QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

4Gamers – Recensione |  Atlas Fallen ti lascia scivolare un po’ di sabbia tra le dita

4Gamers – Recensione | Atlas Fallen ti lascia scivolare un po’ di sabbia tra le dita

Con Atlas Fallen, Deck13 Interactive presenta un altro gioco di ruolo d’azione con il suo tocco personale. Con, ad esempio, The Surge e il primo Lords of the Fallen, ha già dimostrato di poter realizzare giochi decenti, ma non riesce mai a realizzarne di stellari. Chissà, forse questa volta lavorerai per il coraggioso Atlas Fallen.

Atlas Fallen si svolge in un mondo in cui gli umani sono stati in grado di raccogliere l’Essenza dalle sabbie che si possono trovare nel mondo. Come giocatore, ti verrà quindi dato uno speciale guanto di sfida che ti viene messo in mano, che ti dà la possibilità di manipolare queste sabbie in combattimento e mentre esplori il mondo. La storia ruota attorno a due dei che guardano ciascuno l’umanità a modo suo. Uno è leggermente più amichevole dell’altro e come giocatore ti troverai naturalmente nel mezzo. È tutto un po’ di cattivo gusto, ma vabbè.

Il mondo di Atlas Fallen è molto vasto e ci sono anche moltissime conoscenze per i giocatori che amano esplorarne ogni angolo. Grazie alla speciale tecnologia del sand-gliding, puoi anche percorrere molte distanze, soprattutto se di tanto in tanto utilizzi anche delle corse veloci.

Deck13 Interactive è anche abbastanza intelligente da spezzare il mondo aperto in parti separate qua e là. A volte incontrerai una schermata di caricamento, ma questo è trascurabile. Queste schermate di caricamento erano sorprendentemente lunghe su PS5, anche quando siamo morti e abbiamo dovuto ricaricare il gioco, per esempio. Non siamo abituati ad aspettare dieci secondi prima di poter tornare al lavoro.

Quindi c’è molto da sperimentare nel mondo, perché oltre alle missioni principali ci sono anche molte missioni secondarie, collezionabili e piccole cose che puoi fare per raccogliere più essenza. Hai quindi bisogno di questa essenza per effettuare tutti i tipi di aggiornamenti.

READ  "Samsung Galaxy Watch 6 Pro ha una lunetta girevole ed è disponibile in due dimensioni"

Coloro che hanno già visto alcuni degli elementi visivi di Atlas Fallen potrebbero aspettarsi che il combattimento del gioco sia veloce e fluido, ma quelle persone torneranno a casa da un giro a ossa nude. La lotta è lenta e in qualche modo poco pratica. Tuttavia, il gioco vuole incoraggiarti a giocare in modo offensivo, perché crei slancio in modo da infliggere più danni e puoi anche usare più abilità.

Recensione |  Atlas Fallen ti lascia scivolare un po' di sabbia tra le dita

Dopotutto, puoi equipaggiare vari aggiornamenti che diventano disponibili man mano che guadagni più slancio. La tua barra di slancio è divisa in tre parti, quindi puoi scatenare più poteri offensivi o difensivi passo dopo passo. Alcuni funzionano passivamente, mentre altri possono essere attivati ​​dal giocatore. Man mano che guadagni più slancio, anche le tue armi cambiano aspetto e quindi devi attaccare in modo leggermente diverso.

I nemici di solito hanno punti deboli che devi attaccare per abbatterli, ma anche questo sistema è traballante. Se rompi un punto debole in quel modo, non significa nulla per il potere d’attacco dei nemici. Continuano a fare la stessa cosa. Ad esempio, hai una specie di scorpione gigante, in cui, ovviamente, la coda è un punto debole. Se lo attacchi completamente e rompi il punto debole, può comunque attaccare con questa coda.

Recensione |  Atlas Fallen ti lascia scivolare un po' di sabbia tra le dita

Quindi le vulnerabilità sembrano un modo per prolungare artificialmente i combattimenti. Ciò che è anche fastidioso è che spesso danneggia solo quei punti. Se la coda di questo scorpione, che pende alta nell’aria, è l’unico punto in cui può colpirti, devi eseguire acrobazie rapide per raggiungerlo, pur rimanendo vulnerabile. E per completare il quadro, i grandi nemici tendono a evocare mostri volanti per rendere la tua vita ancora più miserabile.

READ  Il capo della NASA avverte: "Siamo in una corsa allo spazio con la Cina, che potrebbe rivendicare il territorio sulla luna"

Ovviamente è sempre possibile essere cattivi nei combattimenti, ma abbiamo tutti la sensazione che manchi molta fluidità per rendere Atlas Fallen un gioco di combattimento davvero divertente.

Recensione |  Atlas Fallen ti lascia scivolare un po' di sabbia tra le dita

Infine, la nostra più grande frustrazione con il combattimento. Più di una volta ci sono stati momenti in cui il gioco non rispondeva quando premevamo un pulsante. Eccoti nel bel mezzo di un attacco senza fare nulla. Poiché combattere è anche una grande punizione, di solito puoi dimenticartene.

Visivamente, Atlas Fallen non sembra male, ma il gioco soffre molto di pop-up e texture che si caricano in ritardo. È un vero peccato, perché il gioco ha uno stile visivo davvero piacevole. Il paesaggio sabbioso è impressionante e i diversi insediamenti e città danno un’atmosfera appena sufficiente. Ma tutto questo è in qualche modo negato dalle prestazioni del gioco.