QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quasi un quarto dei giovani olandesi si interroga sull’Olocausto

Quasi tutti conoscono il nome di Anna Frank, ma il 27 per cento degli olandesi non sa che è morta in un campo di concentramento.

Quasi un quarto (23%) degli olandesi nati dopo il 1980 crede che l’Olocausto sia un “mito” o che il numero di ebrei uccisi sia grossolanamente esagerato. Questo è più che in altri paesi.

Fonte: BELGA

Ciò deriva da un sondaggio condotto dalla Conference on Jewish Material Claims Against Germany, o in breve Claims Conference, tra 2.000 olandesi a dicembre.

L’organizzazione internazionale, che sostiene i diritti dei sopravvissuti all’Olocausto, ha precedentemente condotto questa ricerca sulla conoscenza e la consapevolezza dell’Olocausto negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Francia, in Austria e in Canada. Da nessuna parte i risultati sono stati “terribili” come nei Paesi Bassi, afferma la conferenza sui reclami.

Anna Frank

Che 6 milioni di ebrei siano morti durante la guerra, il 54 per cento di tutti gli intervistati non lo sa (tra i giovani il 59 per cento). Tra gli intervistati più giovani, il 37% ritiene che due milioni di ebrei o meno siano stati uccisi. Inoltre, la maggior parte degli olandesi (53%) non menziona i Paesi Bassi come il paese in cui ebbe luogo l’Olocausto durante la seconda guerra mondiale.

Quasi tutti conoscono il nome di Anna Frank, ma il 27 per cento degli olandesi non sa che è morta in un campo di concentramento. La Claims Conference definisce queste cifre “allarmanti”, perché il 22% degli intervistati di età inferiore ai 42 anni considera accettabili gli avvistamenti individuali di espressioni neonaziste. Allo stesso tempo, gli intervistati ritengono che il neonazismo sia più comune negli Stati Uniti che nei Paesi Bassi.

READ  Tre morti, sei dispersi dopo l'esplosione di gas in Sicilia: 'Sembra Beirut' | Notizia