QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Vuole porre fine ai divieti sugli account, ma le regole dell’App Store lo vietano

Vuole porre fine ai divieti sugli account, ma le regole dell’App Store lo vietano

I termini degli app store più popolari (dove gli utenti scaricano X) non consentono la rimozione della funzione di blocco.

Ora è ancora possibile bloccare determinati account come utente. I tuoi messaggi non saranno più visibili agli utenti bloccati e non potranno più commentare i tuoi messaggi. Inoltre, i messaggi degli account bloccati non sono più visibili a coloro che li hanno bloccati.

La funzione aiuta gli utenti a escludere gli account spam o le persone che li molestano digitalmente, ad esempio. Ma Musk ora dice che il blocco “non ha senso”. Secondo Bloomberg News, gli account potranno ancora essere “silenziati” o sospesi. Non vedrai più i loro messaggi, ma loro potranno comunque vedere i tuoi.

Regole dell’App Store

Tuttavia, la domanda è se Elon Musk può mantenere la sua parola. Google Play e l’App Store di Apple, le due piattaforme più popolari in cui gli utenti scaricano l’app X, non consentono la rimozione della funzionalità di blocco dall’app dei social media. Se X infrange le regole, l’app può anche essere rimossa da queste piattaforme.

Tuttavia, queste regole non si applicano al sito Web X, dove gli utenti possono anche accedere al servizio di messaggistica precedentemente noto come Twitter.

L’annuncio di Musk è un’altra polemica da quando ha rilevato Twitter. Dopo aver acquistato l’azienda, ha licenziato molti dipendenti, compresi molti che dovevano far rispettare le regole della casa contro la posta di odio o la discriminazione. Anche gli utenti precedentemente bannati da Twitter sono stati autorizzati a tornare sulla piattaforma ora rinominata. Molti inserzionisti non hanno gradito questi interventi, ma hanno concluso le loro campagne pubblicitarie sull’ex sito Twitter. Di conseguenza, i ricavi pubblicitari sono diminuiti di quasi la metà.

READ  Il National Lottery Board continua a sostenere Janne Hayek