QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Zelensky accusa la Russia di ecocidio: “Decine di migliaia di delfini si sono spostati lungo la costa del Mar Nero” | Guerra Ucraina e Russia

Si stima che circa due milioni di delfini abbiano nuotato nel Mar Nero nel secolo scorso, ma la loro popolazione è stata notevolmente ridotta a causa della caccia e dell’inquinamento. La ricerca ha dimostrato che nel 2020 erano rimasti circa 250.000 delfini. Ora ce ne sono ancora di meno. Il Parco naturale marino degli estuari di Tuzly in Ucraina stima che almeno 50.000 delfini del Mar Nero siano morti a causa della guerra, ovvero il 20% della popolazione totale.

Secondo gli esperti, la morte dei delfini nel Mar Nero può essere spiegata dalla presenza di sottomarini e navi da guerra, che “hanno imposto un’enorme pressione sull’ambiente marino”.

Molti scienziati indicano il sonar militare utilizzato dalle navi da guerra russe come causa delle morti di massa.

Oggi, il presidente Volodymyr Zelensky ha parlato di “annientamento ecologico” come diretta conseguenza dell’invasione. “La guerra russa ha un enorme impatto sulla natura nel nostro paese”, ha detto Zelensky in un post sui social media, denunciando “l’impatto devastante” sugli ecosistemi.

Il presidente ha anche affermato che le autorità per la protezione ambientale “stanno raccogliendo prove di questi crimini e intendono ritenere la Russia responsabile di questo ecocidio in Ucraina”.

READ  NATO: Putin si prepara a una lunga guerra | All'estero