QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quasi troppo tardi in Scozia, ma Pressel sopravvive alla sconfitta e vince agevolmente il primo turno dello Scottish Open |  Biliardo

Quasi troppo tardi in Scozia, ma Pressel sopravvive alla sconfitta e vince agevolmente il primo turno dello Scottish Open | Biliardo

Luca Brecel deve aver visto la partita tra Mark Williams e Sam Craigie sull’aereo con un po’ di sudore sulla fronte. Anche se il suo volo per la Scozia è stato ritardato di tre ore, il tre volte campione del mondo si è ritrovato in vantaggio per 3-0 in pochissimo tempo.

Pressel, che è stato il prossimo giocatore a giocare allo Scottish Open, ha rischiato di rimanere indietro a Edimburgo al primo turno e ha così subito una sconfitta persa.

Ma Sam Craigie ha dato una mano all’attuale campione del mondo. Con un forte recupero e break di 95, 64, 85 e 126 ha messo da parte la Williams 3-4. Correndo per recuperare il ritardo, Craigie ha dato a Brecel abbastanza tempo per raggiungere la sala da biliardo.

La squadra di Limberger non ha perso tempo e ha battuto in casa Julian Boyko, 4-0. Il 18enne dilettante ucraino ha visto ogni errore punito senza pietà. Pressel affronterà l’inglese James Cahill (WR 72) nel secondo turno.

Il nostro connazionale non si è ancora ripreso del tutto dall’influenza che ha colpito anche lui al Campionato britannico. Per questo motivo ha cancellato il volo di domenica da Dusseldorf per volare lunedì da Amsterdam.

Una decisione che non è finita bene, complice un trucchetto inglese.

“È stato un miracolo che sia arrivato in tempo”, ha detto Pressel in seguito. “Ero ancora sull’aereo quando ho visto che la Williams era in vantaggio di 3-0. E ho pensato: Sam deve vincere almeno un frame per darmi la possibilità di arrivare in tempo. Gli sono molto grato.”

READ  Sledgehammer a Jan Breydel: l'efficace AA Gent crea una posizione subdola a Bruges | Croque Cup 2021/2022

Pressel era soddisfatto anche del “tassista veloce”, perché dall’aeroporto alla sala da biliardo ci volevano 35 minuti di macchina. “L’autista non mi conosceva, ma guidava bene la macchina – ha detto ridendo – probabilmente ha ignorato il semaforo rosso”.

Anche il campione del mondo era contento della sua vittoria. “È stata una bella sensazione, voglio godermi di più il mio tempo al tavolo da biliardo. Forse ci ho pensato molto da quando ho vinto il campionato del mondo, ma voglio godermelo ancora di più. Voglio la stessa mentalità che ho avuto durante il Mondiali: più rilassati.”

“Ma ho quasi cancellato questo torneo a causa di una malattia, quindi non ho potuto allenarmi per 10 giorni. Prima mi allenavo tutti i giorni. Adesso mi sento di nuovo bene, ma ultimamente le cose sono migliorate”.

E aggiunge: Forse ero meno pronto nella prima metà della stagione, ma sono sicuramente pronto per la seconda.