QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Wouter Sinav scopre la storia della guerra di Slovenia e Italia: “La parte dimenticata della zona di guerra”

Wouter Sinav scopre la storia della guerra di Slovenia e Italia: “La parte dimenticata della zona di guerra”

E’ un territorio sconosciuto a molti, ma anche durante la Prima Guerra Mondiale c’è stato un lungo fronte nel Mare Adriatico e sulle Alpi. Wouter Sineu è andato lì con suo figlio Gust e il figlioccio Lon per immergersi nella turbolenta guerra in Slovenia e in Italia.

Wouter Sinaeve (48) è assistente accademico presso l’In Flanders Fields Museum. È sposato con Petra Mann ed è il padre di Trey, Mil e Gust. “Insieme a Gust, il mio figlioccio Lone Man (16) faceva parte di un gruppo di tour di tre persone”, dice Wouter.

L’avventura di otto giorni è iniziata venerdì 31 marzo. “Per rispettare la nostra impronta ecologica, abbiamo scelto il treno per Villa in Austria. A Villach fummo prelevati da un membro dell’organizzazione. I collegamenti tra l’IFFM e la Walk of Peace furono stabiliti all’epoca dall’ex direttore Piet Chielens e dall’assistente scientifico Annick Vandenbilcke. Walk of Peace si riferisce al turismo commemorativo transfrontaliero.

La prima tappa è Kobarit. La cittadina slovena non è lontana dal confine con l’Italia ed è famosa per la Battaglia di Caporetto della Prima Guerra Mondiale. “Tra le altre cose, c’è un museo della prima guerra mondiale con un centro visitatori”, afferma Wouter. “Kadja Sivek di Walk of Peace ha creato un percorso su misura verso la linea del fronte”.

trincee

Hanno fatto alcune parti del paesaggio alpino mozzafiato fino al mare Adriatico con una guida locale, altre da sole. “Lì si possono ancora sentire le tracce della guerra, e allo stesso tempo è una parte dimenticata della zona di guerra. Si possono persino vedere le trincee. Non si è fermata con un massacro nella prima guerra mondiale, poiché lo erano non risparmiato nella seconda guerra mondiale e nemmeno nella guerra jugoslava, è punto d’incontro di varie guerre.

READ  Jay è un difensore in Italia e gioca a calcio negli stadi gremiti in Indonesia
Lone e Gust hanno portato una foto del nonno defunto, Louis Mann. (fidanzata)

La guerra è una storia di perdita e Gust e Lone hanno un legame personale con la perdita. “Durante il viaggio di Sabot, hanno portato una foto di Lewis Mann, del nonno defunto e di mio suocero. È morto nel 2017 all’età di 72 anni dopo aver combattuto contro il cancro per oltre sei anni. Louis amava fare escursioni nelle montagne austriache e nella natura. Su un crinale montuoso, la foto è stata restaurata spontaneamente. È un posto da chiamare nonno. Sono sicuro che sarebbe stato molto orgoglioso dei suoi nipoti.

“Le tracce della guerra si possono ancora sentire lì, e allo stesso tempo è una parte dimenticata della zona di guerra. Si possono ancora vedere le trincee”, dice Wouter Sineu. ©GF

Il percorso passa anche attraverso dolmin e molti luoghi speciali. “Come il Monumento ai Caduti di Redipuglia. Un’ampia superficie in cemento funge da memoriale ai caduti italiani. Ma è doppiamente vero quando ti rendi conto che è stato rilasciato da Benito Mussolini nel 1938. Lo stile architettonico di questo monumento rende chiaro che il fascismo era pienamente impegnato a rivendicare la storia. Anche la chiesa di Javorka sarà con me. Questo monumento è stato creato durante la guerra su iniziativa delle truppe. I nomi delle vittime della guerra sono incisi sui pannelli di quercia. Questo memoriale è un vero simbolo di pace lungo il percorso. La nostra ultima tappa è stata Trieste, in Italia. Lì abbiamo visitato Banksy Expo. Il miglior buttafuori perché fa una chiara dichiarazione contro tutto ciò che è associato ai sistemi distruttivi umani.

Il compleanno è stato festeggiato

Oltre ad essere immersi nella guerra passata, c’era ancora tempo per rilassarsi e abituarsi alle tradizioni locali. “È un compleanno speciale per il figlio Gust. Il 1 aprile gli è stato permesso di spegnere 18 candeline lì. Il giorno dopo abbiamo seguito la finale del Giro delle Fiandre in un caffè locale. Pensavamo che tutti sarebbero impazziti per il successo dello sloveno Dadej Boggar, ma l’entusiasmo è diminuito. Ad esempio, il salto con gli sci è molto popolare. Non abbiamo nemmeno carenza di cibo e bevande. Il vino sloveno è eccellente e la gente del posto è molto cordiale e accogliente. E ovviamente la natura è bellissima, insomma ci sono tutti gli ingredienti per vivere un’esperienza indimenticabile. Altamente raccomandato”, conclude Wooter.

READ  La banca centrale italiana è ottimista sulla crescita economica