne macinata. Gli ispettori prelevano campioni anche dai macelli, ma solo se gli animali provengono da allevamenti in cui è già stato effettuato il test per l'influenza aviaria.

READ  calo di energia? Con questi supercibi, puoi aumentare il tuo livello di energia

La settimana scorsa è emerso che il virus era nei polmoni di una mucca in un macello, senza che l'animale mostrasse i sintomi tipici dell'influenza aviaria, come diminuzione della produzione di latte, mancanza di appetito, febbre o escrementi anomali. Il latte delle mucche infette può essere più giallo, più denso e cremoso del normale, ma nelle mucche che non si ammalano del virus spesso non c'è nulla di visibile nel latte. Ciò alimenta il timore che molte mucche siano portatrici del virus senza che gli allevatori o gli ispettori se ne accorgano.

Il Dipartimento dell’Agricoltura lancia sempre due messaggi: i prodotti americani sono sicuri e li testeremo. Sebbene il ministero continui a sottolineare che i latticini e i prodotti a base di carne americani sono idonei al consumo, sta anche indagando su cosa succede al virus se preparato a temperature diverse.

In Esempio di carne macinata Finora in trenta confezioni non è stata trovata alcuna particella virale. Si scopre che nel latte pastorizzato è presente materiale genetico del virus, non un virus vivo. Particelle virali sono state trovate nel 20% del latte dei supermercati statunitensi: quasi trecento campioni provenienti da 38 stati.

L’Autorità statunitense per la sicurezza alimentare (FDA) si è affrettata ad annunciare che la coltura delle uova ha dimostrato che non c’era più alcun virus vivo nel latte risultato positivo. I tecnici di laboratorio non l'hanno mai visto nel latte artificiale (in polvere). In ogni caso il consiglio è quello di bere solo latte pastorizzato e non crudo. Pastorizzazione – riscaldamento per qualche tempo Minima 63°C – Dovrebbe essere sufficiente per uccidere i virus.

Diffondi di più

La domanda è se tutto ciò risponderà alle preoccupazioni dei critici. Al contrario, come dimostrano le reazioni ai test del latte positivi. Se una quantità eccessiva di latte contiene materiale genetico del virus, è probabile che la malattia si diffonda più di quanto si possa ricavare dai dati ufficiali. Un'altra preoccupazione è la mancanza di dati di base che dimostrino che il latte è sicuro, scrive la rivista scientifica Scienze la settimana scorsa. Non tutti sono sicuri che il normale metodo di pastorizzazione (15 o 20 secondi a 72°C) uccida tutti i virus.

Un veterinario conclude che il governo non sta solo cercando di proteggere i cittadini, ma anche l’industria Scienzecondizione. Per evitare che i consumatori rinuncino a latte e carne per paura di una contaminazione. La Colombia, che importa circa seimila tonnellate di carne bovina americana all’anno, è stato il primo paese a imporre restrizioni sull’importazione di carne bovina fresca e congelata dai paesi infetti due settimane fa.

READ  Le donne incinte con coronavirus sono a maggior rischio di cistite interstiziale

Leggi anche
Cosa significa l’influenza aviaria per l’Antartide?

Gli scienziati ritengono che le autorità condividano troppo pochi dati su tutti i fronti, e questo rende difficile la ricerca e un buon approccio, anche a livello internazionale. Quindi ho menzionato New York Times Il Ministero sa da tempo che le mucche possono trasmettersi l'infezione e che gli animali possono contrarre l'infezione senza mostrare sintomi evidenti.

È anche difficile per le autorità ottenere informazioni dettagliate su questa questione, perché le mucche asintomatiche non vengono sottoposte a test da molto tempo. Solo alla fine di aprile si è appreso che gli agricoltori potevano ricevere un risarcimento anche per aver testato le mucche senza sintomi visibili. Gli allevatori non sono ancora obbligati a effettuare test, nemmeno sulle mucche che presentano sintomi. Sii allo stesso tempo Nelle misurazioni delle acque reflue in Texas Sono state scoperte anche tracce genetiche del virus dell'influenza aviaria. Un altro argomento per test più ampi.

