QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una ragazza (13) non può entrare in un parco acquatico dopo essere stata pesata, madre…

(foto sotto il titolo) © Shutterstock

Una madre australiana accusa gli operatori di un parco acquatico di diffamazione fisica perché la figlia adolescente è stata prima fatta salire su una bilancia e poi le è stato negato l’ingresso a un’attrazione. “umiliante”.

mtmFonte: donna

Adventure World, un parco acquatico a Perth, in Australia, si è scusato per aver installato il sistema di bilance. I visitatori sono stati prima pesati per “motivi di sicurezza” prima che fosse loro permesso di essere all’attrazione. Coloro che hanno ottenuto il via libera sono stati autorizzati a continuare. Al semaforo rosso ti è stato negato l’ingresso e hai dovuto lasciare la fila.

“Mia figlia di 13 anni ha avuto una di quelle luci rosse e ha dovuto entrare camminando timidamente“, una delle madri ha denunciato il sistema sui media locali. “Un membro dello staff si è avvicinato a lei dopo averla pesata e ha detto: Pesi così tanto che non ti è permesso avere quella dolcezza. Devi scendere dalla linea. E questo mentre altri stavano aspettando di sentirlo chiaramente. Questa è una vergogna per il corpo. Umiliante e imbarazzante».

Nel frattempo, il CEO del parco acquatico, Andrew Shari, ha parlato con la famiglia e si è scusato tramite Facebook. “La nostra intenzione era quella di aumentare la sicurezza, ma abbiamo comunicato male e disturbato i nostri ospiti. Ora vedo che il sistema può essere doloroso per alcuni ospiti. Il nostro obiettivo è portare ricordi felici e affascinanti ai nostri ospiti, non causare loro angoscia. Noi sono molto dispiaciuto.”

READ  I primi casi di corona in Nuova Zelanda in 6 mesi legati all'epidemia in Australia fuori dal Paese