QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

vivi l’ucraina.  Immagini che mostrano l’esplosione dei silos di grano ucraini sul Danubio: “La Russia continua a minacciare la sicurezza alimentare e la navigazione nel Mar Nero” |  Guerra Ucraina e Russia

vivi l’ucraina. Immagini che mostrano l’esplosione dei silos di grano ucraini sul Danubio: “La Russia continua a minacciare la sicurezza alimentare e la navigazione nel Mar Nero” | Guerra Ucraina e Russia

12:53

La prima nave da carico a lasciare un porto ucraino sul Mar Nero attraverso una nuova corsia

La prima nave cargo ha lasciato il porto ucraino di Odessa, sul Mar Nero Nuova rotta marittima Kiev ha investito, ha annunciato mercoledì il ministro ucraino responsabile delle infrastrutture.

“La nave portacontainer Josef Schulte (…) ha lasciato il porto di Odessa e sta navigando attraverso la corsia temporanea allestita per le navi civili”, ha dichiarato Oleksandr Kubrakov nella dichiarazione. Il ministro ha detto che è stata la prima nave da carico a lasciare il porto principale dell’Ucraina meridionale dal 16 luglio.

Russia dopo la fine dell’affare del grano Ha minacciato di considerare qualsiasi nave che salpa da o verso un porto ucraino come un potenziale obiettivo militare. In risposta, Kiev ha fatto lo stesso con le navi in ​​arrivo o provenienti dai porti ucraini occupati dai russi. Il 10 agosto l’Ucraina lo ha annunciato Passaggi temporanei verso il Mar Nero Ha aperto per il trasporto di grano ucraino via mare.

La compagnia di navigazione tedesca Bernhard Schulte ha confermato che la nave portacontainer tedesca Josef Schulte, battente bandiera di Hong Kong, era in viaggio verso il Bosforo. Secondo l’Ucraina, la nave trasporta più di 2.100 container con circa 30.000 tonnellate di carico. È stato vietato a Odessa dall’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022.

10:35

Kiev ha detto che i russi hanno attaccato i depositi di grano nel porto del Danubio

La Russia ha effettuato attacchi devastanti durante la notte da martedì a mercoledì, secondo l’Ucraina Silos per cereali e altri impianti di stoccaggio del grano nel porto A Danubio.

“I terroristi russi hanno effettuato due attacchi con due droni nella regione di Odessa la scorsa notte”, ha dichiarato il governatore Oleg Kipper sui social media. “Come risultato degli attacchi del nemico su uno dei porti del fiume Danubio… sono stati causati danni ai depositi di grano”, si legge nella dichiarazione.

negli attacchi Nessun morto o ferito Egli cadde. Anche l’aeronautica ucraina lo ha detto ieri sera sulle regioni Odessa E 13 droni kamikaze di fabbricazione iraniana sono stati abbattuti a Mykolaiv. Anche in zona Charkiv Sono stati segnalati attacchi di droni.

La Russia ha bloccato le esportazioni di grano ucraino attraverso il Mar Nero da metà luglio. I porti sul Danubio, che costituiscono un’importante rotta alternativa, sono stati da allora più volte attaccati dal cielo. Questi attacchi spesso avvengono a poche centinaia di metri dal territorio della NATO, poiché la Romania si trova sull’altra sponda del Danubio.

READ  Il segretario di Stato americano Blinken saluta l'alleanza "indissolubile" con le Filippine | All'estero

Romania lui ha Nuovi attacchi russi alle infrastrutture portuali Mercoledì sul Danubio Fortemente condannato. Il ministro degli Esteri rumeno Lumineta Odobescu ha denunciato sui social media, dicendo: “Con queste flagranti violazioni del diritto internazionale, la Russia continua a mettere in pericolo la sicurezza alimentare e la navigazione nel Mar Nero”.

08:49

La Russia sta costruendo i propri droni d’attacco per la guerra contro l’Ucraina, secondo Londra

La Russia ora lo sta usando anche nella guerra contro l’Ucraina Droni d’attacco fatti in casa Secondo l’intelligence britannica. dispositivi non presidiati Basato su droni kamikaze iraniani Mercoledì il ministero della Difesa britannico ha dichiarato che lo Shahed, che la Russia importava da mesi, era stato prodotto.

A causa di questa produzione locale Russia Forse può caratteristica Quello Fornitura più affidabile di droni kamikazeapprezzamento britannico. Ma il Le prestazioni delle armi oscillano E Ucraina Finora capace È stato Per respingere la maggior parte dei droni. Potrebbe essere l’intenzione di Mosca Autosufficienza Per il momento, il paese fa ancora affidamento su pezzi di ricambio e armi complete dall’Iran, ha affermato il ministero.

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio 2022, il ministero della Difesa britannico ha fornito aggiornamenti quotidiani sulla situazione in Ucraina. Per questo, si basa sulle informazioni dei servizi di intelligence. Mosca accusa Londra di condurre una campagna di disinformazione.

06:05

Russia: abbattuti 3 droni ucraini

La Russia afferma di aver abbattuto tre droni ucraini sopra la regione di Kaluga, che confina con Mosca a nord. Il ministero della Difesa russo ha riferito che non ci sono state vittime o danni.

Si ritiene che l’attacco sia avvenuto intorno alle 5 del mattino ora locale.

