QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Vendetta, onore e vecchie ferite: 5 faide che potrebbero esplodere nell’ultima gara di F1 | Formula 1

Il campione del mondo forse è già noto, ma la tensione non si è ancora spenta dalla Formula 1. Anzi, il Gran Premio del Brasile ha acceso qualche polemica in vista dell’ultima gara di Abu Dhabi. È punto di ebollizione negli Emirati Arabi Uniti?

Verstappen-Perez

Checo è un mito. L’anno scorso, Max Verstappen ha elogiato molto il compagno di squadra Sergio Perez, dopo aver sfidato Lewis Hamilton nell’ultima gara cruciale ad Abu Dhabi. Ha persino guadagnato a Perez il soprannome di “Ministro della Difesa del Messico”.

Dopo un anno, l’amore tra l’olandese e il messicano sembra essersi raffreddato, soprattutto dopo il Gran Premio del Brasile. Il campione del mondo si è rifiutato di cedere il passo al compagno di squadra di Interlagos, nonostante Perez fosse alla disperata ricerca di punti nella battaglia per il secondo posto.

Con il sesto posto, Perez avrebbe avuto due punti su Charles Leclerc (Ferrari). Ma a causa della testardaggine di Verstappen, sono entrati nella gara finale a pari punti. Quindi Perez deve fare meglio di Leclerc ad Abu Dhabi per vincere 1-2 nel risultato finale della Coppa del Mondo per la Red Bull per la prima volta.

Perché, allora, Verstappen si è già rifiutato di cedere il posto a Perez? “Ho le mie ragioni per questo. Ne abbiamo parlato”, è stata la breve spiegazione di Verstappen.

“Grazie per quello. Mostra chi è veramente”, la gioia messicana. A maggio, Perez ha dato a Verstappen una possibilità gratuita di vincere in Spagna. E quando Verstappen ha boicottato Sky Sport in Messico, anche Perez è rimasto in silenzio davanti ai suoi microfoni.

Il circuito era in fermento per le voci sulle motivazioni di Verstappen. La storia più interessante: Verstappen sarà ancora deluso dopo il GP di Monaco di maggio. In qualifica, Pérez era caduto deliberatamente per assicurarsi la sua terza posizione in griglia, negando così a Verstappen la possibilità di fare meglio. Perez ha vinto anche questa gara.

Questo perseguiterà ancora la testa dell’olandese dopo 5 mesi e 10 vittorie? Ad Abu Dhabi Verstappen ha già promesso di dare una mano a Perez. “Se ha bisogno di aiuto, io ci sarò”, ha detto il campione del mondo. Ma prima vedi e poi credi.

Verstappen Hamilton

La rivalità tra Max Verstappen e Lewis Hamilton ha raggiunto un punto di ebollizione lo scorso anno. Al Gran Premio di Silverstone, Hamilton ha messo l’olandese in una trappola di ghiaia, al Gran Premio d’Italia Verstappen ha sorvolato l’aureola britannica e ad Abu Dhabi Verstappen ha negato a Hamilton il suo ottavo titolo mondiale dopo una decisione controversa.

In questa stagione, la battaglia tra i due potrebbe essere stata per i primi – la Mercedes non è stata in grado di competere per i primi per molto tempo – ma la rivalità è tutt’altro che sepolta. Ciò è stato dimostrato ancora una volta in Brasile.

Verstappen ha provato a superare Hamilton con la “Senna S”, ma il britannico si è semplicemente rifiutato di muoversi. Risultato: Hamilton sulla fascia, Verstappen rotto sull’ala anteriore e 5 secondi di penalità.

Pensavo che dopo l’anno scorso ci saremmo lasciati alle spalle, che avremmo solo corso.

Max Verstappen

Entrambi puntarono il dito l’uno contro l’altro dopo. Verstappen ha detto: “Pensavo che dopo l’anno scorso saremmo rimasti indietro, che avremmo solo corso. Voglio correre. Voglio una bella battaglia, ma se l’altro non lo vuole…”

Ad Hamilton è stato quindi chiesto se pensava che Verstappen avesse un problema con lui. “No, non sono preoccupato per questo”, ha detto il sette volte campione del mondo. “Penso che sia normale diventare un bersaglio quando hai successo. Ma è qualcosa che non ho mai visto.”

