QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Si dice che la canzone sia politica

Si dice che la canzone sia politica

La partecipazione di Israele all'Eurovision Song Contest a Malmö, in Svezia, è in dubbio. Si dice che la voce israeliana “October Rain” contenga un messaggio politico. Ciò non è consentito secondo le regole del festival musicale.

Sim Bwegesi

Si dice che il testo di “October Rain” si riferisca al 7 ottobre, quando i combattenti di Hamas commisero un massacro in Israele. L'emittente israeliana KAN è in trattative con l'organizzatore dell'Eurovision Song Contest, l'Unione europea di radiodiffusione (EBU).

Anche se la canzone del cantante Eden Golan non può ancora essere ascoltata, i KAN hanno già rilasciato il testo al pubblico. C'è particolare controversia sui versi finali cantati in ebraico. La traduzione inglese è: “Non c'è più aria da respirare / Nessun posto, nessun io, giorno dopo giorno / Erano tutti bravi ragazzi, ognuno di loro.

Fiori

Golan canta anche di “fiori”. Questo sarebbe un riferimento ai soldati israeliani caduti, che in Israele vengono spesso chiamati “fiori”. Per il sito di notizie israeliano Ynet La KAN afferma che l'emittente non vuole cambiare la sceneggiatura.

Il presidente israeliano Isaac Herzog spera che prima o poi il suo paese possa partecipare. “Penso che sia importante per Israele partecipare all’Eurovision Song Contest. “È anche una dichiarazione perché ci sono odiatori che cercano di farci uscire da ogni fase”, ha detto domenica durante una conferenza stampa.

Sentimenti di patria

Il ministro israeliano della Cultura Miki Zohar ha scritto giovedì su Canale X che ritiene uno scandalo l'intenzione dell'UER di escludere la canzone israeliana. Secondo Zohar, il contenuto della canzone “October Rain” non è politico, ma piuttosto è “una canzone influente che esprime i sentimenti delle persone e della nazione”. Ma non ha escluso di modificare il testo. “Alla fine dobbiamo assicurarci di essere lì”, ha detto al sito di notizie. N12.

In conversazione con gli olandesi Ora delle notizie Il presentatore olandese dell'Eurovision Song Contest, Cornald Maas, ha affermato di ritenere ragionevole che la partecipazione israeliana rifletta l'attuale situazione nel paese. “Sarebbe strano che Israele presentasse un testo che celebrasse la vita allegramente, come se nulla fosse sbagliato”, ha detto Maas venerdì.

Non vogliamo inserirci

Non sarà la prima volta che l’Unione europea di radiodiffusione respinge una canzone politica. Nel 2009, la band georgiana Stephane & 3G ha voluto partecipare all'Eurovision Song Contest a Mosca con la canzone “We Don't Wanna Put In”. L'organizzazione ha stabilito che si tratta di un riferimento troppo chiaro al presidente russo Vladimir Putin (Putin in inglese).

Tuttavia, l’EBU non sempre riesce a tenere lontani tutti i messaggi politici. Durante l'edizione 2019, a Tel Aviv, in Israele, i membri della band islandese Hatari hanno issato bandiere palestinesi. Per questo l'emittente islandese è stata multata.

Deportazione dei tartari di Crimea

Nel 2016, due anni dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia, l'ucraino Jamala vinse con una canzone esplicitamente “politica”: “1944”, che parlava della deportazione di 240.000 tartari di Crimea durante la seconda guerra mondiale.

A causa della guerra a Gaza da tempo circolano voci sulla partecipazione di Israele al concorso canoro. I membri della band norvegese Gåte hanno descritto la partecipazione israeliana come “problematica” e il candidato britannico Olle Alexander ha firmato una petizione affermando che Israele è “un regime di apartheid colpevole di genocidio”.

Inoltre, più di duemila artisti svedesi, finlandesi e islandesi hanno invitato in lettere aperte a boicottare il Paese, e anche la Russia è stata esclusa dalla partecipazione nel 2022.

READ  La scorsa stagione La Casa De Papel può essere vista su Netflix a partire dal 3 settembre, ma non del tutto | tv