QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Stanchezza estrema dopo il corona: la terapia comportamentale può aiutare (un po’).

Stanchezza estrema dopo il corona: la terapia comportamentale può aiutare (un po’).

Negli ultimi mesi, i ricercatori di Amsterdam UMC e Radboudumc, insieme a tre ospedali, hanno studiato l’effetto della terapia cognitivo comportamentale in un gruppo di 114 pazienti.

Cambiamento di comportamento

La terapia cognitivo comportamentale presuppone che i tuoi pensieri, comportamenti e sentimenti siano interconnessi. Impari a trasformare i pensieri negativi in ​​pensieri positivi e inizi consapevolmente a cambiare il tuo comportamento.

“Ad esempio, un terapista ti aiuta a cambiare le abitudini del sonno o a muoverti di più, ad esempio attraverso un programma di camminata”, afferma Hans Knopp. È ricercatore in psicologia medica presso l’UMC Amsterdam e ha contribuito all’indagine della pubblicazione.

Dopo il trattamento con la terapia, i pazienti post-covid sono meno stanchi e riescono a concentrarsi meglio. Diminuiscono anche altri disturbi fisici, come mancanza di respiro e problemi di sonno.

Non provoca disturbi psicologici

Ma questo non significa che la causa delle lamentele nel post-Covid (noto anche come lung covid) sia psicologica, sottolineano i ricercatori. O quel trattamento aiuta tutti.

“Ma questo non è un santo trucco”, dice Alphonse Old Lohoes. È un consulente medico presso C support, un’organizzazione che fornisce supporto e consulenza a persone con lamentele a lungo termine di corona. “Concentrarsi sulle questioni mediche vitali nel recupero dopo un focolaio è molto più importante”.

I materiali biomedici includono batteri, virus, corpi estranei e proprietà genetiche. Olde Loohuis: “Ad esempio, è molto importante fare ulteriori ricerche sulla debolezza muscolare o sui coaguli nel corpo”.

Cosa c’è dopo il covid?

Se i reclami continuano dopo l’infezione da Corona per più di tre mesi, si dice che sia la fase post-Covid. Ciò si riferisce, ad esempio, a dolore toracico, perdita dell’olfatto e del gusto, mancanza di respiro, affaticamento o dolore muscolare.

READ  St Jansdal utilizza la nuova scansione PET/TC

Uno studio sulla popolazione su larga scala mostra che una persona su otto con corona viene lasciata dopo aver contratto il virus. La ricerca, condotta da UMC Groningen e Radboudumc, è iniziata nel marzo 2020 quando è iniziata la pandemia di Corona.

60% di stanchezza in meno

Knopp, che lavora anche come psicologo clinico, afferma che hanno preso parte allo studio solo le persone che hanno contratto il corona e che sono rimaste molto stanche in seguito. “Un medico generico o uno specialista li ha indirizzati a noi o si sono registrati per il nostro studio.”

Il medico ha verificato se ci sono altre cause di affaticamento. “In questo modo eravamo sicuri che la stanchezza fosse, in effetti, dovuta al coronavirus”, afferma Knopp. Quindi, metà di un gruppo di 114 pazienti ha ricevuto una terapia cognitivo comportamentale per cinque mesi. L’altra metà è stata assistita da un medico generico, fisioterapista o terapista occupazionale.

Dopo quel periodo, il loro stress è stato nuovamente controllato. “Si è scoperto che le persone che hanno seguito la terapia comportamentale avevano meno lamentele. Circa il 60% delle persone nel gruppo di terapia comportamentale era meno stanco in seguito”, afferma Knopp.

Attivo contro riposo

Il consulente medico Olde Loohuis ritiene che questo tipo di terapia possa aiutare, ma preferisce una tecnica più incentrata sul comfort, chiamata ritmismo. È importante che le attività siano brevi e che tu ti riposi nel mezzo. “Ritmo significa prendersi una pausa”, dice. “Se scarichi la lavastoviglie, ad esempio, è importante includere una o due fermate. Questa è già una grande attività per molti pazienti”.

READ  Perché gli operatori sanitari di tutto il Paese faranno sentire la loro voce domani durante la Marcia per il Clima

È questa la cura per il post covid? No, dice Olde Loohuis, ma arriverà “quando arriveranno più medicine”. Ma dubito che ciò accadrà a breve termine.