QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una squadra (anche del PSG) che sembra imbattibile: qual è il segreto di Will Steele?  |  Lega 1

Una squadra (anche del PSG) che sembra imbattibile: qual è il segreto di Will Steele? | Lega 1

La sua storia immaginaria si diffonde rapidamente in tutto il mondo del calcio. Trasformerà comunque il malato Stade Reims nel club imbattuto da più tempo in un grande torneo europeo. Anche il PSG si è morso i denti due volte senza successo. Qual è il segreto del (ancora solo) 30enne belga senza diploma di allenatore in corso di validità? Guarda i suoi giocatori.

Nelle case dello champagne di Reims, negli ultimi mesi, lo champagne è fluito un po’ più del solito.

I successi dell’orgoglio calcistico locale vanno celebrati. E scommetti che presto verrà rilasciata una bottiglia speciale se l’impressionante serie continua?

Quindi l’allenatore Will è ancora indubbiamente capace della prima sciabola.

Da quando il 30enne belga è subentrato all’esonerato Oscar Garcia a ottobre, il Reims è rimasto imbattuto in 16 partite di campionato, la striscia più forte in un grande torneo europeo. Il Paris Saint-Germain (2x) e Lil Wren, tra gli altri, hanno tentato senza successo.

Il successo vertiginoso ha presto viaggiato ben oltre i confini francesi. La Bbc britannica, tra le altre, si è recata a Reims per scattare una foto all’uomo anglo-belga, e tutte le principali piattaforme calcistiche hanno svelato la sua favola.

Alcuni elementi sono sempre inclusi in questo. Come il fatto che abbia comunque scelto le basi dell’allenamento grazie al gioco Gestore di calcio. Ma anche che era già capo allenatore della STVV all’età di 24 anni.

E, naturalmente, la cosa strana è che Reims deve pagare una multa di 25.000 euro a partita perché non ha ancora una patente di allenatore valida – nel frattempo il totale ha già raggiunto i 400.000 euro.

READ  L'Alzate è aperto all'interesse del Club Brugge

Non si svela molto: come hai gestito questo passaggio a Reims?

Non un capo ma guai

Fortunatamente, alcuni addetti ai lavori belgi non sono molto riservati riguardo alle basi del metodo di Still.

“Prima di tutto, ha messo insieme un vero gruppo”, dice Thomas Foquette, terzino destro del Reims.

“Tutti erano favorevoli all’idea che Will prendesse il sopravvento. E quindi volevamo tutti lottare per lui e vincere. Normalmente non è facile per un assistente diventare improvvisamente capo allenatore, ma Will non è cambiato affatto con un nuovo ruolo. È rimasto molto umano”.

L’ha visto anche l’ex giocatore del Beerschot Thibault De Smet, che ha prosperato in Francia sotto le ali di Steele.

“Come T2, Will aveva un rapporto molto forte con i giocatori. Si sedeva con noi negli spogliatoi per recuperare o fare battute. Sai, con molti allenatori a volte non hai il coraggio di tirare fuori certe cose, ma con Puoi discutere di tutto”.

Preferirebbe chiamarlo “Will” piuttosto che “Coach”.

Thibault de Smet

È solo un vantaggio che parli ancora fluentemente inglese, olandese e francese.

Lo stesso non si può dire del suo capocannoniere, Folarin Balogun. E così il suo allenatore a volte lancia fastidiosi colpi: “Paloo, il tuo francese è davvero scioccante, così terribile!”

La foto virale dice tutto sul modo amichevole in cui tratta ancora i suoi giocatori.

“Preferirebbe persino che tu lo chiamassi Will piuttosto che Coach”, De Smet sorride. Un suggerimento Phuket scrolla le spalle con un sorriso: “Perché merita di essere chiamato allenatore”.

Cuore di guerriero

Nessun concorrente in Francia lo contraddirebbe.

Fa ancora un ottimo lavoro tatticamente al Reims ogni settimana, senza appesantire i suoi giocatori con istruzioni. Due dei nostri addetti ai lavori lo definiscono la miscela perfetta di libertà e responsabilità.

Phuket ha commentato: “L’ha gestito in modo intelligente”. “Da nuovo allenatore puoi iniziare a cambiare 100 cose diverse, ma in fondo ha chiarito i suoi principi di base. Fondamentale in un gruppo giovane come il nostro. L’elemento più importante? Soprattutto pressione molto alta e recupero rapido della palla”.

Il modo in cui tiene il discorso prima di una partita… immediatamente coinvolgente grazie alla sua enorme passione e abilità linguistiche.

Thomas Phuket

Tuttavia, nonostante il suo marchio di fabbrica, si scopre che non è un fan delle analisi infinitamente lunghe.

“Di solito c’è un breve momento video ogni giorno di circa dieci minuti, in cui abbiamo ricevuto alcune istruzioni specifiche”, afferma De Smet.

“A seconda del prossimo avversario, vengono posti accenti diversi sull’allenamento. Per la partita contro l’Ajaccio, una volta ha organizzato una seduta con solo lanci lunghi. (Scioperi) L’allenatore sa che tutti lo odiano. Alla fine, ha chiesto con un ampio sorriso: a chi è piaciuto? Nessuno ha alzato la mano. Tutti hanno lasciato il campo con un sorriso.

E prima della partita, riporta ancora il suo gruppo in campo con un grande cuore di guerriero.

Phuket: “Il modo in cui tiene un discorso prima della partita… vista la sua grande passione e capacità linguistiche, ti coinvolge subito. Hai visto queste foto (vedi sotto, ndr) prima della partita contro il PSG? È .”

Les è invincibile

La domanda rimane: quanto durerà l’imbattibilità stellare di Mazal?

Domenica ci attende un incontro particolarmente duro con il monegasco Philippe Clement. Ma a Reims non sembrano assumere il loro carattere.Leh è invincibile”.

“Il mondo esterno ne parla tanto, ma il mister cerca di non darci troppo peso”, osserva De Smet. “Dice semplicemente: con il modo in cui giochiamo adesso, possiamo battere chiunque”.

Dopotutto, aggiunge Phuket, “che senso ha rimanere imbattuti se tiri?” “Certo che vuoi vincere. Anche se sappiamo che ogni avversario ora avrà una motivazione in più per spezzare la nostra catena”.

Presto toccherà al contendente numero 17 battere Will Still.

A Reims, per buona abitudine, hanno messo una bottiglia in frigorifero…

Rimarrà lungo la linea allo Stade Reims.