QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Trovare il primo pizzaiolo nel Limburgo (Food & Drink)

Leggi anche. Vota la migliore pizza del Limburgo e avrai la possibilità di vincere una pizza gratis per un anno

La scoperta del carbone ci ha portato l’oro due volte: pasta oro nero e giallo oro condita con salsa di pomodoro fresco e mozzarella. Il 23 giugno 1946 i governi belga e italiano hanno raggiunto un accordo reciproco: per ogni sacco di carbone da 200 chilogrammi che abbiamo inviato in Italia, il nostro paese ha ricevuto un lavoratore italiano ospite. Quando gli italiani scoprirono dopo un po’ che avevano bisogno di più tempo per guadagnare cifre generose, donne e bambini – e con loro innumerevoli ricette per leccarsi i pollici e le dita – vennero nel nostro quartiere.

“La storia della pizza del Limburgo inizia proprio in città”, dice Rosaria Ciarlo della Missione Cattolica di Genk, la comunità ecclesiale italiana. “Qua e là nei giardini c’erano dei forni in muratura improvvisati che attiravano molti buongustai solo accendendo un fuoco. A volte questo diventava un piccolo affare: 20 franchi per una pizza piccola e tonda”. I belgi che vivevano nei giardini hanno appreso così la specialità italiana prima degli anni ’70.

Pizza da Fausto a Genk. © Luc Delimans

Agostino Lombardi è stato il primo “nuovo” lemburger a fare della pizza la sua professione. “Mio padre è morto nel 2018”, racconta Tania Lombardi, che ha rilevato l’azienda dopo il suo pensionamento. “Il suo necrologio dice ‘il fondatore della prima pizzeria in tutto il Limburgo’. Almeno questo è quello che ci ha sempre detto”. Agostino e sua moglie – lui stesso napoletano – avviarono la prima filiale Da Fausto (poi Pizza Napoletana) in Genkse Stalenstraat. Non aveva esperienza nel fare la pizza, ma ovviamente conosce i profumi e i sapori ineguagliabili della sua terra, e proveniva dalla famiglia di un autentico fornaio italiano. “Mio padre è anche orgoglioso dei tradizionali forni a legna e delle ricette semplici”. All’inizio degli anni ’90, l’azienda si è trasferita a Winterslag. Il caso è ancora in corso.

Agostino Lombardi è stato il primo Limburger

Agostino Lombardi è stato il primo “nuovo” lemburger a fare della pizza la sua professione. © RR

in italiano

C’era anche Tony Napolitano come il pollo. Il figlio del minatore si trasferì a Overpelt alla fine degli anni ’60 per amore. “Da una parte puoi contare il numero degli italiani nella zona”, ride Tony. “Nel 1971 ho iniziato con un negozio di patatine da asporto, ma presto ho sentito il bisogno di provare la cucina del mio paese d’origine. A differenza del vino che portavo dalla mia regione, la pizza non è stata subito apprezzata. Anche la gente del Limburgo settentrionale parlava di un ” pie with siege” Ci vollero anni – fino agli anni ’80 – perché il quartiere cedesse. Dopo un po’ si smise di parlare di “Frituur Tony”, ma di “all’italiana”. Nel frattempo, Tony si sta godendo il meritato ritiro con pizza (e patatine).

(Leggi di più sotto le foto)

Intanto Tony Napolitano si sta godendo il meritato ritiro con pizza (e patatine).

Intanto Tony Napolitano si sta godendo il meritato ritiro con pizza (e patatine). © Sven Dilling

Dopo un po' la gente ha smesso di parlare

Dopo un po’ si smise di parlare di “Frituur Tony”, ma di “all’italiana”. © Sven Dilling

Origano e basilico profumano in mezzo ad Hasselt dagli anni ’70 grazie alla pizza di da Mario. Sabina Marzo può ancora ricordare vividamente come ha aiutato la pizzeria dei genitori e dello zio alla Kleine Maastrichterstraat: “Quando abbiamo iniziato nel 1974, c’era già un ristorante italiano, ma non c’è ancora una vera pizzeria. Nel 2010 la mia famiglia ha chiuso i battenti per affari, ma le persone ci parlano ancora molto di come hanno conosciuto la cucina italiana con noi. Stephen Vandepute, che all’epoca non era sindaco, veniva spesso qui per un calzone”.

