QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

[Review] Outcast: A New Beginning – Ritorno con vendetta

[Review] Outcast: A New Beginning – Ritorno con vendetta

Outcast: A New Beginning è stato rilasciato la settimana scorsa. Gli editori di XBNL hanno chiesto al revisore ospite Danny di scrivere. Puoi leggere le sue scoperte con il gioco qui:

Probabilmente non hai familiarità con il franchise Outcast. Dopotutto, il gioco è stato pubblicato su PC 25 anni fa, dove ha dovuto affrontare la concorrenza in un anno monumentale nella storia dei videogiochi. Il 1999 è stato l'anno in cui sono stati rilasciati GTA2, Quake 3 Arena, Command and Conquer: Tiberian Sun e Unreal Tournament. Non sorprende quindi che quell'anno sul naufrago ci fosse poca neve. Tuttavia, il gioco può contare su ottime recensioni ed è anche considerato il nonno del genere azione-avventura open world. Small Appeal Studios di Charleroi ha sviluppato il gioco più di un anno prima del rilascio di Baldur's Gate 2 di BioWare, e ci sarebbero voluti altri 10 anni prima che Assassin's Creed vedesse la luce. Un seguito era in lavorazione, ma il fallimento di The Appellate nel 2002 pose fine bruscamente a quei piani.

Nuovo inizio, doppio significato

Tuttavia, Appeal Studios si è ristabilito e attraverso una campagna di crowdfunding è stato in grado di pubblicare un remake nel 2017. Questo remake del gioco originale, chiamato Outcast: Second Coming, funge da punto di partenza per “A New Beginning”. Questo nome probabilmente ha anche un doppio significato dell'appello stesso. Innanzitutto, la società della ripresa è riuscita a rimettersi in piedi, grazie ai fan più accaniti che hanno supportato lo studio nel riavvio. D'altra parte, è un nuovo inizio per il franchise e il vecchio lavoro è stato più o meno abbandonato. Stanno ricominciando con un gioco che tecnicamente è un seguito del primo, ma l'obiettivo principale è attirare nuovi giocatori e non fare affidamento interamente sull'originale di 25 anni e sui suoi fan sfegatati.

Che tu possa avere iodio con te

Questo però non significa che il passato sia stato completamente abbandonato. Il personaggio principale del gioco originale, Cutter Slate, appare di nuovo. Discese da un portale simile a uno stargate su un mondo a lui sconosciuto, il pianeta Adelpha. Non sa come o perché sia ​​finito qui. In effetti sa chi è perché la sua intera memoria è stata cancellata. Ben presto entra in contatto con gli abitanti della zona, i Talan. Sembra che sia stato riportato in vita dagli dei di Talan, Yod. Iod lo considera il prescelto per liberare i Talan schiavi dall'esercito meccanico dell'umanità.

Il fatto che Cutter stesso sia naturalmente umano solleva sospetti e dubbi tra i Talan, ma gli Yod devono sapere cosa stanno facendo, giusto? Tuttavia, la fiducia non è qualcosa che si ottiene di per sé. Gran parte del tuo tempo in questo mondo è dedicato a guadagnare la fiducia di questi nativi. Puoi farlo aiutandoli a resistere all'esercito meccanico che l'umanità ha lasciato su questo pianeta, ma anche sostenendo e risolvendo i loro problemi quotidiani, come un glorioso tuttofare.

Calmati i pacifisti

Non si può davvero dire di sostenere i Talani nella loro lotta contro l'oppressore, dal momento che i Talani sono un popolo piuttosto pacifico e stoico e fino ad ora hanno abilmente evitato di combattere. Si sottomettono alla loro sottomissione piuttosto passivamente, supponendo che non possano prendere posizione contro un esercito pesantemente armato di robot e ricercatori.

