QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un soldato ucraino testimonia dell’orrore di Bashmut: “Non avevamo un sacco a pelo e non c’era nemmeno cibo caldo”

Un soldato ucraino testimonia dell’orrore di Bashmut: “Non avevamo un sacco a pelo e non c’era nemmeno cibo caldo”

Soldati ucraini al riparo in primo piano (soggetto foto) ©Reuters

La prima linea più violenta in Ucraina è attualmente a Pashmut. Qualcuno testimonia che solo un centinaio di metri separano soldati ucraini e russi Guardiano. “A volte possiamo sentirli ridere”, dice. Anche se non c’è motivo per questo.

Bashmuyt è stato il primo posto in cui ha inviato il diciannovenne Nizar. Il soldato aveva appena completato il suo addestramento con l’esercito ucraino e il primo compito sarebbe stato facile, gli fu detto. Una piccola città nella provincia di Donetsk, dove se ne sono andati tutti i suoi 70.000 abitanti. Nizar ei suoi compagni non hanno portato con sé un sacco a pelo. Il lavoro sarà fatto lì in un giorno. Niente si è rivelato meno vero. C’erano molti più russi lì di quanto si aspettassero, e riconquistare la città si rivelò un incubo che non era ancora finito.

“Quando abbiamo visto quanti russi c’erano già, la nostra missione è cambiata”, dice Nazar. Guardiano. “C’era più di quanto ci aspettassimo. E c’erano solo un centinaio di metri tra noi e questi soldati russi. Eravamo su una bassa collina e loro erano su una. A volte li sentivamo ridere. A volte li vedevamo sparare sugli alberi ciecamente. Come se fossero in Somalia.” .

preside

Si trasformò in un duello, cercando di tirarsi giù dalla collina. I russi in particolare hanno compiuto sforzi frenetici nella notte, avvicinandosi in piccoli gruppi. È diventata una battaglia di logoramento. “Le prime notti sono andate bene senza sacco a pelo”, dice Nizar. Dormiva sul terreno ghiacciato, accendendo fuochi con tutto ciò che lui ei suoi compagni riuscivano a trovare. “Ma poi ha trovato un sacco a pelo. E qualcun altro ha trovato un tappeto. Tuttavia, aveva quel freddo. Non avevamo cibo caldo e tutta l’acqua era ghiacciata.”

READ  I repubblicani congelano il comitato d'inchiesta che assalta la capitale ...

Ancora oggi rimane un campo di battaglia con una violenza senza precedenti. I russi tentano di inseguire le forze ucraine con cannoni e granate, poi la fanteria segue a terra. Ma ci sono stati meno spari rispetto a quando erano appena arrivati ​​gli ucraini. All’inizio, l’esercito russo ha sparato a tutto e ora ha munizioni più parsimoniose. Siamo riusciti a impossessarci di uno dei loro dispositivi durante una delle battaglie. A quel punto li abbiamo sentiti chiedere le nostre munizioni, ma abbiamo ottenuto la risposta che non ce n’erano più.

violenza permanente

Ma ogni volta che munizioni o altre armi raggiungono Bach, tutti i freni vengono rilasciati per un po’. Secondo fonti ucraine, ogni giorno muoiono centinaia di soldati russi. Non è chiaro quanti ucraini siano stati uccisi. È certamente una grande strage, come testimoniano i video e le testimonianze che da lì sono già giunte in tutto il mondo.

Tuttavia, Nazar rimane positivo. I russi ci sembrano molto caotici e disorganizzati. Ecco perché siamo stati in grado di ucciderne così tanti”. Tuttavia, non c’è altro da fare che aspettare e andarsene quando arriveranno gli attacchi. Nizar compirà vent’anni in tre giorni e rimane fiducioso che presto arriverà una nuova destinazione. “La nostra prossima missione potrebbe avvenire il giorno del mio compleanno. O oggi, chissà.