QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Queste madri lesbiche non possono più avere entrambi i certificati di nascita in Italia.  “La Meloni ha iniziato una caccia alle streghe contro di noi”.

Queste madri lesbiche non possono più avere entrambi i certificati di nascita in Italia. “La Meloni ha iniziato una caccia alle streghe contro di noi”.

Quando Emanuela Bruno e Roberta Rivoli si sono conosciute dieci anni fa, le due donne hanno subito stretto una relazione. Bruno, 36 anni, direttore di un istituto comprensivo, e Rivoli, 32 anni, dirigente d’azienda presso una compagnia petrolifera, hanno sentito che i loro orologi biologici ticchettavano troppo forte e volevano avere presto dei figli. Poiché le coppie lesbiche non possono utilizzare l’inseminazione artificiale o la fecondazione in vitro in Italia, Bruno e Rivoli sono andati in Danimarca per questo. Prima Bruno rimase incinta e diede alla luce una bambina di nome Emma (7). Rivoli ha avuto i gemelli Eva ed Ettore (3) con sperma dello stesso donatore. Dopo tanti tentativi e spese decine di migliaia di euro, hanno esaudito il loro desiderio: tre figli, avevano una famiglia.

Adesso, in un caldo pomeriggio di agosto, i gemelli dormono nella casa delle vacanze di famiglia a Besciara del Garda, mentre la bionda Emma, ​​vestita da angelo, fa i compiti. Bruno e Rivoli bevono birra fresca in giardino. La coppia sembra rilassata, ma non lo è. «Sono arrabbiata, Roberta è preoccupata», dice Emanuela Bruno. “Il premier Georgia Meloni ha lanciato una caccia alle streghe contro di noi. Vuole che le famiglie con genitori dello stesso sesso siano libere.

K lobby

Meloni, che governa l’Italia con la Lega nazionalista di destra e il partito di centrodestra Forza Italia, ha una politica interna più conservatrice, in particolare quando si tratta dei diritti delle persone LGBTI+. Il Primo Ministro ritiene che i bambini dovrebbero crescere con il padre e la madre. In passato ha parlato di ‘lobby omosessuale’. Matteo Salvini, vicepresidente del Consiglio della Lega, ha detto alla radio qualche anno fa: “I bambini che crescono con genitori dello stesso sesso iniziano già un passo indietro con la disabilità”.

All’inizio di quest’anno, il ministro dell’Interno ha quindi deciso che i comuni italiani non possono includere due genitori dello stesso sesso sui certificati di nascita; Possono essere elencati solo i genitori biologici. Il governo vuole porre fine a ciò che una manciata di sindaci progressisti ha fatto da tempo, come riconoscere i genitori gay come genitori e mettere entrambi i nomi sui certificati di nascita. Uno di quei sindaci di sinistra era Giuseppe Sala a Milano. Un altro è Sergio Giordani, sindaco di Padova.

Sebbene il matrimonio tra persone dello stesso sesso non esista nell’Italia cattolica, le coppie dello stesso sesso non possono adottare, ma hanno figli. Gli uomini cercano surrogati negli Stati Uniti o in Canada, mentre le donne vanno altrove in Europa per l’inseminazione artificiale. Queste coppie si presentano al comune con i certificati di nascita stranieri dei loro figli. Il sindaco Giordani ha difeso le sue azioni su un quotidiano Repubblica di La Quindi: “È una questione di responsabilità. Non posso accettare che le prime e le seconde siano discriminate fin dall’inizio”. Giordani ha registrato i certificati di nascita di 33 bambini di 17 genitori dello stesso sesso dal 2017. Ora le è stato chiesto di rimuovere i nomi dei genitori non biologici da quei registri con effetto retroattivo.

Adozione da genitore adottivo

Ecco cosa fa arrabbiare tanto Bruno e preoccupa le contrazioni di Rivoli: i loro gemelli sono nati nel 2020 in un ospedale di Padova. Le due donne furono lì riconosciute come le madri di Eva ed Ettore. Se il governo fa a modo suo, Bruno scompare dall’azione. “Significava che avevo bisogno dell’approvazione di Roberta per qualsiasi cosa: andare a prendere i gemelli a scuola, portarli dal dottore, serate con i genitori. Non c’è niente da fare, ti fa impazzire», dice Bruno sotto l’ombrellone in giardino. Rivoli beve birra e aggiunge: “Se muoio io, Eva ed Ettor saranno orfani, adottabili; Emanuela non era la loro madre.

Per evitare tutto ciò, Bruno ha dovuto seguire il modo inglese di essere qui Adozione da genitore adottivo Nome: può adottare gemelli come partner di una madre biologica. Nel 2016, quando è nata Emma, ​​Rivoli è diventata ufficialmente mamma della ragazza; Non c’era alternativa in quel momento. “È un processo complicato di un anno e mezzo. Sei completamente capovolto. E se hai a che fare con uno psicologo cattolico, hai un problema”, dice Rivoli.

La coppia ritira una lettera in cui si dice che il loro processo inizierà a novembre; Il presidente del Consiglio della provincia di Padova vuole che il giudice accolga la richiesta del ministro dell’Interno. Bruno e Rivoli cercano ora un avvocato per questa battaglia legale. “Anche questo ci costa un sacco di soldi”, osserva Bruno.

Nonostante tutto il trambusto e le spese, le due donne affermano di voler portare avanti la loro causa fino alla più alta corte europea. Perché sentono che il governo li sta trattando con discriminazione. Rivoli: “Se il maschio di una coppia in buona fede è sterile e la coppia ha un figlio donatore di sperma, entrambi sono facilmente riconosciuti come genitori in questo Paese. Noi no. Queste coppie fanno esattamente quello che abbiamo fatto noi. Scuote la testa con lunghi riccioli scuri. “Viviamo nel 2023. È scioccante che non abbiamo gli stessi diritti delle persone etero”.

Per saperne di più:

Sei mesi Giorgia Meloni: Borderline moderato, pronunciato proprio in Italia

Sei mesi fa, l’Europa ha trattenuto il fiato: come avrebbe reagito il nuovo primo ministro italiano di estrema destra? Ma ancora Georgia Meloney Le preoccupazioni all’estero sono state affrontate in modo efficace.

READ  L'Italia lascia a casa l'attaccante del PSG