QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

UMC Utrecht indagherà la prevalenza della variante omikron all’interno delle famiglie

UMC Utrecht condurrà ricerche sulla prevalenza della variante omikron del coronavirus all’interno delle famiglie. Le domande centrali della ricerca includono quanto velocemente si diffonde, quale ruolo svolgono i bambini e se qualcuno è stato vaccinato per aiutare. UMC cerca altre cento famiglie che vorrebbero partecipare allo studio.

Secondo l’ospedale, l’obiettivo dello studio è quello di ottenere maggiori informazioni sulla diffusione della nuova variante del coronavirus. “Vogliamo sapere quanto sia diffusa la nuova variante di omikron all’interno delle famiglie e se questa sia diversa dalla variante delta del coronavirus”, spiega la pediatra ed epidemiologa Patricia Brugging. Più in particolare, osserviamo quanto sia comune il virus tra i bambini, perché i bambini di solito hanno molti contatti. Stiamo anche studiando il ruolo della vaccinazione”.

Patricia Brugging guida la ricerca, lo studio CORONAthuis, che si svolgerà nei primi mesi di quest’anno. È il seguito dello studio del 2020, che ha anche esaminato la diffusione del coronavirus all’interno delle famiglie. Poiché la variante omikron è più contagiosa e molte persone sono state vaccinate contemporaneamente, la ricerca continuerà.

Risultati dal 2020

Un sondaggio del 2020 ha rilevato che il 27,8% dei membri della famiglia era infetto anche se un membro della famiglia aveva COVID-19. A livello familiare, era del 45,7 per cento; L’infezione si è verificata in quasi la metà delle famiglie. Secondo UMC Utrecht, precauzioni come indossare una mascherina a casa o mantenere una distanza di un metro e mezzo hanno avuto scarso effetto.

Il team di ricerca dell’UMC Utrecht è ancora alla ricerca di famiglie che vorrebbero partecipare alla nuova ricerca. “Tutte le famiglie possono partecipare al sondaggio 2020, dalle famiglie agli amici che convivono. Ora ci stiamo concentrando soprattutto sulle famiglie con bambini”, afferma Marieki de Hoog, professore associato di malattie infettive, che coordina lo studio CORONAthuis.

READ  Il professor UMCG soddisfatto delle iniezioni di vitamina K per i bambini

“Un’altra grande differenza è che gli adulti e i bambini di età inferiore ai 12 anni sono ora vaccinati; la copertura vaccinale è particolarmente alta tra gli adulti. Ciò è in contrasto con lo studio precedente, quando non c’erano ancora vaccini”.

Più date

I ricercatori ora vogliono raccogliere più dati per vedere l’effetto della vaccinazione (di richiamo) sulla prevalenza della variante omikron. I bambini di età inferiore ai 12 anni non sono ancora stati vaccinati, ma utilizzando i dati possiamo già fare delle stime sull’impatto della vaccinazione infantile sulla diffusione del coronavirus. Vogliamo che 100 famiglie partecipino al nostro studio”.

Il team di ricerca vuole ottenere maggiori informazioni su come il virus si diffonde tra i membri della famiglia. Secondo UMC Utrecht, questa conoscenza è importante per determinare quanto velocemente la variante omikron può diffondersi ulteriormente e quanta vaccinazione (di richiamo) o altre misure possono limitarla. “Le persone che hanno più contatti tra loro, come i familiari, hanno maggiori probabilità di essere infettate. Ecco perché un sondaggio tra i familiari di una persona infetta può insegnarci molto sulla diffusione. Sulla base di queste intuizioni, possiamo consigliare meglio l’utilità e la necessità delle misure”.

Partecipare

Per partecipare allo studio, una famiglia deve possedere diversi requisiti. All’interno di una famiglia, qualcuno deve essere risultato positivo al test per COVID-19 e la famiglia deve registrarsi entro 24 ore dopo che il risultato del test è noto. La famiglia deve essere composta da almeno due persone, di cui almeno un figlio minorenne.

Ci deve essere anche almeno una persona nella famiglia che non è risultata positiva nelle ultime 48 ore e nessuno nella famiglia è risultato positivo nelle due settimane precedenti. I partecipanti devono anche avere uno smartphone o un tablet per partecipare.

READ  Il 39% degli adulti in HILO è in sovrappeso