QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un’immagine audio di successo nel coinvolgere gli anziani fragili nella ricerca e nella politica  Articolo di notizie

Un’immagine audio di successo nel coinvolgere gli anziani fragili nella ricerca e nella politica Articolo di notizie

Novità | 11-06-2024 | 14:53

Spesso ci si aspetta che gli anziani attivi nella terza fase della vita rimangano socialmente attivi e si prendano cura dei loro “anziani”. Ma cosa succede se gli anziani vivono in situazioni fragili, affrontano l’insicurezza e non hanno accesso alle risorse o alle reti sociali? Come possono politici e ricercatori raggiungere questo gruppo vulnerabile e coinvolgerlo in una partecipazione significativa?

Le richieste di partecipazione alla ricerca da parte di ricercatori e decisori politici ricevono spesso risposta da persone anziane che hanno un livello di istruzione migliore e possono beneficiare di diverse risorse nel loro ambiente. Al contrario, la ricerca sulla partecipazione significativa degli anziani in contesti di vita vulnerabili è scarsa. I politici e i ricercatori si affrettano a parlare di “gruppi difficili da raggiungere”. Ma ci si potrebbe chiedere se le proprie metodologie, la propria posizione sociale e le istituzioni di cui i ricercatori fanno parte creano distanza e un sentimento “noi-loro” che ostacola la connessione.

Per scoprire cosa sperimentano le persone anziane in situazioni vulnerabili come partecipazione significativa, un gruppo di ricerca dell’Ufficio per la pianificazione sociale e culturale (SCP) e dell’Accademia per la vitalità e l’invecchiamento di Leiden (LAVA) ha deciso di condurre una ricerca di azione partecipativa in due quartieri della città. capitale. ; East Amsterdam e Lac all’Aia.

I ricercatori hanno formato in ogni quartiere un team con ricercatori anziani, che hanno esaminato le loro vite e quelle dei loro concittadini con l’obiettivo di migliorare la loro situazione di vita. In questo progetto di immagini e suoni, le persone hanno fotografato il loro quartiere e le loro vite sotto la guida dell’artista Janine Shriver. Ciò ha fornito immagini chiare dell’ambiente di vita dei partecipanti. Ad esempio, un co-ricercatore ha descritto l’attrito: “È così che mi tratta il governo, è così che mi sento spesso”.

energia positiva

Per concludere questo progetto, il 6 giugno i co-ricercatori più anziani dell’OSP hanno discusso le loro storie fotografiche con politici e ricercatori. È diventato chiaro che i partecipanti hanno trovato l’energia per far sentire la propria voce nel progetto dello storyboard condiviso. “A volte sembra che il rapporto tra governo e cittadini abbia perso forza. Questo progetto dimostra che è possibile creare nuova energia positiva”, sottolinea Tinky Upma, direttore di LAVA e co-ideatore non solo mostra dove sono i punti critici, ma che questo processo porta anche alla connessione. Prendiamo ad esempio un’iniziativa come Dappere Doorzetters ad Amsterdam, che garantisce che le persone isolate, in particolare le donne con background migratorio, sviluppino e mantengano nuovamente amicizie.

READ  Finalmente un riconoscimento: l'aerosol è rischioso

I politici e i ricercatori partecipanti presenti da L’Aia e Amsterdam hanno concordato. ”Se riesci a far sentire la tua voce, puoi avere una vera conversazione tra di voi. Questo non è importante solo per i cittadini stessi, ma anche per il governo che vuole essere presente per tutti.

La direttrice della SCP, Karen van Oudenhoven, ha parlato anche del ponte che questo progetto ha creato tra il linguaggio dei cittadini e il linguaggio della politica. “Come ricercatori e responsabili politici, siamo abituati a pubblicare questionari e poi a elaborare le risposte. Ma c’è un grande gruppo a cui non piace o addirittura prende le distanze. Come si può garantire che la voce di questo gruppo sia ascoltata? e che le loro esperienze e opinioni siano incluse nel processo decisionale. Questo progetto ha dimostrato che ciò è possibile!”

Le immagini combinate con un breve testo hanno chiarito cosa stanno realmente vivendo le persone e quali sono i loro desideri e bisogni. Questo metodo innovativo di ricerca partecipativa apprezza molto anche Wim Burggraaf, consigliere politico del governo: “Invece di dire che è difficile arrivarci, dovremmo scegliere altri percorsi. Di solito ho un rapporto di ricerca di diverse pagine che cerco di catturare in un’unica immagine man mano che andiamo avanti”. Dal “dire e pensare” al “sentire e fare”. Invito quindi tutti i ricercatori a raccogliere più storie in questo modo. Solo allora ascolteremo le voci di persone che normalmente non sentiamo.

Fattori chiave

Il progetto Image and Sound ha dimostrato una serie di fattori chiave per raggiungere e coinvolgere con successo gli anziani in situazioni vulnerabili:

  1. Fiducia e apprezzamento: la conoscenza del quartiere, della cultura e della lingua da parte dei ricercatori ha fatto sì che le porte che erano chiuse alla ricerca anonima fossero aperte. Trovare il tempo per avere conversazioni “normali” è stato fondamentale per creare fiducia.
  2. Spazio per la conversazione e l’armonia con l’ambiente di vita: creando uno spazio per la conversazione e l’armonia con l’ambiente di vita dei residenti, gli anziani si sono sentiti ascoltati e visti.
  3. Empatia e abbandono dei propri modi di lavorare: la relazione e l’umanità erano fondamentali. A volte i ricercatori hanno dovuto abbandonare i propri metodi e piani per fare spazio a conversazioni personali, cosa che i partecipanti hanno davvero apprezzato.
READ  verifica dei fatti. Bere una tazza di tisana allo zenzero aiuta a curare il mal di gola?

Pertanto, raggiungere gli anziani che vivono in situazioni vulnerabili richiede un approccio diverso da parte dei politici e dei ricercatori. Invece di etichettare gli anziani come “difficili da raggiungere”, ricercatori e politici possono dare uno sguardo più critico alle loro abitudini e comportamenti che rendono difficile raggiungerli. Ad esempio, scegliendo un approccio basato su immagini e suoni, è possibile dare alle persone anziane che vivono in situazioni vulnerabili lo spazio per far sentire la propria voce e lavorare insieme per migliorare le loro condizioni di vita. In questo modo è possibile colmare il divario tra le istituzioni e gli anziani fragili.