QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un altro colpo di scena: come VRT (e il CEO Frederic Delaplace) sono finiti nell'occhio del ciclone nel documentario di De Pauw

Un altro colpo di scena: come VRT (e il CEO Frederic Delaplace) sono finiti nell'occhio del ciclone nel documentario di De Pauw

Letteralmente: la lettera aperta del settore della cultura e dei media

Caro Benjamin Daly,

Con stupore, sgomento e crescente incredulità, noi media abbiamo seguito le strane svolte compiute dal CEO della Radio Pubblica Frederick Delaplace dopo la prevista trasmissione di “The Operation No One Wanted” su VRT. Un documentario in cui otto donne testimoniano del comportamento inappropriato del BDP nei loro confronti, un documentario che Delaplace aveva precedentemente rinviato due volte. Venerdì scorso, in una comunicazione ai suoi colleghi, ha affermato che la verità ha i suoi diritti, che sono in preparazione delle scuse per attirare l'attenzione delle donne interessate e che queste conversazioni dovrebbero svolgersi in assoluta riservatezza. Non possiamo immaginare quante sopracciglia si siano sollevate da tutte quelle persone che, leggendo questa lettera, si sono interrogate sul collegamento tra le imminenti scuse e il rinvio del documentario in cui le donne raccontavano tranquillamente la loro storia. Questo è. Raccontano la loro storia. Ci chiediamo quale potrebbe essere una minaccia in questo processo di guarigione, a meno che, ovviamente, non venga vista come una minaccia dallo stesso amministratore delegato della radiodiffusione pubblica. Se le intenzioni del suddetto presidente fossero state pure, avrebbe potuto fare una sola scelta, cioè permettere alle donne di parlare, e dare loro spazio e, sì, tempo di trasmissione.

Per noi non c’è altra spiegazione se non che quest’uomo abbia una doppia agenda. Se la verità ha i suoi diritti, come dice Delaplace ai suoi colleghi nella sua lettera, vorremmo insegnargli che anche la verità ha i suoi diritti. E noi, gli artisti e i creatori, che riempiono i numerosi programmi davanti e dietro le quinte, che il signor Delaplace può approvare o meno, vogliamo sapere chi si tiene qui? E le donne che pensava di proteggere certamente non lo erano, perché sono state informate del rinvio del film solo dopo il rinvio del documentario. Un atto da gentiluomo?

READ  Il "mago" che ha insabbiato i brogli elettorali: l'ex capo elettorale di Putin (70 anni) è morto per un "grave ictus" | al di fuori

Per noi è inaccettabile che una persona sulla scena televisiva abbia apparentemente il potere, per ragioni misteriose, di rinviare la messa in onda di un documento importante su comportamenti trasgressivi nella stessa scena e, chissà, di cancellarne la messa in onda. Frederick Delaplace potrebbe provenire da un’epoca in cui poteva farla franca con interventi così ambigui al potere, ma speriamo che il messaggio che il mondo politico gli sta inviando sia tanto chiaro e cristallino quanto vago e ambiguo.

Tre anni fa abbiamo tracciato una linea nella sabbia proprio per affrontare questo tipo di comportamento. Il signor Delaplace pensava che la tempesta fosse passata? È un peccato, ma non puoi farci niente. Lo ha rianimato lui stesso. Fino ad allora era la “pace” a dover “ritornare”. Perché se risultasse che le cose sono ancora tranquille dal punto di vista politico, se risultasse che Frederick Delaplace riesce a farla franca con un comportamento così trasgressivo, allora lei, Segretario Daley, deve finalmente riconoscere che, in tutti gli anni trascorsi da #MeToo, ci sono è stato un piccolo cambiamento prezioso.

Noi, attori della sfera culturale ampia, chiediamo che le otto donne del documentario abbiano lo spazio che meritano sul canale pubblico.

Chiediamo un’azione reale per affrontare il comportamento predatorio all’interno e all’esterno del VRT e non le parole vuote che DeLaplace osa presentare ai suoi colleghi come la verità che definisce i suoi diritti.

Chiediamo che ciò sia comunicato in modo chiaro e conciso, senza doppi programmi e senza giochi politici. Perché il signor Delaplace è solo in questa decisione? Oppure anche lui è tenuto sotto controllo? Se è così, spetta all'intero Consiglio chiarire a favore di chi esattamente è stata presa questa decisione. La ricostruzione dei fatti fa pensare ad un intervento in cui non si è tenuto conto in alcun modo delle donne stesse, e ci sembra che questa fosse l'essenza della marcia, no? Noi, come personale della radio pubblica, come contribuenti e come professionisti impegnati dell’industria culturale, non ci fermeremo finché non verrà creata chiarezza.

READ  Dopo Reggie, anche Susan e Frick si sposano "segretamente" | musica

Infine, vorremmo dire alle donne preoccupate apparse nel documentario: siamo al vostro fianco come una sola unità. non sei solo. Non nei messaggi di odio che ricevi, né nel silenzio che ti viene imposto. Puoi prenderti una pausa nel gruppo, noi prenderemo il comando per un po', ti copriremo le spalle. È grande il coraggio che hai dimostrato nella tua debolezza. Ti ringraziamo e ti riconosciamo per questo.

È a dir poco scandaloso che l’emittente pubblica non faccia questo. È a dir poco scandaloso che la VRT stia inviando il messaggio che, se arrivano le scuse, le donne colpite dovrebbero tenere la bocca chiusa per un po'. Ciò è senza precedenti, inaccettabile e umanamente impossibile per noi.