QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Con quale frequenza cardiaca morirai?

Con quale frequenza cardiaca morirai?









In questo articolo

Con quale frequenza cardiaca morirai?




file





Sebbene la frequenza cardiaca media possa variare da persona a persona, esiste un intervallo ideale entro il quale dovrebbe rientrare. Una frequenza cardiaca che non rientra in questo intervallo “normale” può essere un segno di problemi di salute sottostanti.





Leggi anche: Come misurare personalmente la frequenza cardiaca e qual è la frequenza cardiaca media per ogni età?


Qual è la tua frequenza cardiaca?





© Getty Images

La frequenza cardiaca è il numero di volte in cui il tuo cuore batte al minuto. È del tutto normale che la frequenza cardiaca cambi leggermente durante il giorno. In generale, la frequenza cardiaca è più alta quando una persona è ansiosa o fa attività fisica, mentre è più bassa quando una persona dorme. Una frequenza cardiaca molto elevata può essere molto pericolosa e potrebbe richiedere cure mediche immediate.

Leggi anche: Il cardiofrequenzimetro del tuo orologio sportivo è affidabile?









Cos'è una frequenza cardiaca normale?





La frequenza cardiaca normale (frequenza cardiaca a riposo) è la frequenza cardiaca quando sei seduto e rilassato. Questa rappresenta la quantità minima di sangue di cui il tuo corpo ha bisogno perché sei a riposo. Negli adulti sani, la frequenza cardiaca a riposo è solitamente compresa tra 60 e 90 battiti al minuto (bpm). Gli atleti ben allenati possono avere una frequenza cardiaca più bassa, compresa tra 40 e 60 battiti al minuto. Uno studio del 2013 ha dimostrato che una frequenza cardiaca a riposo superiore a 90 battiti al minuto triplica il rischio di morte prematura rispetto alla categoria di frequenza cardiaca più bassa inferiore a 50 battiti al minuto.

READ  È difficile prevedere quanto aumenterà l'ondata di influenza

Leggi anche: Dovresti preoccuparti se soffri di palpitazioni cardiache?












Fattori che influenzano la frequenza cardiaca





I fattori che possono causare una frequenza cardiaca elevata includono:

  • Ansia: le persone con ansia sperimentano un aumento della frequenza cardiaca, soprattutto durante gli attacchi di panico.
  • Dolore: un forte dolore fisico può aumentare la frequenza cardiaca.
  • Meteo e temperatura: è probabile che il cuore batta più velocemente nei climi caldi e umidi.
  • Gravidanza: la gravidanza può causare battito cardiaco aumentato o irregolare.
  • Fumo: i fumatori di solito hanno una frequenza cardiaca a riposo più elevata.
  • Caffeina: bevande come il caffè aumentano la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna.
  • Farmaci: alcuni farmaci possono aumentare o diminuire la frequenza cardiaca come effetto collaterale.

Leggi anche: Qual è la frequenza cardiaca ideale durante l'attività fisica?






Come puoi abbassare la frequenza cardiaca a riposo?





Se soffri di una frequenza cardiaca cronica elevata, alcuni semplici cambiamenti nello stile di vita possono aiutarti a ridurre la frequenza cardiaca a riposo.

Esercizio fisico regolare: l'esercizio fisico regolare a una determinata frequenza cardiaca garantisce che il cuore sia sottoposto a uno stress minimo e che l'esercizio fornisca il massimo beneficio. L'American Heart Association raccomanda alle persone di allenarsi nelle zone di frequenza cardiaca target, calcolate come percentuale (solitamente dal 50 all'85%) della frequenza cardiaca massima (sicura).

  • Mangia bene e mantieni il tuo peso: questo ti aiuterà a tenere sotto controllo la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo.
  • Controllare lo stress: lo stress o l'ansia aumentano la frequenza cardiaca durante il giorno.
  • Usa i farmaci da banco con cautela: informati sui potenziali effetti collaterali e parla con il tuo medico di quali farmaci dovresti evitare.
  • Limita caffeina e alcol: se scegli di bere queste bevande, fallo con moderazione.
  • Smettere di fumare: è una delle cose migliori che puoi fare per la tua salute.
READ  I pazienti corona in ospedale spesso restano svegli tutta la notte

Leggi anche: 11 possibili cause di dolore al petto






Cos'è la frequenza cardiaca elevata?





In generale, per gli adulti, una frequenza cardiaca a riposo superiore a 100 battiti al minuto è considerata elevata (tachicardia).

La frequenza cardiaca massima effettiva può essere determinata al meglio attraverso un test da sforzo massimo monitorato da un medico, ma un modo rapido e semplice per calcolare la frequenza cardiaca massima è sottrarre la tua età da 220. Ad esempio, la frequenza cardiaca massima prevista per qualcuno che ha 50 anni. anni è 170 bpm.

Superare la frequenza cardiaca massima non solo è dannoso, ma può anche essere pericoloso. La frequenza cardiaca target ti dice se ti stai allenando alla giusta intensità. Una zona di frequenza cardiaca target è l'intervallo di frequenza cardiaca a cui dovresti mirare se desideri diventare fisicamente in forma. Viene calcolato come il 60-80% della frequenza cardiaca massima.

La tachicardia di solito dura da alcuni secondi a minuti prima che il ritmo normale ritorni. Potresti sperimentare uno o più episodi di tachicardia al giorno, ciascuno della durata di pochi secondi. Se l'attacco dura più di 30 minuti ed è accompagnato da un'improvvisa diminuzione della capacità polmonare (mancanza di respiro) e dolore toracico, rivolgersi immediatamente a un medico.

Leggi anche: Battito cardiaco saltato o ectasistolia: cos'è e cosa puoi fare al riguardo?






Quando vai dal dottore?





È meglio rivolgersi al medico se si soffre di:
  • Cambiamenti improvvisi della frequenza cardiaca durante il riposo.
  • Cambiamenti nella frequenza cardiaca che causano ansia.
  • Cambiamenti nella frequenza cardiaca dopo l'assunzione di nuovi farmaci.
  • Battito cardiaco spesso irregolare.
READ  Ricerca: nuovi test sulla malattia di Lyme inaffidabili

Recarsi immediatamente al pronto soccorso se:

  • Ti senti stordito, debole, stordito o confuso.
  • Soffri di dolore al petto e battito cardiaco irregolare.
  • Soffri di dolore al petto e difficoltà a respirare.

Leggi anche: Dolore toracico: quando pensi all'angina o all'infarto del miocardio?









Leggi anche: Fibrillazione atriale: il disturbo del ritmo cardiaco più comune









fonti:
























Ultimo aggiornamento: gennaio 2024


















Articoli sulla salute nella tua casella di posta? Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi un e-book gratuito di ricette salutari per la colazione.