QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Questi tre fattori di rischio aumentano maggiormente il rischio di demenza

Questi tre fattori di rischio aumentano maggiormente il rischio di demenza

Una donna su tre e un uomo su sette svilupperanno la demenza ad un certo punto della loro vita. Non esiste ancora una cura, quindi la nostra migliore possibilità è evitare quanti più fattori di rischio possibili. I ricercatori di Oxford ne hanno elencati almeno 161 e hanno concluso che tre erano chiaramente i più dannosi.

Studenti britannici hanno esaminato le scansioni cerebrali di 40.000 persone di età pari o superiore a 45 anni. Hanno ottenuto questi dati perché avevano accesso alla biobanca del Regno Unito. Si tratta di uno studio sanitario molto ampio e a lungo termine condotto nel Regno Unito, dove almeno mezzo milione di cittadini britannici sono stati seguiti per anni. È anche una risorsa importante per la ricerca sul cancro, ad esempio.

Inquinamento atmosferico, alcol e diabete
Gli scienziati di Oxford hanno raggruppato i 161 fattori di rischio in quindici categorie: pressione sanguigna, colesterolo, diabete, peso, consumo di alcol, fumo, depressione, infezioni, inquinamento, perdita dell’udito, sonno, socializzazione, dieta, esercizio fisico e livello di istruzione. Sono emersi tre fattori: il diabete, l’inquinamento atmosferico causato dal traffico e il consumo di alcol.

Un punto debole nel tuo cervello
Per giungere a questa conclusione, abbiamo evidenziato un punto debole nel cervello: una rete specifica di aree cerebrali che si concentrano sul cosiddetto pensiero di ordine superiore, come l’analisi, la creatività e la valutazione. Questa area del cervello si sviluppa solo alla fine della pubertà e invecchia più velocemente del resto del cervello. La rete è particolarmente sensibile anche alla schizofrenia e al morbo di Alzheimer. E nel nuovo studio In natura ho capitoGli scienziati hanno esaminato le influenze genetiche e adattative su questa fragile area del cervello esaminando le scansioni cerebrali sopra menzionate.

READ  Nuove intuizioni sull'opportunità di trattare o meno il M. genitalium resistente

“Sappiamo che una costellazione di regioni cerebrali è più vulnerabile al deterioramento con l’età, e in questo studio abbiamo dimostrato che queste specifiche regioni cerebrali sono più vulnerabili al diabete e all’inquinamento atmosferico legato al traffico – un fattore crescente e importante nella demenza. – ha detto il ricercatore capo, la professoressa Joynael. David: “Alcool”.

Antigene sfuggente
“Abbiamo scoperto che molte variazioni nel genoma influenzano questa rete cerebrale e sono associate a malattie cardiovascolari, schizofrenia, morbo di Alzheimer e morbo di Parkinson, ma anche ad antigeni di gruppi sanguigni sconosciuti, l'elusivo sistema di antigeni XG, che è stata una scoperta completamente nuova e inaspettata .”

Ciò merita qualche chiarimento. Questo viene dal co-ricercatore professor Lloyd Elliott: “In effetti, due dei sette reperti genetici si trovano in questa regione specifica che contiene i geni del gruppo sanguigno XG, che è una parte molto atipica del cervello perché è condivisa sia dal gruppo sanguigno X e i cromosomi Y. Questo è entusiasmante.” “Molto interessante, perché non sappiamo ancora molto di queste parti del genoma. Il nostro lavoro dimostra che è vantaggioso continuare a esplorare questa genetica.” Anonimo“.

Antigeni
Gli antigeni del gruppo sanguigno sono proteine ​​che si trovano all'esterno dei globuli rossi. Questi antigeni determinano il tuo gruppo sanguigno. L'antigene XG è relativamente sconosciuto. Fu scoperto solo nel 1962 e si trova sul braccio corto del cromosoma X

Ma in pratica, al momento, questo non è di grande utilità. Possiamo fare qualcosa con i fattori di rischio che sono stati identificati come i più pericolosi. “Ciò che rende speciale questo studio è che abbiamo esaminato il contributo unico di ciascun fattore di rischio esaminandoli tutti insieme. Ciò ci ha permesso di misurare il conseguente deterioramento di una specifica vulnerabilità nel cervello. Questo approccio globale e completo, in cui anche noi corretto per età e sesso, ha identificato i tre fattori di rischio più dannosi: diabete, inquinamento atmosferico e alcol.

READ  Un'indagine sul trattamento ascellare specifico del cancro al seno con metastasi linfonodali

Quindi puoi agire tu stesso per ridurre il rischio di demenza. Non c’è molto che puoi fare per contrastare l’inquinamento atmosferico in un paese densamente popolato come i Paesi Bassi. Ma quello che puoi fare è assicurarti di non contrarre il diabete mantenendo un peso sano. Puoi anche ridurre il consumo di alcol. Forse puoi sconfiggere questa brutta malattia.