(Leggi di più sotto le foto)

Sabina Marzo al lavoro del padre ad Hasselt.

Sabina Marzo al lavoro del padre ad Hasselt. © RR

Da Mario's Pizza in Kleine Maastrichterstraat.

Da Mario’s Pizza in Kleine Maastrichterstraat. © RR

Anche se ora non possiamo immaginarlo, la delicatezza giallo oro sta lentamente diventando una buona alternativa anche alle patatine fritte belghe giallo oro. Secondo Valentina Trotta, suo nonno Luigi Zica e Maria Frisa hanno aperto la prima vera pizzeria a Massillian nel 1981. “E con ‘vero’ intendo che stavano cuocendo la pizza su legno di faggio o di quercia, in un cortile di legno, come hanno appreso in Napoli. L’impasto è stato lievitato. Due volte e i pomodori pelati erano arrivati ​​dall’Italia”, spiega Valentina.

Luigi Zika in da Zika a Maasmechelen.

Luigi Zika in da Zika a Maasmechelen. © RR

Avant La Liter di Domino

Quando negli anni ’80 i nostri cuori si riempivano sempre più di mozzarella sciolta, anche gli imprenditori belgi saltarono sul carro. Letteralmente, perché Roger Mertens e Mia Wanz vendevano la loro pizza più fresca in un famoso camion di Genk e dintorni chiamato De Pizzalijn. “La prima pizza è stata consegnata in scooter in una calda scatola di legno che mio nonno aveva messo da solo”, racconta il nipote Lars Jurgen. Domino’s (dall’attuale catena di pizzerie, editore) prima del discorso Dire. Poi c’era il famoso camion. La pizza era inferiore a quella dei veri italiani? Il nonno andò a Napoli per imparare il mestiere e lavorò anche con vere fornaci a legna”.

Mia Wans e Roger Mertens hanno venduto la loro pizza appena sfornata in un famoso camion a Genk e dintorni chiamato De Pizzalijn.

Mia Wans e Roger Mertens hanno venduto la loro pizza appena sfornata in un famoso camion a Genk e dintorni chiamato De Pizzalijn. © RR

Possiamo affermare con certezza al cento per cento che Da Fausto è stato davvero il pioniere del Limburgo? No, anche se molte fonti indicano la sua direzione. «Abbiamo fatto la domanda a Radio Internazionale, una radio con tanti ascoltatori italiani del Limburgo», dice Rosaria Ciarlo di Missione Cattolica. “Da Fausto è stato indicato da tutti come il primo. Anche se tutti sanno già che la storia della pizza è iniziata nelle città”.

Da dove viene la pizza?

La pizza come la conosciamo oggi è di origine italiana. Nel 17° secolo, i napoletani si trasferirono nelle zone più povere della città per mangiare questo piatto contadino, dice lo storico del cibo Alberto Grande in un podcast italiano che ha ascoltato molto sulla cucina della sua terra natale. Grande insegna Storia dell’alimentazione all’Università di Parma. Tuttavia, l’origine della pizza in realtà si trova nella regione mediterranea, dove il pane tondo viene cotto per migliaia di anni con condimenti. Grandi conclude che la pizza non è esclusivamente italiana.

Pizza da Fausto.

Pizza da Fausto. © Luc Delimans

READ  Nudo, nudo, scalzo: 8 tendenze moda dominano il campo dei festival (e la maggior parte sono rivelatrici) | bellezza alla moda