QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Zero Immobile: ‘Italia pronta per l’Europeo’ – Raimundo

Anche Ciro Immobile, vincitore della Scarpa d’Oro europea, vuole essere più coinvolto con la Nazionale.

Questo articolo proviene da una nuova rivista chiamata Raimundo. Leggi la versione completa qui.

Sei solo il terzo italiano a vincere la Scarpa d’Oro europea dopo Luca Tony e Francesco Totti. Dopo un romanista non dovresti vedere un giocatore della Lazio, vero? Ciro Immobile: “Sono sia campioni del mondo che giocatori fantastici. Mi rende orgoglioso di seguire le loro orme. A diciassette anni, dalla tua famiglia del sud, Torre si è trasferito a Torino per gli allenamenti alla Juventus, ad Angiota, vicino a Napoli. Quanto è stato difficile? Immobile: “Si tratta di un cambiamento radicale tra due mondi completamente diversi. Sognavo di farlo in Serie A. Devi fare molti sacrifici per avere successo. Ho lavorato molto duramente. So che molti giovani talenti hanno lo stesso sogno, ma ora è un momento molto difficile in queste situazioni. Il mio consiglio: non morderti i denti. Ognuno ha l’opportunità di realizzare il proprio sogno. ‘È vero che tua madre è corsa a Torino per parlarti dopo un momento difficile? Immobile: ‘Era il mio compleanno. Disse: “Che ci fai qui a Torino? Vieni a casa”. Allora non l’ho seguita, altrimenti non sarei qui oggi. Giocherai a calcio per otto club diversi in otto anni e ora sei alla Lazio dal 2016. Come sei diventato improvvisamente così determinato? Immobile: ‘Perché ci stiamo divertendo con tutta la famiglia a Roma. Con il nostro allenatore Simon Inzaki, stiamo gradualmente sviluppando un piano di gioco migliore che ha più scopo. ‘Nella Lazio hai seguito le orme di un altro famoso portiere, Miroslav Klose. Immobile: ‘Non è facile, perché il Mart è una statua qui, ho inseguito Robert Lewandowski come lui a Dortmund. Non puoi cambiare giocatori così eccezionali, puoi solo provare a trovare la tua strada per il successo. ‘Hai visto interessanti profili di allenatori. Ad esempio, cosa hai imparato dal Jörgen Globe? Inamovibile: “Spirito combattivo. Quando ti ha parlato ha espresso la speranza che ogni pallone debba essere combattuto con gli occhi. È molto interessante. «Di Thomas Tuchell? Immobile: “Aveva un occhio di riguardo ai dettagli, che lo facevano sembrare un allenatore italiano”. E da Zdenek Zeman? Inamovibile: ‘Endless Mantra: Attack-Attack-Attack. È stato il mio primo premio in serie B nel 2011/12 con il Pescara, in una squadra che comprendeva anche Lorenzo Inzain e Marco Verratti. Oggi Roberto Mancini è l’allenatore della nazionale italiana. Prima che arrivasse, ti sei perso la partecipazione alla Coppa del Mondo dopo aver saltato contro la Svezia. Immobile: “Questo è uno dei momenti più difficili della mia carriera. Spesso nella vita impari molto dalle battute d’arresto. Grazie a Mancini stiamo facendo meglio dal 2018. I risultati parlano da soli. ‘Cosa ne pensi della nuova generazione di giovani internazionali? Immobile: ‘Abbiamo una squadra molto forte con molti giovani talenti. Questi individui sono idonei per la loro selezione. ‘È abbastanza per i prossimi Campionati Europei di questa estate? Inamovibile: ‘Siamo pronti. Il fatto che le fasi a gironi a Roma continuino qui ci motiva ulteriormente. ‘Hai segnato solo dieci volte in 42 partite con la nazionale. Non pensi che sia un po ‘basso? Immobile: ‘A quanto pare ho fatto diversi gol in un club e la mia polvere era sparita con Assuri. Quella media deve essere aumentata urgentemente. ‘Qual è la tua prossima ambizione per il Campionato Europeo? Immobile: “Ancora una volta un marcatore europeo”. Scritto da Nicola Ferdino e Cheese von Guillenborg (Cassette dello Sport)

READ  M 2M Ferrari Stolen Rule in Buffalo Court: sede in Italia o in Florida Car Collection? | Notizie locali