READ  Il nuovo gioco Tomb Raider potrebbe essere completamente open world

L'obiettivo principale del gioco porta i giocatori in una missione per trovare la capacità di espellere la tua umanità da questo pianeta per fare in modo che Yod ti permetta di tornare alla tua esistenza precedente. Qualunque cosa sia, perché in realtà non sai più com'è la tua vecchia vita. A poco a poco i ricordi ritornano e i pezzi del puzzle vanno al loro posto.

Il mondo di Outcast potrebbe non essere così vasto come siamo abituati dai giochi open world di BioWare e Ubisoft, ma questo lo rende un po' più chiaro. Il mondo è interessante e pieno di città, villaggi, templi e altre strutture e fenomeni naturali locali in Zelda: Breath of The Wild. Ciò richiede certamente un’esplorazione. Come molti giochi open world, l'esplorazione è controllata da una serie di icone sulla mappa. Inoltre, ci sono un gran numero di NPC che ti mandano a fare ogni sorta di cose. Questo ti farà guadagnare la fiducia e i punti esperienza tanto necessari. In cambio dei tuoi servizi potrai anche ottenere informazioni importanti sulle attività sospette svolte dall'occupante. Sembra un gioco pieno di missioni di recupero e nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Anche le missioni principali sono piene di missioni di recupero. Inoltre, la missione principale è mescolata con tutti i tipi di missioni secondarie, che diventano rapidamente un disastro e rendono difficile avere una panoramica di ciò che ti viene richiesto.

Gruppo di lavoro in…

La complessità è in parte dovuta al fatto che le attività sono legate alla posizione in cui vengono assegnate, quindi non è facile trovare una panoramica di tutte le attività e sottoattività nell'interfaccia utente. Inoltre, non è del tutto chiaro quale sia la missione principale e quale sia una “missione secondaria”. Ad esempio, alcune missioni secondarie non sono affatto facoltative e devono essere completate per compiere determinati passaggi nella missione principale. Gli sviluppatori hanno provato a riunire missioni, luoghi e personaggi in una struttura di missione, ma non ci sono riusciti.

Alla fine ti abituerai alla complessità e all'interfaccia utente, ma il design del gioco non è molto elegante. Il gioco introduce gradualmente anche un numero enorme di sistemi. Esistono solo 5 diversi tipi di risorse, tutte con scopi diversi. Anche se viene presentato a piccoli passi, il tutto è molto stressante, soprattutto nelle prime 4-5 ore.

READ  Waze ti avverte del rischio di incidente

D'altra parte, Outcast è molto modesto nel depositare il numero di gettoni sulla mappa. Sì, devi eliminare i laboratori e le basi di ricerca e ci sono “santuari” e una sorta di centri di potere da conquistare, ma questi sono solo alcuni di ciascuna area e possono essere affrontati rapidamente. Tutte queste esperienze fruttano punti abilità che possono essere investiti nel potenziamento delle tue armi e abilità di combattimento, nonché delle tue armi e del tuo equipaggiamento stesso.

Ho il potere!

Quest'ultimo è particolarmente interessante perché sei dotato di un'armatura estremamente potente e di un jetpack che puoi aggiornare con un equipaggiamento funzionale senza precedenti. Una volta raggiunto il limite massimo, puoi utilizzare il jetpack per volare a bassa quota, eseguire super salti tripli e schivare i proiettili in arrivo in aria. Oltre al suo scopo principale, la tua armatura energetica può essere utilizzata anche come arma da mischia e successivamente anche come tuta alare con la quale puoi lanciarti con il paracadute dalle montagne.

Tutti questi strumenti ti offrono possibilità senza precedenti per muoverti rapidamente in questo mondo. Proprio come i portali, che oltre allo scopo funzionale svolgono anche un ruolo essenziale nella storia. Puoi usarli per viaggiare velocemente e l'attivazione di questi portali apre la mappa pezzo per pezzo.

