QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sembra che lo Strike Team ‘Home’ sia un presagio di ulteriori azioni

Sarà un autunno turbolento a Reyerslaan. La direzione di VRT e i sindacati sono in rotta di collisione su un piano di trasformazione in cui l’emittente pubblica vuole risparmiare circa 25 milioni di euro entro il 2025. Il sindacato socialista ACOD parla di disonestà e chiede la nomina di un mediatore sociale.

Pietro Dumont

Simoneke e Frank, che sono i due principali protagonisti di residenzaHanno visto tutte le loro scene cancellate martedì. Il risultato di uno sciopero spontaneo sul gruppo. Secondo il piano di trasformazione proposto dal management a fine aprile, le serie tv quotidiane di VRT saranno esternalizzate a una casa di produzione esterna.

Quasi settanta dipendenti del programma hanno ricevuto maggiori informazioni martedì mattina sulle condizioni di lavoro in cui avrebbero dovuto lavorare a partire dal 1 gennaio. Una spiegazione che non è stata subito accolta con gli applausi. Anche se la direzione di VRT assicura che sta facendo tutto il possibile per garantirlo residenzaL’equipaggio non ha bisogno di essere riconsegnato, c’è ancora molta insoddisfazione tra il personale coinvolto. Affermano che non tutte le tasse annullate vengono rimborsate. La conclusione sembra essere che otteniamo meno per lo stesso lavoro.

Punizione? Sciopero spontaneo e un giorno senza residenzaregistrazioni. Rischiamo di vedere atti del genere più spesso nelle prossime settimane, in tutta l’emittente pubblica. Perché c’è un serio problema di schiuma tra la dirigenza e i sindacati di VRT. Le due parti si incontrano regolarmente dalla fine di aprile per negoziare un piano di trasformazione che dovrebbe fornire 25 milioni di euro entro il 2025 mentre si prepara il VRT per il futuro digitale.

READ  Gli esperti sono ancora preoccupati: "Non dimenticate cosa sta succedendo negli Stati Uniti...

Frank e Simon hanno visto cancellate tutte le loro scene ieri.Immagine © VRT

Negli ultimi mesi è stato confermato che queste conversazioni si sono svolte in un’atmosfera positiva, ma ora sembra che le cose dietro le quinte siano state molto difficili. Non è che non siano stati compiuti progressi: ad esempio, il numero di licenziamenti per nudisti è stato ridotto da 116 a 67. Ma il modo in cui è successo ha lasciato l’amaro in Michelle Gross, presidente di ACOD. “Non siamo mai stati in grado di negoziare il merito del caso. Le nostre proposte costruttive per attuare i risparmi in modo diverso, senza licenziamenti. Tutto quello che possiamo fare è applicare i freni per cercare di mantenere il numero di licenziamenti il ​​più basso possibile”. ”

Inesorabile

I negoziati alla fine hanno portato a un testo finale che i sindacati hanno voluto presentare ai loro sostenitori questa settimana. Ma la direzione del VRT ha deciso di non aspettare e ha informato ieri i dipendenti e la stampa dell’esito delle trattative. Solo il sindacato socialista ACOD ha potuto presentare il testo ai suoi membri lunedì sera. Erano implacabili. Il testo è stato respinto quasi all’unanimità.

Il fatto che la direzione abbia comunque deciso di comunicare il “nuovo” piano di turnaround era “inaccettabile” per ACOD. La gestione del VRT inquadra il testo della conclusione come se fosse un accordo, a quanto pare. Anche se questo non è il caso. I sindacati non forniranno i loro consigli ufficiali alla dirigenza fino al 7 novembre. L’approvazione formale definitiva del piano non avverrà fino al 21 novembre, quando i sindacati daranno i loro pareri al governo fiammingo durante il cosiddetto Comitato di Settore. Sembra che “questa è la paglia”. “La comunicazione prematura da parte del management non fa che aumentare il fuoco. Ciò dimostra ancora una volta che il nostro CEO non rispetta il dialogo sociale”.

mediatore sociale

All’ACV presenteranno il testo ai membri mercoledì, e giovedì seguiranno i colleghi liberali di VSOA. Dal momento che i membri non hanno ancora espresso le loro opinioni, rimangono più cauti con queste due gilde nella loro risposta.

“Non vogliamo parlare di nessun altro”, ha detto ACV. Ma i tempi dell’amministrazione sono molto sfortunati. Ciò rende difficile continuare i negoziati in modo calmo”. Secondo la direzione di VRT, non c’era niente di sbagliato nei tempi della loro chiamata. “Volevamo solo assicurarci che anche i dipendenti non sindacali ottenessero lo status”, ha affermato il portavoce Bob Vermeer.

La domanda è come procedere ora. Legalmente, la direzione non ha bisogno dell’approvazione sindacale per attuare il piano di trasformazione dall’inizio del prossimo anno. Ma alle persone nei corridoi viene detto che vogliono almeno l’approvazione di uno dei sindacati. Se ciò non funziona, nei prossimi mesi rischia di entrare in conflitto con Reyerslaan.

All’ACOD ti informano che c’è ancora un avviso di sciopero fino al 31 dicembre 2022. Il che significa che tutte le azioni da qui alla fine dell’anno sono sostenute e coperte dai sindacati. In ogni caso, l’Unione socialista prevede di scioperare il 9 novembre, poiché in altri settori è prevista una giornata di sciopero generale nazionale.

È probabile che ulteriori negoziati diventino difficili. Sembra esserci poca volontà da parte dell’amministrazione di scendere a compromessi. Anche tra i sindacati l’entusiasmo di sedersi nuovamente attorno al tavolo è limitato. Anche perché il tempo sta finendo. “Temo che nominare un mediatore sociale sia l’unico modo per far uscire la consulenza dalla stasi”, ha affermato ACOD.