QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Unizo dubita del suo accordo sulle auto più ecologiche dell’azienda: “Le stazioni di ricarica ora dovrebbero salire come funghi” | Ambiente

Il settore automobilistico è completamente insoddisfatto dell’accordo del governo sull’ecologizzazione delle auto dell’azienda. Il consorzio ombrello Mobia sta già chiedendo un piano chiaro per distribuire le stazioni di ricarica necessarie. Unizo fa un ulteriore passo avanti e pensa che le stazioni di ricarica “dovrebbero ora salire come funghi”.




Secondo l’accordo del governo federale, dal 2026 solo le auto a emissioni zero dell’azienda – le auto elettriche – per esempio – potranno avere un sistema fiscalmente agevolato. Inizialmente, le tasse sarebbero state detratte al 100%, ma in seguito sarebbero state ridotte al livello che ora si applica alle auto a benzina e diesel. Ci saranno anche incentivi per ulteriori infrastrutture di spedizione.

Secondo il Direttore Generale di Unizo Trade Association, ci sono molte ragioni per cui le auto elettriche sono attualmente meno interessanti. “I costi di acquisto relativamente alti, la gamma limitata di modelli, la gamma più piccola, … Ma il limite maggiore rimane la mancanza di infrastrutture di spedizione adeguate”, afferma Danny Van Ashe. “Peggio ancora: purtroppo stiamo assistendo a un numero inferiore di punti di ricarica pubblici aggiunti ogni anno dal 2017”.

“Arachidi”

Alla fine del 2020, secondo l’Organizzazione dei datori di lavoro, c’era un solo punto di spedizione pubblicamente disponibile per ogni 1.550 residenti nelle Fiandre. Bruxelles e Vallonia hanno riportato risultati peggiori, con una media di uno ogni 3.200 e uno ogni 12.300 residenti, rispettivamente. “In totale, ci sono quasi 5.000 punti di spedizione per l’intero paese. Peanuts rispetto a paesi progressisti come i Paesi Bassi (60.000 punti di spedizione generali e semi-pubblici, di cui 2.000 punti espressi) o la Norvegia. Ora è disponibile un punto di ricarica al pubblico ogni 336 persone “.

READ  L'Australia fa causa alla Cina all'OMC per i dazi sulle importazioni di vino | Economia

Van Ashe afferma che le misure di incentivazione per ulteriori infrastrutture di spedizione sono un importante catalizzatore. Ma oltre a ciò, dovrebbero essere semplificate e accelerate anche le procedure di autorizzazione per l’installazione delle stazioni di ricarica pubbliche. Resta ancora molto lavoro preparatorio da fare da qui al 2026 per garantire che la transizione ai veicoli elettrici dell’azienda possa avvenire senza intoppi. Cinque anni possono sembrare lunghi, ma allo stesso tempo sono molto brevi se si considera quante infrastrutture di spedizione sono state costruite negli ultimi cinque anni. La rete di trasporto merci dovrebbe crescere in modo significativo nei prossimi anni “.

Infine, Unizo non è d’accordo con la decisione del governo di eliminare sistematicamente la detrazione fiscale per le auto a emissioni zero. “Se questa restrizione viene raggiunta, dovrebbe essere parte di una revisione pianificata dell’imposta sul reddito delle persone fisiche”.

Mobia: “Potrebbe essere un errore”

Anche il sindacato ombrello Mobia è preoccupato per le stazioni di ricarica. “La sfida più grande per il governo sarà garantire l’alimentazione, la distribuzione e le infrastrutture generali di spedizione”, ha detto un comunicato stampa. Secondo l’organizzazione, è necessario un piano per distribuire caricabatterie (ultraveloci) lungo i principali hub e nodi. Dovrebbero esserci anche soluzioni di spedizione chiare nelle città e nelle località densamente popolate.

Senza questo piano e un monitoraggio adeguato, l’elettricità sarebbe sorprendente e ipotetica. La selezione da parte del governo federale di “emissioni zero” solo dal 2026 potrebbe quindi rivelarsi un errore “.

Mobia è anche sorpresa che anche la detrazione fiscale per le moto a “zero emissioni” sarà limitata dal 2026. “Dal punto di vista della mobilità, questo è incomprensibile perché ogni motociclista può ridurre un po ‘la congestione del traffico”, afferma l’organizzazione.

READ  Accordo politico sul passaporto europeo Corona

Leggi anche: Tutti i veicoli commerciali elettrici dal 2026: cosa significa per te? Risposte a tutte le tue domande (+)

FEB: “Insediamento onorevole con punti di interesse”

La Federazione delle imprese in Belgio (‘FEB) definisce l’accordo governativo un “accordo onorevole con punti di interesse”. Sfortunatamente, le auto ibride saranno escluse dal sistema di detrazione fiscale a partire dal 2026, senza una transizione.

La FEB chiede anche se ci sarà elettricità sufficiente per tutte le auto elettriche, una domanda che la collega alla discussione sulle centrali nucleari. “L’uscita dal nucleare è sostenibile a breve termine senza ostacolare forniture energetiche a prezzi accessibili e allo stesso tempo raggiungere l’obiettivo di emissioni europee?”

L’EO si occupa anche della gestione aggiuntiva delle società. “Siamo preoccupati per i requisiti di rendicontazione che possono essere imposti alle aziende in modo che il governo possa condurre revisioni del budget entro il 2026”. In questo contesto, l’Unione europea ricorda l’obiettivo del governo di ridurre del 30 per cento gli oneri amministrativi.