QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una nuova crisi alimentare in arrivo? Dal Cordon Bleu al Condimento: la lista dei richiami si allunga | interni

Dalle creme spalmabili, ai cordon bleu e alle zuppe, fino al prosciutto cotto e al formaggio cremoso: l’elenco dei prodotti che i supermercati devono richiamare dagli scaffali è stato ordinato dall’organismo di vigilanza alimentare belga FASFC ad agosto e settembre. notevolmente lungo. Conteneva molto prodotto fitosanitario, ossido di etilene, un insetticida che può causare il cancro. Gran parte del prodotto è stato trovato negli alimenti europei ormai da un anno.




Food Meat & More, d’intesa con la Federal Food Chain Safety Agency (FAVV), ricorda oggi l’insalata di pollo, mandorle e tonno, anche per la presenza di residui di fitofarmaci (ossido di etilene). Entrambi i prodotti sono stati distribuiti nelle filiali Bon’Ap e Buurtslagers.

Lunga lista della biancheria

Più di una settimana fa, anche i supermercati hanno dovuto ritirare una lunga lista di prodotti dal mercato a causa degli effetti dell’ossido di etilene. Delhaize ha ritirato dal mercato shake di pollame, cordon bleu, arrosto di orloff, cordon bleu di pollo, wrap e fusilli. Jumbo ha anche ritirato il cerchio dal mercato. I produttori di carne di De Keyser dovevano ricordare il maiale cotto (che è distribuito a Cora), il maiale cotto sgrassato e la speciale baguette cotta (Makro). Infine, anche l’insalata Gourmet Greens con formaggio di capra è stata rimossa dal mercato.

Nei giorni scorsi si sono aggiunte le creme spalmabili di Delicio, il Cordon bleu di Lidl, del marchio Jermayo e il Cordon bleu di Intermarché. Diversi media hanno riferito che lo scorso anno i supermercati del nostro Paese hanno richiamato almeno 200 prodotti. È in arrivo una nuova crisi alimentare? O non dovremmo ancora farci prendere dal panico?

READ  Il principe ereditario olandese ha permesso "anche se avessi fatto sesso con una donna"

Contro funghi e salmonella

Quindi l’agente principale nella foresta è l’ossido di etilene, che è una sostanza vietata in Europa, ma utilizzata in altri paesi per allontanare funghi o salmonella. Se si trova nei prodotti qui, deve essere rimosso dagli scaffali. Non c’è nessun pericolo immediato per chi lo mangia, ma se si consumano da anni prodotti contenenti ossido di etilene in grandi quantità ogni giorno, ci sono potenziali rischi per la salute.

Prima dell’estate, l’ossido di etilene era presente anche nel pepe, nello zenzero e nella curcuma. Di conseguenza sono scomparsi anche i gelati di marzo e prima dagli scaffali, così come Heks’nkaas, uno dei prodotti tipici olandesi venduti da Albert Heine. Tutto è iniziato la scorsa estate quando un’azienda alimentare italiana ha scoperto che i suoi prodotti erano contaminati da ossido di etilene. Il sesamo nei prodotti proveniva dall’India ed era lavorato in Belgio. I semi venivano lavorati da molte aziende alimentari e diffusi in tutta Europa.

rigide regole europee

Il pubblico in generale non sembra essere ancora a conoscenza dei riscatti, ma le aziende lo sono. “In media, dobbiamo ritirare circa 15 prodotti dagli scaffali a Delhaize all’anno, ma quest’anno ce ne sono già 50”, ha detto la scorsa settimana il portavoce di Roel Dekelver a VRT NWS. Al contrario, Fevia, la federazione belga dell’industria alimentare, e il sindacato Comeos, sono reticenti sui massicci richiami e chiedono una revisione delle rigide regole europee. Si dice anche che il governo belga abbia chiesto alla Commissione europea di ridurre la probabilità di richiami di prodotti.