QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le “stagioni” su Marte potrebbero aver dato alla vita sul nostro pianeta vicino il suo primo impulso

Le “stagioni” su Marte potrebbero aver dato alla vita sul nostro pianeta vicino il suo primo impulso

Gli scienziati hanno scoperto modelli su Marte che incontreresti sulla Terra nel fango secco, hanno scritto mercoledì nel diario natura.

La miscela di croste di sale e fessure di fango che hanno scoperto potrebbe essersi verificata solo con la rapida alternanza di periodi umidi e asciutti. Pertanto, la scoperta rivela che Marte potrebbe aver avuto stagioni e aiuta gli scienziati a ricostruire la storia geologica del Pianeta Rosso. Un pianeta, nelle profondità della storia cosmica, potrebbe essere stato un’oasi blu adatta all’emergere della vita.

lago poco profondo

La nuova scoperta proviene dalle immagini della fotocamera e dai dati di misurazione raccolti dal rover senza pilota della NASA, che si è tuffato nel cratere Gale esattamente 11 anni fa lo scorso fine settimana. Lì, il rover sta studiando i depositi d’acqua precedentemente individuati da un satellite di Marte.

Gale Crater si è formato quando un grande meteorite ha colpito Marte tra 3,8 e 3,6 miliardi di anni fa. L’impatto ha creato un profondo buco nella crosta terrestre, lanciando pietre e terra intorno al buco. Con questa nuova scoperta, i ricercatori possono determinare come progredisce. Ad esempio, Marte potrebbe aver avuto un’atmosfera, nuvole e pioggia per milioni di anni.

Sul pianeta acquatico Marte, un fiume si è fatto strada fino al bordo di Gale, secondo lo scenario ricostruito dai ricercatori. Una cascata temporanea ha riempito un lago poco profondo nel cratere. La sabbia e il fango dell’entroterra venivano lentamente trascinati nel lago. Quando le piogge cessarono, il lago si prosciugò e il fango si spaccò.

Finché il fiume non ha ripreso a scorrere. Durante i successivi miliardi di anni, Marte perse quasi tutta la sua atmosfera e il lago si prosciugò definitivamente. Il sedimento è stato eroso e divorato dai dolci venti marziani. È stato lasciato un tumulo di sedimenti, che è stato chiamato “Mount Sharp”. Curiosity scala questa collina dal 2014.

necessario per la vita

William Rabin, un geologo planetario e autore principale dello studio, pensa che sia probabile che il clima marziano nel suo insieme abbia sperimentato cicli così umidi e secchi. “Dopo tutto, ci sono molti crateri che contengono sedimenti simili”. Il motivo principale per cui Curiosity ha svolto ricerche a Gale era perché era il posto migliore in cui il veicolo poteva atterrare ed esplorare immediatamente una grande pozza di sedimenti. Rabin: “C’è circa un chilometro di sedimenti esposti qui, il risultato di milioni di anni di acqua corrente”.

Wilhelm Hack della Radboud University, che non era coinvolto nello studio, ha definito il risultato sorprendente. “Sulla Terra ci sono le placche tettoniche, quindi tutto è già stato spinto dal basso verso l’alto e non sono rimasti sedimenti da prima che ci fosse la vita. Ora li abbiamo su Marte”.

Hack, che studia come è nata la prima vita sulla Terra nella sua ricerca, considera il ciclo ora scoperto essenziale per il precursore chimico della vita: “evoluzione prebiotica”, in gergo. Potrei mettere particelle di vita in un vaso sulla mia scrivania, ma poi la vita non esploderebbe per milioni di anni. Questi cicli bagnato-asciutto sono un esempio di un ambiente in continua evoluzione. Milioni di volte prima, poi l’altra reazione. È così che la vita potrebbe essere sorta su Marte.

READ  Presto anche le colonne sonore dei film saranno generate dall’intelligenza artificiale