In Arizona, gli scienziati ritengono plausibile che ci siano molte più aziende agricole che ora sono risultate positive rispetto alle 36 aziende e che il virus deve essere stato trasmesso alle mucche molto prima. Il 21 aprile, a seguito delle persistenti denunce per mancanza di trasparenza, il Ministero dell’Agricoltura ha pubblicato alcuni estratti di dati genetici grezzi sul virus.

Il biologo evoluzionista Michael Worobey dell'Università dell'Arizona Creato un albero genealogico genetico È riuscito a trarre conclusioni sorprendenti: il virus doveva essersi già diffuso alle mucche a dicembre o gennaio, mesi prima che si notassero i primi sintomi della malattia. Ciò significa che il virus si sta diffondendo molto più ampiamente di quanto attualmente noto. “Hanno già visto un latte più denso a febbraio”, ha detto ieri Worobey alla BBC. “È un'occasione persa che non è stata testata settimane fa”. “I dati possono essere condivisi più rapidamente.”

La seconda conclusione, basata su dati così limitati, è che il salto da uccello a mucca probabilmente è avvenuto solo una volta. Sarebbe almeno una rassicurazione, perché dimostra che la trasmissione alle mucche è stata una rara coincidenza. È anche degno di nota il fatto che le infezioni umane appaiono diverse da quelle attualmente riscontrate nelle mucche. Potrebbe trattarsi di un'antica linea virale estinta.

Sembra che il trasporto di bestiame possa essere una causa importante della diffusione della malattia Analisi condotta da ricercatori del Dipartimento dell'Agricoltura statunitenseChe afferma anche che le mucche possono essere contagiose per due o tre settimane. Tuttavia, il virus può passare in diversi modi: da uccello a mucca, da mucca a mucca, da mucca a pollo e, in un caso comprovato, da mucca a essere umano. Da gatti che bevevano latte crudo di mucche infette in una fattoria del Texas La metà è morta. La trasmissione da uomo a uomo non è stata ancora osservata in questa epidemia di influenza aviaria.

READ  Un lockdown davvero severo è ancora inevitabile, secondo un epidemiologo, nonostante la chiusura serale.

Poiché il virus è chiaramente presente nel latte e nelle mammelle, si presuppone che la trasmissione del virus avvenga durante la mungitura, attraverso attrezzature contaminate o attraverso goccioline trasportate dall’aria durante la pulizia, anche se tutto ciò rimane una speculazione.

Chiaramente, i lavoratori migranti sono quindi esposti al maggior rischio di infezione. Hanno il contatto più diretto con gli animali negli allevamenti di bestiame americani su larga scala, spesso con migliaia di mucche. Ma I lavoratori migranti illegali non denunceranno rapidamente Per fare il test. Ci sarà solo Sono state sottoposte al test circa 25 persone Noi siamo.

Epidemia umana

Non è un caso che l’ansia sia così grande. Con qualsiasi infezione nei mammiferi, il virus può mutare e diventare più contagioso. Ciò aumenta il rischio che si sviluppi una pandemia umana. Questo rischio è particolarmente elevato nei suini perché i virus dell’influenza aviaria e quelli umani possono mescolarsi in questi animali. In questo modo può verificarsi con relativa facilità anche una variante più pericolosa.

Ciò che rende difficile una buona valutazione del rischio negli Stati Uniti è che l’origine esatta del virus riscontrato nell’uomo è sconosciuta. Secondo gli esperti, ciò rende difficile determinare quanto siano rappresentativi i virus finora conosciuti rispetto a ciò che potrebbe esserci là fuori, e forse anche tra le persone.

Pertanto, l’appello al governo è quello di effettuare test più ampi, non solo sulle mucche, ma anche sui maiali. Soprattutto negli Stati in cui non sono noti casi di influenza aviaria nelle vacche da latte. Sebbene la Casa Bianca abbia lanciato un “team di risposta immediata”, ci sono anche stati, come l’Indiana, che non vogliono aspettare l’azione federale e hanno già iniziato a testare se stessi.

Anche Wen Qingzhang, rappresentante dell'Organizzazione mondiale della sanità, ha risposto questa settimana alle critiche secondo cui le autorità statunitensi non sono abbastanza trasparenti. Ha aggiunto che l'Organizzazione Mondiale della Sanità riceve regolarmente gli ultimi sviluppi e ha anche ricevuto il codice genetico del virus trovato in fase iniziale. “Siamo sufficientemente informati per preparare misure.”