Un po' arrogante

Come ci si aspetterebbe, i Talan sono il filo conduttore della storia e collezionano e completano le missioni. I Talan sono persone speciali e gli NPC importanti della storia includono anche alcuni personaggi davvero interessanti. C'è Dahke, lo sciocco sognatore che diventerà inavvertitamente un attore chiave nella liberazione di Adelpha. Forse il personaggio più famoso è lo storico antico non udente Regol. Questo vecchio soffre di perdita dell'udito che, insieme a un buon numero di tratti narcisistici e sprezzanti, porta a dialoghi esilaranti. Tuttavia, l’umorismo è un elemento chiave nei dialoghi con Talens.

Molti Talan rifiutano completamente il taglierino “a dieci dita”, sia perché ha troppe dita, sia perché sono così convinti di se stessi che le persone sono viste con un certo disprezzo. Forse anche il fatto che sono dominati da “outsider” gioca un ruolo in questo.

Babilonia

A Cutter viene fornita una traduzione interna da parte di Yods per tutto ciò che esce dalla sua bocca e finisce nelle sue orecchie. Di conseguenza, sorgono regolarmente confusioni linguistiche babilonesi e interpretazioni eccessivamente letterali di ciò che Cutter dice con il suo uso elegante del linguaggio. Ad esempio, Cutter a volte vuole dire “Ci vediamo!” Alla fine della conversazione. Gettare. Questo finisce sempre con “Sì, ti vedo anch'io, abbiamo entrambi gli occhi!” viene risposto. L'umorismo è molto migliore di quanto lasci intendere adesso. Fondamentalmente, Outcast è semplicemente un “gioco serio”, con un messaggio di fondo e non è che ogni conversazione sia fatta per ridere, ma dove possibile gli sviluppatori non si tirano indietro da questo.

Un mondo aperto discontinuo

Nel complesso, Outcast: A New Beginning sembra buono senza essere graficamente superiore. Tuttavia, l'area in cui il gioco resta indietro sono le prestazioni sia su Xbox Series S che su Xbox One Il gioco fatica in molte aree a girare a 30 o 60 fotogrammi al secondo. Sia in modalità Qualità che in modalità Prestazioni, il gioco balbetta regolarmente e si verificano cali significativi del frame rate con molte azioni o movimenti inaspettati. Anche la texture pop-up è molto fastidiosa. Ci vuole sempre circa un secondo dopo un cambio di scena perché tutte le trame vadano a posto. Se usi l'aliante e il jetpack, sarai sicuramente in grado di identificare tutte le tessere di superficie e vedere i diversi oggetti caricati nelle pianure aperte. In questo momento, penso che il gioco stia davvero soffrendo e spero che la società di ripresa possa risolvere questi problemi di prestazioni. Penso anche che la modalità prestazioni abbia un impatto enorme sull'esperienza globale e non fornisca guadagni di prestazioni sufficienti da utilizzare a causa di problemi di frame rate. Le texture e l'uso della luce sono così severamente limitati che l'esperienza non è quella che dovrebbe essere.

READ  È stato rivelato l'aggiornamento di Emergence per Apex Legends

Conclusione

Outcast: A New Beginning ti porta in un mondo aperto bello e chiaro che ti coinvolgerà sicuramente nella lotta per la nobile causa. È popolato da una serie di personaggi interessanti con molte battute divertenti e talvolta divertenti ma anche spiritose. Gli strumenti e le armi disponibili potrebbero non renderlo un mondo speciale, ma è un mondo interessante da esplorare. Peccato per tutti i problemi tecnici, il sistema di missioni disordinato e l'interfaccia utente che incasina un po' le cose. Anche l'eccesso di missioni di recupero e missioni ripetitive non aiuta.

Informazioni sul revisore: Danny è un revisore ospite regolare per XBNL. È un collezionista di giochi vintage ed è affascinato dalle esotiche importazioni giapponesi di Sega Saturn. Il suo amore per i giochi retrò aveva bisogno di essere espresso e così ha fondato Retrolike.net per dare a questo sottogenere di giochi indie di ispirazione retrò l'attenzione che merita. Ti piacerebbe leggere altre recensioni di Danny? Quindi controlla retrò!