QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quattro corpi recuperati, sei dispersi dopo il secondo incidente minerario in Polonia in una settimana | all’estero

I soccorritori hanno già recuperato questo pomeriggio quattro corpi di minatori scomparsi dopo il terremoto che ha innescato una massiccia fuga di metano in una miniera di carbone nel sud della Polonia. Lo ha annunciato la compagnia mineraria JSW. I soccorritori continuano a cercare altri sei seguaci nella miniera di Zofiowka.

Riguarda i quattro minatori la cui ubicazione è stata trovata ieri. Non è stato possibile stabilire alcun contatto in quel momento.

Respirazione

La compagnia mineraria ha anche riferito che i soccorritori stavano riparando la ventilazione nelle miniere per localizzare le restanti sei persone scomparse. Il processo è lento a causa delle elevate concentrazioni di metano e dell’elevata temperatura.

Secondo l’operatore minerario JSW, la miniera è stata scossa da un terremoto a una profondità di 900 metri venerdì notte alle 3:40 circa. Ciò è stato accompagnato da una grossa perdita di gas metano. Solo 42 dei 52 lavoratori sono riusciti a tornare in superficie illesi.

Secondo incidente in settimana

Questo è il secondo incidente minerario in Polonia in una settimana. Cinque minatori e soccorritori sono stati uccisi mercoledì e altri sette erano dispersi in un incidente in una miniera di proprietà dello stesso operatore.

Il carbone rimane un’importante fonte di energia in Polonia, rappresentando il 70% della produzione di energia. Ci sono stati molti incidenti minerari negli ultimi anni. Nel 2018, ad esempio, cinque persone hanno perso la vita nella miniera di Zofiowka. Il settore stava andando bene per quasi 80.000 dipendenti nel 2021.


Leggi anche:

Quattro morti, sette dispersi in Polonia incidente in miniera

Ecco gli ultimi sacchi di vero carbone del Limburgo: “Non lo vendo, ma ‘oro nero’ scalda ancora molte famiglie”

Cosa colpisce Putin a Donetsk e Luhansk? Miniere pericolose, città grigie, più russi che ucraini