QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Studio su larga scala del trattamento personalizzato del cancro del colon-retto metastatico

Maastricht

Un consorzio di organizzazioni, guidato da Maastricht UMC+, riceverà una sovvenzione di 1,8 milioni di euro da NWO per la ricerca sul trattamento personalizzato del cancro del colon-retto, con l’obiettivo di aumentare le possibilità di sopravvivenza e la qualità della vita.

Diagnosi di cancro più comune

Il cancro del colon è la terza diagnosi di cancro più comune, con un tasso di sopravvivenza di circa il 65%. Tuttavia, il trattamento spesso non ha successo e può avere gravi effetti collaterali.

irinotecano

Molte organizzazioni, comprese le organizzazioni dei pazienti, i college e gli ospedali universitari, hanno unito le forze per colpire il cancro del colon-retto metastatico. Questo si basa sul trattamento attuale, la chemioterapia a base di irinotecan.

Principali svantaggi

L’attuale metodo di cura ha dei vantaggi, ma ha anche degli svantaggi: è impossibile prevedere in anticipo chi beneficerà della chemioterapia e chi no. Inoltre, un certo numero di pazienti ha gravi effetti collaterali come febbre e diarrea grave, che richiedono un ricovero regolare. Ciascuna di queste carenze ha un impatto negativo significativo sulla qualità della vita dei pazienti trattati.

Meno cure, più risultati

La professoressa di oncologia chirurgica e responsabile della ricerca Margoline Smidt (Maastricht UMC+) si impegna per un trattamento più mirato: ‘La mia missione è: trattare di meno con più risultati. Pertanto, è necessario cercare modi per prevedere se una persona trarrà beneficio da questo tipo di chemioterapia. Inoltre, è molto importante determinare le indicazioni con cui possiamo migliorare il trattamento, ad esempio in termini di dosaggio. Infine, vogliamo essere in grado di fare una stima del rischio di sviluppare una grave diarrea e persino prevederlo in anticipo.

READ  GGD Groningen: "Il 43% dei residenti di Groningen ottiene il primo colpo"

Tre componenti di un trattamento ottimale

In questo studio, sotto il nome OPTIMA, i ricercatori lavoreranno su tre componenti. In primo luogo, l’analisi dei batteri delle feci per determinare se le persone sono a rischio di sviluppare diarrea come effetto collaterale. In secondo luogo, la ricerca genetica sulle cellule tumorali, che i medici possono utilizzare per determinare se un tumore è sensibile all’irinotecan. In terzo luogo, i test genetici basati sul campione di sangue di un paziente possono determinare la dose ottimale di chemioterapia per il trattamento.