Negli ultimi 15 anni il WiFi è diventato in fretta il modo migliore per creare una rete domestica accessibile ovunque all’interno della nostra casa o del nostro ufficio. In questi casi vengono utilizzati dei classici router spesso affidati in comodato d’uso dal provider, che mettono a disposizione una connessione WiFi a cui ci si può connettere facilmente. Spesso però le prestazioni non sono molto buone, la ricezione è un po’ difficoltosa e il tutto non funziona bene. Non per forza però dovete passare a un router più prestante per risolvere il problema: spesso basta semplicemente cambiare il canale WiFi, scegliendo quello giusto. Qui vi spiegheremo come.

Ora, precisiamo che non esiste propriamente un canale che va meglio di altri. Bisogna semplicemente trovare quello meno utilizzato dalle reti WiFi vicine, in modo che abbia meno disturbi e interferenze.

Canali 1, 6, 11

Questa parte di guida riguarda il WiFi a 2.4GHz, la tipologia di WiFi pià diffusa attualmente nelle nostre case. Lo standard 802.11ac, che ha debuttato nel 2013, permette di utilizzare il WiFi con 5GHz di frequenza, ma data la retrocompatibilità alle vecchie frequenze, il 2.4GHz continuerà a regnare per un bel po’.

canaliwifi
Descrizione grafica della disposizione dei canali nel WiFi a 2.4GHz

I maggiori standard WiFi diffusi fino ad’ora (a, b, g, n) operano tra i 2400MHz e i 2500MHz di frequenza. Questo intervallo di 100MHz è suddiviso in 14 canali da 20MHz ciascuno. Come potete facilmente intuire, qualcosa non torna: 14 canali da 20MHz è impossibile che stiano in uno slot da 100MHz. La realtà è che i canali si sovrappongono tra di loro come potete vedere nell’immagine qui sopra. L’unico modo per utilizzare canali che non interferiscano tra di loro è utilizzare i canali 1, 6 e 11. Utilizzando per sbaglio altri canali diversi da quelli precedentemente elencati è molto rischioso dato che si andrebbe probabilmente a collidere con altre reti vicino alla nostra che utilizzano i canali corretti.

Queste regole sono corrette per gli standard a, b e g. Se si utilizzasse lo standard n, è necessario assicurarsi che vengano utilizzati i canali da 20MHz e non quelli da 40MHz che porterebbero molte sovrapposizioni con altre reti vicine alla nostra.

Quindi, quale canale utilizzare per migliorare la situazione in casa nostra? Beh, se si vuole ottenere ottime prestazioni e poche interferenze, sono consigliati i canali 1, 6 e 11. Ma quale dei tre? Ovviamente dipende da che canali utilizzano le reti vicine.

Ad esempio: se noi utilizziamo il canale 1 e il nostro vicino utilizza il canale 2, è ovvio che subiremo le sue interferenze. In quel caso, per ottenere zero interferenze, è necessario spostarsi nel canale 11, dato che il 6 potrebbe avere qualche rallentamento.

Ricordatevi che non ha senso utilizzare canali diversi da quelli precedentemente descritti: avrete molta più probabilità di incontrare interferenze con altre reti, ed avere di conseguenza meno prestazioni sia per voi sia per gli altri.

Comunque non allarmatevi: spesso i muri attutiscono abbastanza i segnali vicini, ma in caso di molte finestre o di muri sottili cambiare canale potrebbe migliorare di molto la situazione.

Il modo migliore per scoprire il canale più adatto è testare i tre canali e determinare il migliore. Quindi, che state aspettando? 

E nel caso di WiFi a 5GHz?

Non preoccupatevi: il WiFi 802.11n e 802.11ac utilizzano ben 23 canali da 20MHz ognuno che non si sovrappngono tra di loro. Questo vuol dire che ogni canale utilizzato non avrà problemi di interferenze, a parte le reti WiFi che risiedono nello stesso canale del nostro. Ma anche in quel caso non c’è da preoccuparsi, dato che i router moderni utilizzano dei sistemi software che cambiano il canale e la potenza del segnale dinamicamente, in modo da garantire sempre le migliori prestazioni col minor disturbo. Insomma, nel futuro non ci sarà da preoccuparsi.

 

Un router Dual Band, in grado di operare sia sui 2.4GHz sia sui 5GHz
Un router Dual Band, in grado di operare sia sui 2.4GHz sia sui 5GHz

Avete altre domande sulla nostra guida o avete qualche dubbio sul WiFi? Cliccate qui e provate a chiederlo da noi, su Answerty!

 

LASCIA UN COMMENTO