QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quasi 1 operatore di ristorazione su 2 ha registrato vendite inferiori a luglio rispetto allo scorso anno | Economia

Luglio non è stato un successo incondizionato per il settore della ristorazione. Lo dimostra un sondaggio condotto da Horeca Flanden. Poco meno di una società di ristorazione su due (46 percento) registra una perdita di fatturato rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Uno su tre (33 per cento) ha visto aumentare il proprio fatturato. “Il quadro è variabile quasi quanto il tempo nel primo mese di vacanza”, afferma Matthias de Calloy, CEO di Horeca Vlaanderen.




Per un quinto degli operatori di bar e ristoranti il ​​fatturato è rimasto stabile rispetto a luglio 2020.
I tagli temporanei all’imposta sul valore aggiunto, in particolare, garantiscono che le perdite per molte aziende di catering non siano più elevate. Questa scala dà quindi un punteggio di soddisfazione da 8,76 su 10 a 9,16 su 10 per gli stabilimenti di bevande.

Complessivamente gli imprenditori della ristorazione sono abbastanza soddisfatti del primo mese estivo con un punteggio di 6,4 su 10. Stessa linea la previsione di agosto con un punteggio di 6,6.

“Questa vacanza estiva non doveva essere il tradizionale periodo di punta per il nostro settore della ristorazione. A causa delle misure in atto come orari di chiusura, numero di persone per tavolo e 1,5 metri, i nostri imprenditori stanno ancora vivendo una perdita media di capacità del 30 percento. Disponibilità Le misure di sostegno attualmente per molti imprenditori hanno il respiro necessario per accogliere questo, ma la migliore misura di sostegno rimane la libera impresa, qualcosa che l’intero settore brama”, conclude de Calloway.

La birra al bar e la bistecca al ristorante sono sempre più care: più della metà delle aziende di catering alza i prezzi dopo Corona (+)

READ  Corte Ue: 'Il sistema belga di provvedimenti sugli utili in eccesso era aiuto di Stato'