00:50

Ucraina: i droni russi sono in viaggio verso Port Ismail

L’aeronautica militare ucraina ha affermato che i droni russi stanno sorvolando il fiume Danubio e si stanno dirigendo verso Port Izmail. All’inizio di questo mese, un attacco russo al porto di Ismail, da cui viene spedito il grano, ha provocato un aumento dei prezzi dei generi alimentari in tutto il mondo.

READ  I russi portano grano ucraino ad Assad, amico di Putin, in Siria

23:59
Ieri

La Nato risponde: la posizione sull’Ucraina non è cambiata

La risposta della NATO alle dichiarazioni del capo di stato maggiore della NATO, Stian Jensen. Un portavoce ufficiale ha confermato ai media ucraini che la posizione della NATO nei confronti dell’Ucraina non è cambiata.

“Continueremo a sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario e ci impegniamo a raggiungere una pace giusta e duratura. La posizione dell’alleanza è chiara e non è cambiata”, afferma la dichiarazione.

Prima di oggi, Jensen ha affermato che l’Ucraina potrebbe cedere parte del suo territorio controllato dalla Russia in cambio dell’adesione alla NATO. L’Ucraina ha definito la proposta “totalmente inaccettabile”.

23:58
Ieri

Zelenskyj visita le truppe al confine sudorientale

Dopo il suo viaggio nella regione di Donetsk dell’Ucraina orientale, il presidente Volodymyr Zelensky ha visitato i siti di prima linea nella regione sud-orientale di Zaporizhia.

“Grazie per i vostri servizi, grazie per aver difeso l’Ucraina in questa importante distesa meridionale”, ha detto Zelenskyj durante una visita in un ospedale da campo, secondo una dichiarazione sul sito web del presidente.

Si dice che l’ospedale militare curi fino a 200 feriti al giorno. La dichiarazione affermava che il presidente ha visitato i dipendenti di otto diverse brigate. Zelensky era accompagnato dal suo capo di stato maggiore, Andrei Yermak, e dal suo vice, Roman Masovets.

Circa 10 settimane fa, l’esercito ucraino ha lanciato una controffensiva focalizzata sulla regione di Zaporizhia. Tuttavia, questo non ha ancora soddisfatto le grandi aspettative.

Zelensky saluta un soldato ferito a Zaporizhia. © ANP/EPA

23:58
Ieri

Quasi 10.000 civili sono stati uccisi dall’inizio dell’invasione

Quasi 10.000 civili sono stati uccisi dall’invasione russa dell’Ucraina. Secondo gli ultimi dati dell’Ufficio Onu dell’Alto Commissariato per i Diritti Umani (OHCHR), ci sono stati 9.444 morti dal 24 febbraio dello scorso anno, quando è iniziata la guerra. Sono state contate quasi 17.000 vittime civili.

L’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani ritiene che i numeri effettivi siano molto più alti, poiché non sono ancora state ricevute informazioni da alcune aree di pesanti combattimenti e molti numeri non sono stati ancora confermati. Ciò riguarda, ad esempio, la città di Mariupol, conquistata dai russi.

READ  I presentatori di Fox News volevano che Trump smettesse di prendere d'assalto il Campidoglio

Secondo i dati confermati delle Nazioni Unite, sono stati uccisi 4.358 uomini, 2.623 donne, 231 ragazze e 285 ragazzi. Il sesso di 29 bambini e 1.918 adulti non è ancora stato determinato.

Secondo i dati delle Nazioni Unite, la stragrande maggioranza delle persone – 7.339 – è morta nelle zone dell’Ucraina bombardate dalla Russia e difese dall’esercito ucraino. 2105 persone sono state uccise nelle aree occupate dalle forze russe.

Nelle regioni contese di Donetsk e Luhansk a est, ci sono state molte più vittime su entrambi i lati del fronte che nella capitale Kiev e nell’Ucraina centrale e occidentale.

23:55
Ieri

Un alto funzionario della Nato provoca rivolte: “L’Ucraina può cedere parte del suo territorio in cambio dell’adesione alla Nato”

Il capo di stato maggiore del segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha scatenato una lite diplomatica dopo aver detto ai media norvegesi che l’Ucraina potrebbe cedere parte del suo territorio controllato dalla Russia in cambio dell’adesione alla NATO. L’Ucraina definisce la proposta “ridicola” e “totalmente inaccettabile”.

Stian Jenssen ha fatto la sua dichiarazione oggi. È notevole perché la stessa Stoltenberg è molto attenta in questo settore e ritiene che spetti all’Ucraina decidere quando e come negoziare con la Russia.

Tuttavia, quando è stato chiesto dal quotidiano norvegese “VG” se l’Ucraina avrebbe dovuto rinunciare al territorio per raggiungere la pace e l’adesione alla NATO, Jensen ha risposto che questa domanda era già stata posta all’interno dell’alleanza. “Non sto dicendo che debba essere necessariamente così, ma potrebbe essere una potenziale soluzione”, ha detto.

Tuttavia, il presidente ucraino Zelensky ha già indicato che il suo paese non rinuncerà al territorio in nessuna circostanza e non si calmerà fino a quando i confini originali, compresa la Crimea occupata, non saranno ripristinati.

Il ministro degli Esteri ucraino Oleh Nikolenko ha risposto oggi allo stesso modo, definendo la proposta di Jensen “totalmente inaccettabile” sui social media. “Abbiamo sempre pensato che la coalizione, come l’Ucraina, non commerci sul suo territorio”.

Stian Jensen (a sinistra) e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.
Stian Jensen (a sinistra) e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. © Camper / AFP