QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Venti infermieri stranieri feriti in India …

Venti studenti indiani che studiano infermieristica ad Aalst e Lovin sono stati infettati dal tipo indiano di Coronavirus. “La quarantena rigorosa e il follow-up vengono applicati immediatamente”, afferma Christophe Dehaes, sindaco di Alsterz (N-VA).

Ciò si riferisce a 11 dei 21 studenti residenti ad Aalst e 9 dei 22 studenti a Leuven. Lo confermano all’agenzia di stampa il sindaco Alst Christophe Dehaes e il sindaco di Leuven Mohamed Radwani. Belga.

Gli studenti sono arrivati ​​nel nostro Paese il 12 aprile. Atterrarono all’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi e furono trasferiti in autobus ad Aalst e Leuven. “Potrebbe esserci stata una dispersione ultraveloce sull’autobus, perché cinque giorni dopo, il 17 aprile, i primi studenti si sono ammalati”, dice il virologo Mark Van Ranst a VRT. Gli studenti sono stati testati. Quindi si è deciso di essere correlato alla nuova variante indiana del Coronavirus.

Dehaes spiega che gli studenti seguiranno un corso di infermieristica di un anno nel nostro paese per iniziare nei centri di assistenza residenziale. Gli undici studenti di Aalst sono stati in quarantena dal loro arrivo. Non si sono mescolati con i residenti. Ovviamente, la polizia controllerà rigorosamente questa quarantena. In nessun caso gli studenti possono lasciare le loro case. La cellula di sicurezza di Aalst sta monitorando attentamente la situazione.

Il sindaco Radwani ha confermato che 9 studenti su 22 a Lovanio sono risultati positivi alla variante indiana. Proprio come ad Aalst, gli studenti sono in quarantena con noi. La polizia locale lo sta controllando e anche il nostro team di emergenza sta monitorando da vicino la situazione. Siamo anche in contatto con l’Agenzia fiamminga per il benessere e la salute.

READ  900.000 vaccini in arrivo la prossima settimana, un nuovo record L'interno

Gli ospedali in India si stanno riempiendo di pazienti Corona. Gli esperti locali sono preoccupati per una “varietà indiana”, che sarà più contagiosa e farà ammalare di più i pazienti.