QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uno studio britannico suggerisce che le persone religiose sono state in grado di affrontare meglio la pandemia (e tutte le sue conseguenze).

Uno studio britannico suggerisce che le persone religiose sono state in grado di affrontare meglio la pandemia (e tutte le sue conseguenze).

Gli scienziati hanno scoperto che le persone religiose erano in grado di affrontare meglio l’epidemia a livello mentale. Ad esempio, ricerche recenti mostrano che i credenti avevano meno probabilità di essere depressi e in generale si sentivano meno infelici durante la pandemia.

“Ci sono molte ragioni diverse per cui le persone sono religiose”, afferma il ricercatore Sean Larcom. “Ciò rende difficile condurre una buona ricerca sugli effetti della religione. Dato che tutti stavano affrontando le stesse circostanze più o meno nello stesso periodo durante la pandemia di Covid-19, questa è stata un'opportunità davvero unica per indagare su come le persone affrontano le crisi. La ricerca è stata pubblicata sul sito università di Cambridge.

Religiosità
Per lo studio, gli scienziati hanno raccolto dati chiedendo a 3.884 residenti nel Regno Unito di completare un questionario in momenti diversi. Il team Larcom ha poi analizzato i dati ottenuti, utilizzando i risultati di tre questionari prima della pandemia e i risultati di due questionari durante l’inizio della pandemia. Questa analisi mostra che c’è una grande differenza tra credenti e laici. Sebbene i lockdown abbiano reso tutti più infelici, la ricerca mostra anche che i credenti si sentono in media il 29% meno infelici rispetto ai partecipanti senza religione.

Inoltre, si può fare una distinzione tra le persone che hanno poca o molta fede religiosa: i partecipanti che hanno indicato che la loro fede ha avuto un ruolo importante nella loro vita, nel complesso hanno sperimentato il 50% in meno di depressione e ansia durante la pandemia rispetto ai partecipanti meno religiosi. “La ricerca dimostra che non si tratta solo di religiosità”, spiega Larcom. “Fondamentalmente ha a che fare con il grado e l’intensità della fede di una persona”.

READ  Secondo te i due sono davvero diversi

Religioni diverse
Inoltre, questa ricerca mostra anche che non ci sono differenze significative tra i tre maggiori gruppi religiosi nel Regno Unito; Cristiani, musulmani e indù. Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che alcuni gruppi religiosi hanno sofferto di più nei periodi in cui gli assembramenti erano vietati. “Il divieto di riunioni settimanali è stato particolarmente difficile per cattolici e musulmani”, ha detto Larcom.

Circostanze uniche
I risultati dello studio sono particolarmente interessanti per due motivi. Innanzitutto perché supporta i risultati di uno studio precedente. Ad esempio, uno studio simile è stato pubblicato sulla rivista nel novembre 2023 Revisione economica europeaGli studiosi dell’epoca guardavano specificamente agli Stati Uniti. Tuttavia, questo studio ha esaminato specificamente la salute delle persone che erano state infettate dal Corona o che avevano qualcuno nelle loro immediate vicinanze che aveva il Corona. Ciò ha dimostrato che circa la metà di questo gruppo di persone ha visto la propria salute mentale deteriorarsi. Tuttavia, questo calo è stato maggiore di circa il 60% tra i laici rispetto ai credenti. La stessa ricerca dell’epoca mostrò anche che la chiusura obbligatoria dei luoghi di culto poteva avere un grave impatto sulla fede. Ad esempio, i benefici (statistici) della fede sono completamente scomparsi per i credenti americani quando non è stato più permesso loro di riunirsi.

Infine, anche i risultati sono importanti, perché sono assolutamente unici. Ricercare gli effetti della religione, come ha spiegato Larcom all’inizio di questo articolo, non è facile. Ma la pandemia globale ha offerto agli scienziati un’opportunità davvero unica di ricercare le conseguenze della religione, perché sapevano con certezza che tutti soffrivano della stessa pandemia nello stesso momento. Larcom conclude: “Questi studi mostrano un legame tra la religione e la riduzione della paura durante una crisi globale. La religione potrebbe quindi essere in grado di dare potere alle persone dando loro speranza, conforto e significato nei momenti di bisogno”.

READ  Settimana in primo piano 46: il numero di bambini affetti da polmonite continua ad aumentare (13-19 novembre 2023)