QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uno sprint di gruppo irregolare di Treno ha mandato giù il Bauhaus Milan, con Philipsen che cadeva all'ultima curva.

Uno sprint di gruppo irregolare di Treno ha mandato giù il Bauhaus Milan, con Philipsen che cadeva all'ultima curva.

Jasper Philipsen spreca due occasioni consecutive alla Tirreno-Adriatico. In una terza tappa insidiosa con un finale in salita e tortuoso, il nostro compagno è caduto nell'ultimo chilometro. Quindi non è un vero sprint di massa, ma di un piccolo gruppo. Phil Bauhaus ha ottenuto Jonathan Milan. Juan Ayuzo resta presidente.

Ieri erano quattro, oggi erano solo due.

La tappa più lunga della Tirreno-Adriatico – ben 225 chilometri – con il suo DNA ondulato e il clima terribile, non poteva che regalare al duo italo-svizzero un lungo prologo emozionante.

Quando erano al limite, EF-EasyPost ha voluto indossare i velocisti durante i 16 chilometri di salita dalla fine.

Il loro passo era spedito, ma non così violento da disorientare gli uomini veloci. Un percorso ancora più brutale prende il sopravvento nei feroci chilometri finali.

Non c'erano ancora abbastanza lavoratori per un velocista e si è dichiarato uno sprint a grappolo disordinato.

Aggiungi qualche curva e strettoia e saprai che anche se il fondo stradale è relativamente asciutto, un incidente è inevitabile.

Jasper Philipsen si è lasciato spingere un po' troppo oltre, rimanendo coinvolto nella batteria e perdendo l'equilibrio.

La maglia a pois viola venne via e Bill Bauhaus e Jonathan Milan osservarono dal campo mentre scappavano dalla mischia.

L'alto tedesco ha avuto la meglio sul suo ex compagno di squadra italiano.

READ  "Rinascita del settore ortofrutticolo italiano nel mercato europeo"