In ogni caso, la gara di Abu Dhabi riaprirà vecchie ferite per Hamilton. Il britannico vorrebbe ottenere la sua prima vittoria della stagione nell’ultima gara della stagione.

Hamilton Russell

Lewis Hamilton aveva messo Valtteri Bottas nella gerarchia del fuorigioco alla Mercedes nelle ultime stagioni, ma nel 2022 ha un lupo giovane e ambizioso al suo fianco in George Russell.

Russell aveva mostrato la sua velocità diverse volte alla Williams e le sue solide credenziali gli avevano fatto guadagnare il soprannome di “Mr. Saturday”. E Russell non aveva intenzione di stare all’ombra del sette volte campione del mondo alla Mercedes.

Il 24enne britannico sembrava avere una migliore padronanza sulla sconnessa Silver Arrow all’inizio della stagione e ha persino superato Hamilton tre volte di fila all’inizio di maggio. Solo Nico Rosberg è riuscito negli ultimi anni.

Hamilton non si aspettava che Russell ora regalasse alla Mercedes la prima vittoria della stagione. Ma ha negato che ci fossero sentimenti negativi in ​​Brasile. “Mi sento davvero bene. Abbiamo lavorato sodo per lottare per il podio, quindi sono contento per tutta la squadra”, ha detto Hamilton.

Tuttavia, Hamilton vorrà dimostrare ad Abu Dhabi di essere il leader assoluto della Mercedes. E questo è possibile solo vincendo.

Albin McLaren

Più in alto finisci nel Campionato Costruttori, più soldi ottieni sul conto bancario. Quindi per Alpine e McLaren, che stanno lottando per il quarto posto ad Abu Dhabi, c’è ancora qualche soldo in palio.

Dopo la serie tv su Oscar Piastri – Alpine annuncia il giovane talento come successore di Fernando Alonso, ma ha già firmato con la McLaren – le due scuderie ci tengono molto a mettersi in contrasto.

Anche se potrebbero dover stare attenti a non farsi sparare ai piedi nelle Alpi. Alonso guiderà per l’Aston Martin il prossimo anno, ma il 41enne spagnolo non prenderà parte alla follia.

Nella gara sprint in Brasile, Alonso e il compagno di squadra Esteban Ocon si sono scontrati due volte. Alonso ha perso l’ala anteriore e si è dovuto accontentare della 16esima posizione in griglia. Tuttavia, è arrivato quinto in gara, con la collaborazione di Ocon che ha permesso allo spagnolo di passare dopo un po’ di rallentamento.

Dal momento che sia Lando Norris (guasto) che Daniel Ricciardo (collisione con Magnussen) si sono ritirati con le loro McLaren, Alpine ha ora un vantaggio di 19 punti nel Campionato Costruttori. Qual è il pericolo più grande ad Abu Dhabi: la McLaren o la rivalità interna?

Schumacher Haas

Fai una risata finta. Ecco come appariva Mick Schumacher nell’esultante celebrazione della pole position di Kevin Magnussen. Mentre il danese aveva portato Haas in pole per la gara sprint in Brasile, il tedesco era… ultimo.

P1 o P20. E sanno anche cosa gli piace di più di Haas. Sembra quindi che il contratto in scadenza di Schumacher non sarà prorogato, anche se il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel crede nel suo connazionale.

Alla Haas, hanno gli occhi puntati su un altro tedesco: Nico Hulkenberg (35). Con 184 gare all’attivo – ma nessun podio – il team americano sceglie di sperimentare.

Per Schumacher, Abu Dhabi sembra essere il suo ultimo successo in Formula 1. Anche se è meglio che faccia una bella figura. C’è sempre la possibilità che Logan Sargeant, che ha una possibilità alla Williams, non ottenga la super licenza necessaria.

READ  Così i Red Devils risolvono il divieto delle magliette colorate da riscaldamento (e la parola "amore") in Qatar