QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Visita dal medico, occhiali nuovi o visita dal dentista: 260.000 famiglie belghe finiscono in difficoltà finanziarie

Visita dal medico, occhiali nuovi o visita dal dentista: 260.000 famiglie belghe finiscono in difficoltà finanziarie

Una famiglia belga su venti finisce in miseria finanziaria a causa di visite mediche, cure e farmaci. Pochi paesi dell’Europa occidentale stanno peggio. “È ancora una battaglia, ogni singolo giorno”, afferma il ministro federale della sanità Frank Vandenbroecke (Fuerwit).

Tommy Huegbert

260.000 famiglie belghe, pari al 5,2%, hanno dovuto affrontare spese sanitarie catastrofiche nel 2020. Vale a dire, le bollette sanitarie hanno reso difficile per loro pagare i bisogni di base come il riscaldamento e il cibo. Il costo degli apparecchi acustici, degli occhiali, delle dentiere, delle protesi, dei test diagnostici, delle cure odontoiatriche e del ricovero classico in particolare li ha messi in difficoltà finanziarie, scrive il rapporto.

Per i più poveri, spesso include farmaci e cure ambulatoriali. Del 20% più povero delle famiglie del nostro Paese, infatti, più di una su dieci (12%) ha problemi economici a causa dell’assistenza sanitaria. Spesso rimandano anche le cure. Il mese scorso, dopo approfondite ricerche, il CM ha concluso che più basso è il reddito medio in un quartiere, peggiore è la salute dei residenti, in parte perché è più probabile che posticipino le cure preventive.

proporre

I ricercatori dell’Organizzazione mondiale della sanità e del Federal Center for Health Care Knowledge (KCE) collegano immediatamente gli scarsi risultati a una serie di proposte per modificare la politica.

Per semplificare e migliorare l’accesso all’assistenza sanitaria per le famiglie a basso reddito, le politiche dovrebbero esentare le famiglie a basso reddito dai ticket. I servizi sanitari avanzati devono essere annullati come paziente e risarciti solo successivamente. I ticket ridotti dovrebbero essere assegnati automaticamente a tutti i titolari dei diritti, abbassando i profitti in termini di gestione. Le politiche dovrebbero garantire che l’assicurazione sanitaria obbligatoria copra l’intera popolazione, poiché circa l’1% della popolazione non è coperta dall’assicurazione sanitaria obbligatoria”, scrivono i ricercatori nel rapporto.

READ  Le immagini di ASRock Z690 Taichi Razer Edition appaiono online - Computer - Notizie

“Il lavoro non è ancora finito.”

“Abbiamo lavorato dall’inizio del nuovo governo nel novembre 2020, ma il lavoro non è ancora finito”, ammette il ministro federale della sanità Frank Vandenbroecke (Furuet). “Ridurre il divario sanitario e fornire la migliore assistenza sanitaria possibile per tutti è una battaglia quotidiana”.

© BELGA

Indica subito una serie di misure che ha adottato dalla sua nomina nel 2020. “Ad esempio, la bolletta massima al giorno d’oggi si basa sul reddito familiare, in modo che anche le persone della fascia media siano protette quando i loro costi sanitari aumentano in modo significativo. anche un massimale di € 250 per le persone a basso reddito. Tutti gli operatori sanitari possono applicare il principio del terzo pagatore, in modo che i pazienti non debbano pagare da soli l’intero conto”. Vandenbroucke vuole anche una riforma sanitaria

Ma le persone socialmente forti trovano più facilmente la strada per cure adeguate. Per questo non dobbiamo solo investire nella sanità, ma anche osare per riformarla. Faccio un esempio.